L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 febbraio 2022

Posta - Avevo versato i soldi dovevano solo essere accreditati sul conto ma rifiutandomi di dire e di mostrare se avevo il passaporto, l'operazione non è potuta essere eseguita, l'impiegato ha detto, anche se non aveva titolo, di non vedere l'inoculazione e non poteva terminare l'operazione. Cosa c'entra questo con il contenimento dell'influenza covid? E' solo atto discriminatorio dettato dai decisori politici

La libertà è diventata “deroga rilasciata per grazia del Potere”

INNESTO MORTALE
Uriel Crua

Si parla a gran voce delle “riaperture” negli altri Paesi Europei, in particolar modo di quelle in Danimarca dove la vita “è tornata a quella del 2019”. Ossia: niente lasciapassare, niente mascherelle. Niente di niente.

Ma facciamo attenzione a questo genere di proclami, perché in fondo si tratta sempre e soltanto di concessioni subordinate a un meccanismo di controllo di tipo sanitario. Il ragionamento è pressappoco il seguente: “visto che il patogeno è meno pericoloso, meno presente, non attacca i giovani etc, allora possiamo concedere una riapertura”.

Questo modus operandi è assai pericoloso perché connota una ormai consolidata accettazione del meccanismo di coercizione: apro quando lo dico io, e voi uscite dai recinti; chiudo se la Scienzah lo dice, e voi tornate nei recinti. L’innesto mentale è riuscitissimo, e nessuno se ne accorge ma anzi si plaude alla “civiltà” dei popoli del Nord [che pure in certi casi riuscirono persin peggiori di noi]

La vera vittoria invece sarebbe sì riaprire, ma scolpendo nella pietra – pena ergastolo per alto tradimento, se non altro – che MAI più vengano così fortemente compressi i diritti della cittadinanza al cospetto di una emergenza più o meno assodata. La vera vittoria sarebbe sì riaprire, ma perché si è riconosciuta nella gestione degli ultimi anni una metodologia dichiaratamente criminale che deve essere sancito non venga MAI più percorsa. Nemmeno pensata.

Ecco, questa sarebbe – come minimo – la via da intraprendere. Non sono “buoni” perché li fanno tornare in discoteca. Non sono “buoni” perché riconoscono che adesso il patogeno è meno pericoloso. Sono soltanto opportunisti che tentano di candeggiarsi il profilo pubblico, prima di tornare a bastonare il prossimo inverno.

Servirebbero almeno – come minimo – scuse pubbliche da parte dei mezzi di comunicazione, dei politicanti, delle forze dell’ordine. Dimissioni di massa e processi per alto tradimento .

Altrimenti è solo un altro giro di giostra per illusi.

***

🔗 Unisciti al canale privato di Uriel Crua https://t.me/joinchat/lUsN4U4uBKNmOTA0

🔺 Segui Uriel Crua su facebook https://www.facebook.com/urielcrua/

Da  Repubblica:

Covid, Locatelli: “Obbligo di vaccino e Super Green Pass restino anche dopo il 30 giugno”

Il coordinatore del Cts chiede di prolungare le misure oltre la scadenza della legge attuale. “Avremo una primavera e un’estate tranquille, e non è detto che a ottobre la situazione tornerà critica. Il virus non se ne andrà, ma non ci ritroveremo in una situazione più difficile di quelle che abbiamo vissuto”

Locatelli ha interessi   con Pfizer:

“Il Green Pass verrà mantenuto, e trasformato in patente etica, utilizzabile a discrimine dei potenti per lasciarci accedere, bontà loro, alle libertà di cui abbiamo diritto” (cit).

APPELLO CHE RIMARRÀ INASCOLTATO.
SE VOLETE SALVARE L’ECONOMIA E LA VOSTRA STESSA ATTIVITÀ:

Stanno distruggendo bla nostra economia sotto i nostri occhi e tanti, purtroppo, applaudono…
SENZA CAPIRE.

Pensate che non permettere a chi non sia in regola con il green-pass di entrare in posta o in banca, sia pensato per vessare i No-Vax?
No, cari!
E’ pensato per decimare i dipendenti delle poste, delle banche, dei servizi pubblici e per spostare tutto, il più possibile, online.

Pensate che l’obbligo di green-pass per i ristoranti e i bar sia pensato per vessare i No-Vax?
No, cari!
E’ pensato per far fallire 80.000 tra ristoranti, bar, palestre, centri estetici, parrucchieri e… da qui all’estate.

Pensate che il permettere l’acquisto di certi beni solo ai possessori di green-pass sia pensato per vessare i NO-Vax?
No, cari!
E’ pensato per spostare sempre più gli acquisti dai negozi fisici a piattaforme tipo Amazon e far fallire i negozi: la moneta scomparirà più velocemente e TUTTO sarà “controllato”

In breve, cari Italiani, questi DPCM non sono pensati per vessare i No-Vax, ma
per FREGARE TUTTI!

Volete salvare il posto di lavoro?
Non controllate i green pass a nessuno!
Un greenpass che non ha nessun fondamento sanitario visto che si è dimostrato che i vaccinati si contagiano quanto i non vaccinati.
NON DISCRIMINATE!
Fate entrare tutti negli uffici pubblici, nei ristoranti, nei locali!
Lasciate che chiunque acquisti tutto ciò che desidera!
Loro non hanno i mezzi per esercitare controlli capillari!

Schieratevi dalla parte degli Italiani.
Avete visto cosa ha fatto Speranza ai medici per “tachipirina e vigile attesa”?
Gli ha fatto fare il lavoro sporco e poi LI HA VENDUTI!
Volete fare la stessa fine dei medici… o vi accontentate delle “briciole”?
Aspettando risarcimenti, fallirete… Falliremo tutti!

Recuperate in fretta UMANITÀ e BUON SENSO.”

Gianluca Marletta

Una frase sospetta.

Da Agence France Presse:

Covid-19: l’Europa sta vivendo una tregua paragonabile a un “cessate il fuoco”, afferma l’OMS

La pandemia di coronavirus “non è finita” ma l’Europa sta vivendo una tregua paragonabile a un “cessate il fuoco”, ha stimato giovedì 3 febbraio l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), precisamente Hans Kluge, direttore  dell’OMS per l’Europa, durante una conferenza stampa in linea.

I 53 paesi della regione stanno vivendo da diverse settimane un’esplosione nel numero di contaminazioni legate alla comparsa della variante Omicron. La situazione sanitaria è però considerata meno allarmante perché, anche se molto contagiosa, questa variante porta a forme meno gravi della malattia.

Nuove varianti “appariranno inevitabilmente” ma “è possibile rispondervi” senza riutilizzare “il tipo di misure dirompenti di cui avevamo bisogno prima”, stima Hans Kluge. Tuttavia, ha avvertito che la tregua sarebbe durata solo se le campagne di vaccinazione e il monitoraggio delle nuove varianti fossero continuate, mentre diversi paesi europei stavano allentando notevolmente le loro restrizioni sanitarie

Insomma: non v’illudete, ne arriverà una nuova. Continuate a vaccinarvi (con un “vaccino” che non raegisce a Omicron…) perché non è finita.

Il Financial Times già se lo domanda:

Dove e quando colpirà la prossima pandemia?

I funzionari sanitari sono in guardia, i fondi dei filantropi sono anche pronti, ma resta incerta la provenienza della prossima emergenza

https://www.maurizioblondet.it/la-liberta-e-deroga-rilasciata-per-grazie-del-potere/

Nessun commento:

Posta un commento