L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 23 febbraio 2022

Principio dell'indivisibilità della sicurezza

Il discorso (COMPLETO) di Putin chiarisce al mondo che la Russia propone un’alleanza mondiale di ogni paese per liberarsi dal giogo oligarchico.
Maurizio Blondet 22 Febbraio 2022

Il discorso (TESTO COMPLETO) di Putin chiarisce al mondo che la Russia propone un’alleanza mondiale di ogni popolo e paese per liberarsi dal giogo oligarchico.

Lo stesso giorno Trump lancia il suo TrumpTruth che potenzialmente annulla il dittatoriale monopolio oligarchico sull’informazione.

Non sembra che molti governi siano disposti a mandare i loro paesi a fare la guerra per la cricca oligarchica. I paesi europei si fanno i conti in tasca: vogliamo aiutare questa oligarchia satanica a mettere a ferro e fuoco l’Europa? A tagliare i rifornimenti energetici? A un’altra escalation di miseria e soggiogazione, dopo l’incubo COVID preparato a tavolino?

Oppure vogliamo unirci a Putin, alle forze di Trump, maggioritarie negli USA, ai tanti focolai di resistenza e contrattacco che stanno emergendo in tutto il mondo?

Sempre più leader e genti seguono la voce profetica dell’Arcivescovo Carlo Maria Viganò: contro l’assalto globale, l’umanità deve rispondere globalmente!

(u.)

TESTO COMPLETO IN ITALIANO . Il discorso del presidente Putin per annunciare ai russi la decisione di riconoscere l’indipendenza delle repubbliche del Donbas.


Discorso del Presidente della Federazione Russa 21 febbraio 2022 Cremlino, Mosca
Discorso del Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin:

Cittadini della Russia, amici, Il mio discorso riguarda gli eventi in Ucraina e perché questo è così importante per noi, per la Russia. Naturalmente, il mio messaggio è rivolto anche ai nostri compatrioti in Ucraina. La questione è molto seria e deve essere discussa in profondità. La situazione nel Donbass ha raggiunto una fase critica e acuta. Mi rivolgo direttamente a voi oggi non solo per spiegarvi cosa sta succedendo, ma anche per informarvi delle decisioni prese e dei possibili passi successivi. Vorrei sottolineare ancora una volta che l’Ucraina non è solo un paese vicino per noi. È una parte inalienabile della nostra storia, cultura e spazio spirituale. Questi sono i nostri compagni, le persone a noi più care – non solo colleghi, amici e persone che hanno servito insieme, ma anche parenti, persone legate dal sangue, dai legami familiari. Da tempo immemorabile, le persone che vivono nel sud-ovest di quella che storicamente è stata la terra russa si chiamano russi e cristiani ortodossi. Questo era il caso prima del XVII secolo, quando una parte di questo territorio si è riunita allo stato russo, e dopo. Ci sembra che, in generale, tutti conoscano questi fatti, che questo sia un sapere comune. Tuttavia, è necessario dire almeno qualche parola sulla storia di questa questione per capire ciò che sta accadendo oggi, per spiegare i motivi delle azioni della Russia e ciò che si vuole ottenere. Quindi, inizierò con il fatto che l’Ucraina moderna è stata interamente creata dalla Russia o, per essere più precisi, dalla Russia bolscevica e comunista. Questo processo iniziò praticamente subito dopo la rivoluzione del 1917, e Lenin e i suoi soci lo fecero in un modo che fu estremamente duro per la Russia – separando, separando quella che è storicamente terra russa. Nessuno ha chiesto ai milioni di persone che vivevano lì cosa ne pensassero. Poi, sia prima che dopo la Grande Guerra Patriottica, Stalin incorporò nell’URSS e trasferì all’Ucraina alcune terre che prima appartenevano a Polonia, Romania e Ungheria. Nel processo, diede alla Polonia parte di ciò che era tradizionalmente terra tedesca come compensazione, e nel 1954, Krusciov tolse la Crimea dalla Russia per qualche motivo e la diede anche all’Ucraina. In effetti, è così che si è formato il territorio della moderna Ucraina. Ma ora vorrei concentrare l’attenzione sul periodo iniziale della formazione dell’URSS. Credo che questo sia estremamente importante per noi. Dovrò affrontarlo da lontano, per così dire. Vi ricorderò che dopo la rivoluzione d’ottobre del 1917 e la successiva guerra civile, i bolscevichi si misero a creare una nuova entità statale. Avevano disaccordi piuttosto seri tra di loro su questo punto. Nel 1922, Stalin occupava le posizioni di segretario generale del Partito Comunista Russo (bolscevico) e di commissario del popolo per gli affari etnici. Suggerì di costruire il paese sui principi dell’autonomizzazione, cioè dare alle repubbliche – le future entità amministrative e territoriali – ampi poteri al momento di unirsi a uno stato unificato.

Lenin criticò questo piano e suggerì di fare concessioni ai nazionalisti, che allora chiamava “indipendenti”. Le idee di Lenin su ciò che equivaleva in sostanza a un ordinamento statale confederativo e uno slogan sul diritto delle nazioni all’autodeterminazione, fino alla secessione, furono poste alla base della statualità sovietica. Inizialmente furono confermati nella Dichiarazione sulla formazione dell’URSS nel 1922, e in seguito, dopo la morte di Lenin, furono sanciti nella Costituzione sovietica del 1924. Questo solleva immediatamente molte domande. La prima è davvero la principale: perché era necessario placare i nazionalisti, soddisfare le ambizioni nazionaliste incessantemente crescenti alla periferia dell’ex impero? Che senso aveva trasferire alle nuove unità amministrative, spesso formate arbitrariamente – le repubbliche di unione – vasti territori che non avevano nulla a che fare con loro? Permettetemi di ripetere che questi territori furono trasferiti insieme alla popolazione di quella che era storicamente la Russia. Inoltre, a queste unità amministrative fu dato de facto lo status e la forma di entità statali nazionali. Questo solleva un’altra domanda: perché è stato necessario fare regali così generosi, al di là dei sogni più sfrenati dei nazionalisti più zelanti e, per di più, dare alle repubbliche il diritto di secedere dallo stato unificato senza alcuna condizione? Le decisioni che stiamo prendendo sui possibili passi in questo senso non si verificano fino al XVII secolo, quando una parte di questi territori si ricongiunse all’Impero russo, lo Stato russo, e offerto che sembra che sappiamo tutto su thiTo iniziare, Vorrei affermare che l’Ucraina moderna è stata completamente creata dalla Russia, più precisamente dalla Russia bolscevica parzialmente comunista, quasi subito dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 e la guerra civile che seguì. Stalin, che era segretario generale del partito comunista sovietico e commissario del popolo per i matrimoni etnici nel 1922, decise di costruire il paese sui principi dell’autonomia, anche se a prima vista, sembra folle, ma dopo la rivoluzione, l’obiettivo principale dei bolscevichi era quello di mantenere il potere e rimanere al potere ad ogni costo, e sono andati a qualsiasi lunghezza per firmare condizioni umilianti della verità seno.  Ora, posso solo dire che le idee delle realtà politiche attuali, per quanto benefiche possano apparire, non dovrebbero mai essere usate per costruire uno stato. Ma l’infezione del nazionalismo che stava minando questo stato non è andata via, e stava solo aspettando che arrivasse la sua ora perché, ancora una volta, la leadership del partito comunista, invece di analizzare la situazione e prendere decisioni ponderate nell’economia e nel sistema politico, nel sistema di governo, parlava solo di ripristinare i principi di autodeterminazione nazionale. Allo stesso tempo, pur rubando al popolo, il nostro paese ha cercato di aiutare i partner della CSI, compresi quelli ucraini. Il profitto totale del bilancio ucraino dal 1991 al 2013 è stato di circa 250 miliardi di dollari. Secondo le stime degli esperti, il debito totale dell’URSS di fronte agli altri stati nel fondo internazionale era di circa 100 miliardi di dollari. Di conseguenza, Maidan non ha avvicinato l’Ucraina alla democrazia. Il paese è diviso, e sta vivendo una grave crisi economica. Secondo le stime delle organizzazioni internazionali, quasi 6 milioni di ucraini, o quasi il 15% della popolazione capace, hanno perso il lavoro nel 2018. Queste industrie una volta erano l’orgoglio dell’Unione Sovietica. La povertà e la perdita del potenziale industriale e tecnologico è che la scelta filo-occidentale che è stata messa nella testa del popolo da anni ormai è che, in realtà, tutto si riduce al fatto che il crollo dell’economia ucraina va di pari passo con la rapina del popolo ucraino. È perpetrato non solo dalle istruzioni dell’occidente ma anche localmente da una rete di consulenti stranieri, ONG e altre istituzioni dislocate in Ucraina. Essi hanno un’influenza diretta su tutte le decisioni importanti a tutti i livelli di governo, dal centro fino al municipio. Influenzano le principali corporazioni statali. Il complesso ferroviario ed energetico ucraino post amministrazione dei porti marittimi dell’Ucraina non ha più un sistema giudiziario indipendente, diritto preferenziale di scegliere i membri della legislazione suprema, e l’ambasciata degli Stati Uniti controlla direttamente l’agenzia nazionale sulla prevenzione della corruzione. Ok, ma dove sono i risultati perché la corruzione persiste ed è peggiorata? Gli ucraini ci credono? Cosa pensa di queste opzioni? Capiscono che il loro paese non è più nemmeno un protettorato, ma una colonia con dei burattini? La privatizzazione dello stato ha portato al fatto che le autorità che si dicono patriote non hanno il potere di assimilare i russofoni con la forza. Stanno adottando decreti sempre più discriminatori. Ora hanno una legge sulle nazioni native. A quelle persone che si ritengono russe viene detto di sapere che non appartengono all’Ucraina. Secondo le leggi sull’educazione e sulla lingua ucraina come lingua di stato, la lingua russa viene cacciata dalle scuole e da tutti gli spazi pubblici, compresi i negozi. La cosiddetta legge sull’illustrazione Conosciamo la triste pratica delle sanzioni unilaterali illegittime contro altri stati da parte di individui e persone giuridiche straniere, e in Ucraina sono andati anche oltre i loro partner occidentali. Si sono inventati uno strumento come le sanzioni contro i loro stessi cittadini, entità, media e membri del parlamento. Se si stanno preparando contro la chiesa ortodossa russa, e questa non è una stima emotiva, abbiamo certi documenti, abbiamo decisioni che parlano di questo. Hanno cinicamente trasformato la scissione della chiesa di Kiev in uno strumento di politica nazionale. L’attuale leadership del paese non reagisce alle richieste del popolo di cancellare le leggi che minano i diritti dei credenti, e ora fanno adottare di nuovo nuove leggi. La Chiesa ortodossa ucraina ed io vorremmo parlare separatamente della Crimea. La popolazione della penisola di Crimea ha fatto la sua scelta. Le autorità ucraine non hanno nulla da dire su questo. Ecco perché hanno scommesso sull’aggressione utilizzando cellule di estremisti, comprese le organizzazioni radicali islamiche, che non sono mai state utilizzate per costruire uno stato. Secondo le stime degli esperti, il debito totale dell’URSS di fronte agli altri stati nel fondo internazionale era di circa 100 miliardi di dollari. Di conseguenza, Maidan non ha avvicinato l’Ucraina alla democrazia. Il paese è diviso e sta vivendo una grave crisi economica. 

. Mandano cimiteri per distruggere infrastrutture vitali. Rapiscono i cittadini della Russia. Abbiamo le prove. Abbiamo le prove che tali attività aggressive sono perpetrate con l’appoggio di servizi speciali stranieri. Nel marzo del 2021, l’Ucraina ha adottato una nuova strategia militare basata sulla convinzione che questo documento è quasi completamente finalizzato al confronto con la Russia. Vogliono trascinare gli stati stranieri nel conflitto con il nostro paese. La strategia suggerisce di organizzare la Crimea russa e il Donbass come basi fondamentalmente terroristiche, e delinea anche la possibile guerra. Si suppone che sia il modo in cui gli strateghi ucraini ora pensano con il sostegno della comunità internazionale sulle condizioni vantaggiose per l’Ucraina e anche, come dicono a Cave ora, e sto citando, anche solo ascoltarlo attentamente con il sostegno militare della comunità mondiale e il confronto geopolitico contro la Federazione Russa. Fondamentalmente, questo non è altro che la preparazione del nostro conflitto con la Russia. Abbiamo anche sentito dichiarazioni sulla volontà dell’Ucraina di creare una propria centrale nucleare. Questa non è solo una minaccia oziosa. L’Ucraina ha davvero la tecnologia nucleare e i vettori per consegnare tali armi dai tempi dell’Unione Sovietica. Hanno toccato lanciatori che sono stati anche progettati in Unione Sovietica. Hanno una portata di più di 100 chilometri, e possono aumentarla. È solo una questione di tempo. Hanno ancora questa tecnologia dei tempi sovietici. Quindi, ottenere armi nucleari tattiche sarà molto più facile per l’Ucraina che per certi altri stati. Non ho intenzione di elencare gli stati che ora stanno facendo ricerche in questo senso, soprattutto se hanno un supporto tecnologico dall’estero. E questo non possiamo escluderlo. Se l’Ucraina ha un’arma di distruzione di massa, la situazione nel mondo cambierà drasticamente, soprattutto per noi, Russia e Ucraina. Non possiamo fare a meno di reagire a questa minaccia reale, soprattutto perché vorrei ritrattare che i finanziatori occidentali possono aiutare l’Ucraina a ottenere quest’arma per creare un’altra minaccia al nostro paese, perché possiamo vedere come costantemente stanno pompando l’Ucraina con armi di distruzione di massa. Negli ultimi mesi sono state inviate armi occidentali all’Ucraina, davanti a tutto il mondo, e le attività dell’esercito ucraino sono governate da consulenti stranieri. Sappiamo bene che l’anno scorso, con la scusa dei giochi di guerra, i contingenti militari dei paesi della NATO sono stati schierati in Ucraina. L’esercito ucraino è già integrato nella Nato, il che significa che le unità ucraine sono già state approvate direttamente dal quartier generale della Nato. L’Occidente ha iniziato a esplorare il territorio dell’Ucraina come teatro di azione militare sul futuro campo di battaglia, e punta contro la Russia. Solo l’anno scorso aveva più di 20 mila truppe e più di mille. Hanno già adottato la legge per permettere alle loro truppe straniere di entrare nel territorio dell’Ucraina per partecipare ai giochi di guerra. In primo luogo, si riferisce alle truppe della NATO, di cui non meno di dieci sono previste per quest’anno. La rete di campi d’aviazione di Brisbane, Ivana, Francops, e così via può essere utilizzata per schierare le truppe nel più breve tempo possibile. Il centro operativo navale, costruito dagli americani su un pezzo di terra che permette alle navi della NATO di usarlo come porto e permette loro di usare armi di alta precisione contro la Marina del Mar Nero e tutta la nostra infrastruttura sulla costa del Mar Nero, ha avuto un nome. Senza questo nome, ora vogliono dimenticarlo, così come vogliono dimenticare le gesta dei famosi comandanti, senza i quali la stessa Ucraina non avrebbe accesso al Mar Nero. Recentemente, a Poltava, hanno demolito il monumento al valore di Alessandro. Beh, cosa posso dire? State rinunciando al vostro cammino. Bene, la cosiddetta eredità coloniale dell’impero sovietico può essere coerente allora. In altre parole, se l’Ucraina entrasse nella Nato, costituirebbe una minaccia diretta alla sicurezza della Russia. Vorrei ricordare che nell’aprile del 2018, al vertice di Bucarest dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, gli Stati Uniti hanno costretto questi membri a prendere la decisione che gli stati dovevano entrare nella Nato.

Molti alleati europei avevano già capito tutti i rischi di un tale passo, ma hanno dovuto sottometterli alla volontà dei loro partner più anziani perché gli americani li hanno usati per perseguire l’Antartide. Stiamo ricevendo un segnale da alcuni membri della NATO che sono ancora scettici sull’ingresso dell’Ucraina nella NATO. Dicono: “Allora, di cosa ti preoccupi? Non accadrà domani. E ora le loro controparti americane stanno dicendo lo stesso. Noi diciamo: “Ok, non succederà domani, ma cosa cambierà nel contesto storico? Hanno insistito per aumentare il potenziale di sicurezza collettiva che doveva essere schierato contro la Russia. Più di questo, dirò qualcosa che non ho mai detto in pubblico prima. L’ho detto per la prima volta nel 2000, quando il presidente Clinton era in visita a Mosca alla fine del suo mandato, e gli chiesi come l’America vedeva la Russia entrare nella Nato. Lo si può vedere nei loro passi pratici per quanto riguarda il sostegno aperto del nostro paese ai terroristi e alle aree di sicurezza che si ritirano dai trattati, dai trattati sulle armi, e così via. Come risultato, la loro infrastruttura militare dell’alleanza si è avvicinata molto ai confini della Russia. Questa è una delle ragioni della crisi di sicurezza. Come risultato, l’intero sistema di relazioni internazionali è stato colpito. La situazione continua a peggiorare nelle aree strategiche, così come in Romania e Polonia, nell’ambito del progetto statunitense di dispiegare sistemi difensivi antimissile. Sappiamo tutti che i lanciatori dispiegati lì possono essere utilizzati per missili da crociera. Gli Stati Uniti stanno anche sviluppando sei missili standard che non solo possono essere usati come strumento difensivo antimissile, ma possono colpire obiettivi. Stanno espandendo le loro infrastrutture e sviluppando nuove capacità offensive dalle informazioni che riceviamo. Abbiamo tutte le ragioni per credere che l’ulteriore dispiegamento dei siti e delle strutture dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico Questa decisione è già stata presa; è semplicemente una questione di tempo. Comprendiamo chiaramente che, in questo scenario, il livello di minaccia militare per la Russia sarà moltiplicato. Vorrei richiamare ancora una volta la vostra attenzione sul fatto che nella dottrina del documento strategico americano ci sarà una maggiore minaccia di attacco immediato contro il nostro paese. C’è questa possibilità di lavoro preventivo contro i complessi missilistici dell’avversario, che è il principale avversario di T. Siamo tutti consapevoli che la Russia è ufficialmente designata come una delle principali minacce alla sicurezza del Nord Atlantico nei documenti della NATO. Come hanno fatto in precedenza quando hanno ampliato la NATO verso est, spostando infrastrutture e infrastrutture militari più vicine ai nostri confini, ignorando le nostre proteste e i nostri avvertimenti, hanno semplicemente fatto tutto ciò che hanno ritenuto necessario e opportuno, e credo che intendano continuare a farlo perché ci vedono come cani che lavorano alla carovana, cosa che non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai. Ricordate come è finita? Quasi ogni giorno, bombardiamo gli insediamenti a Donbass. Hanno … grandi truppe. Usano veicoli offensivi senza pilota per torturare le persone, compresi bambini, donne e anziani. Non si ferma, non cessa, non ne vediamo la fine e i nostri colleghi occidentali si proclamano gli unici rappresentanti di questo mondo libero. Preferiscono non accorgersi di questo, come se non ci fosse nulla di simile, nessun genocidio perpetuato contro quasi 14 milioni di persone, e l’unica ragione è che queste persone non hanno voluto appoggiare il kudut 2014; si sono opposte al movimento nazionalista, al movimento verso il nazionalismo. Per quanto tempo può andare avanti così? Abbiamo lavorato duramente per applicare la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 2202 che ha approvato gli accordi di Minsk sulla risoluzione della situazione nel passato, ma tutto è stato inutile.

Cambiano i presidenti, cambiano i parlamentari, ma l’idea di un regime aggressivo rimane lo stesso regime che ha preso il potere a Kiev, creato dal colpo di stato del 2014.

Nessun commento:

Posta un commento