L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 24 marzo 2022

Accanimento terapeutico inaudito e inedito, una volontà di perseguire in tutte le maniere chi non vuole inocularsi, appare un disegno perseguito con tenacia dai governanti in cui non c'è possibilità di scelta dei governati, Perché? e non mi dite che è una questione sanitaria

E non crediate che abbiano dimenticato il Green Pass
Maurizio Blondet 23 Marzo 2022

Comedonchsciotte:

Per la virologa Ilaria Capua la pandemia è tutt’altro che finita

Probabilmente sapete già di Rafael Nadal, testimonial volonteroso del vax: “Quando respiro e mi muovo è come un ago tutto il tempo. Mi vengono le vertigini perché è doloroso. È un tipo di dolore che mi limita molto.”

E anche del ciclista:


Il campione d’Italia si accascia dopo il traguardo della prima tappa. Portato in ospedale

ma qualcuno di questi può esservi sfuggito:

Secondo il racconto dei presenti, il ragazzo durante il corso della serata avrebbe chiesto di mettersi in porta poiché si sentiva molto stanco. Da lì a poco si sarebbe accasciato a terra


Samuel Carletti, residente a Selva di Volpago del Montello, era un appassionato di culturismo. Probabilmente verrà disposta l’autopsia per accertare le cause del decesso


🖤 Senza soluzione di continuità 🖤

🌑Napoli, Yuri è morto a 29 anni per un malore improvviso: era diventato da poco papà

🌑Barista muore nel sonno a 37 anni: Romano dice addio a Gigi Lamera – Prima Treviglio

🌑 MALORE ALLA GUIDA DOPO AVER FATTO SERATA. MUORE A 44 ANNI

🌑Dramma alla festa del papà: ingegnere di 48 anni muore per un malore mentre è in bici | G. di Vicenza

🌑Malore mentre è in auto con la moglie, 55enne accosta e muore in autostrada

Napoli, Yuri è morto a 29 anni per un malore improvviso: era diventato da poco papà

La macabra scoperta nella mattinata di mercoledì in un hotel di Miramare, dai primi accertamenti del medico legale si tratterebbe di un malore

In forza all’ospedale di Cittadella e prima a quello di Camposampiero, Bruno Campagnolo lo hanno trovato esanime i famigliari. Il decesso avvenuto durante il sonno




Se vi domandate il perché di tanta ostinazione omicida, ecco a voi la tabella di marcia stipulata a gennaio 2022 per il certificato covid digitale a livello europeo


Nella seconda immagine la tabella di marcia della commissione europea stipulata nel dicembre 2018 (ultima modifica fine 2019) dove nel 2022 sarebbe stato applicato un certificato per la vaccinazione a livello europeo.

(andare nel punto: Tabella di marcia)



Qui c’è un’altra ipotesi sui reali effetti del vaccno, e perché va inoculato a tutti.. Ovviamente non possiamo confermarla: prendetela com una fake news, e abbeveratevi alle fonti scientifiche. Roberto Speranza, David Puente, Mentana….


Presumibilmente trapelato dagli ingegneri di Moderna
Cosa fa davvero il vaccino. Inserisce due geni mutati nella linea germinale del DNA. Uno codifica per l’infertilità della prossima generazione di figli, l’altro interferisce con la produzione di una proteina che sopprime il tumore consentendo al cancro di diffondersi in tutto il corpo dopo un certo numero di anni. cdn.substack.com/image/fetch/f_auto,q_auto:go

Nessun commento:

Posta un commento