L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 12 marzo 2022

Gasolio a 2,50 euro al litro tutti capiscono che è impossibile sostenere il ritmo di vita abituale e l'ansia aumenta, mentre il governo criminale che soffia sul fuoco ucraino gongola e si nutre della Paura&Terrore del popolo italiano

GLI EFFETTI DEL CONFLITTO
Assalto a supermercati e pompe di benzina, in Calabria è psicosi guerra: il reportage fotografico
Nelle ultime ore tantissimi calabresi hanno ceduto all’impulso di fare scorte di cibo e riempire i serbatoi delle proprie auto. Le immagini raccontano di scaffali vuoti e file lunghissime, come durante le prime settimane dell’allarme Covid

di Francesco Spina
11 marzo 2022 20:17


È per caso scoppiata la guerra in Calabria? No, ma la psicosi da accaparramento sta svuotando supermercati e pompe di benzina.

Kiev è distante, in linea d’aria, quasi 1800 km dalla Calabria, circa 3000 qualora si volesse raggiungere la capitale dell’Ucraina in auto, ma l’eco del conflitto è arrivata chiaramente anche nella nostra regione, dove nelle ultime ore in tanti si stanno convincendo e preoccupando a fare scorte di cibo.

Scaffali svuotati

Sembra quasi di rivivere le scene che hanno caratterizzato i primi giorni di lockdown di due anni fa, quando ad essere preso di mira fu soprattutto il lievito di birra. Adesso a fare paura è la guerra. Diversi punti vendita da Cosenza a Reggio Calabria, sono stati letteralmente “assaltati” e svuotati di beni di prima necessità a lunga conservazione. Carrelli pieni dove non mancano le scorte di farina e le forniture d’acqua minerale. Sugli scaffali dei supermercati calabresi, dunque, i prodotti iniziano inevitabilmente a scarseggiare.

In aumento il prezzo di grano e mais

Il conflitto bellico, molto probabilmente farà aumentare nei mesi a venire i prezzi del grano e del mais, ecco perché in tanti stanno preferendo l’acquisto di tali prodotti e derivati. Secondo i dati diffusi da Coldiretti, l’Ucraina ha esportato nell’ultimo anno 25 milioni di tonnellate di grano tenero, e insieme alla Russia detiene quasi il 30% delle esportazioni mondiali. È quindi in grado di influenzare i prezzi a livello internazionale: ecco perché, già nella prima settimana di guerra, il costo del grano tenero è cresciuto del 13%, secondo un report elaborato da Consorzi agrari d’Italia. La psicosi della corsa ai rifornimenti è quindi, non solo locale ma internazionale.

A tutto ciò si va ad unire l’allarme per la protesta degli autotrasportatori, che già negli scorsi giorni avevano bloccato i loro tir causando alcune problematiche logistiche ai supermercati e che lunedì hanno annunciato di incrociare nuovamente le braccia, spegnendo i motori dei loro mezzi per protestare contro il caro carburanti.

Draghi prova a tranquillizzare la popolazione

Nel pomeriggio di oggi il premier Mario Draghi, a conclusione del Vertice informale dei Capi di Stato e di governo dell’Unione Europea, ha parlato anche delle possibili carenze di materie prime a causa del conflitto in Ucraina: «Se la situazione dovesse aggravarsi occorrerà importare da altri paesi - ha detto Draghi -. Tutto questo genera la necessità di una riconsiderazione di tutto l’apparato regolatorio giustificata da questa situazione di emergenza. C’è la convinzione che occorra rivisitare temporaneamente le regole che ci hanno accompagnato in questi anni». Nonostante ciò il presidente del Consiglio ha anche tranquillizzato la popolazione: «Dobbiamo prepararci ma non siamo assolutamente in un’economia di guerra specialmente per gli approvvigionamenti di cose fondamentali come il cibo. Prepararsi non vuol dire che deve avvenire con probabilità 1 sennò saremo già in una situazione di razionamento».

L'assalto alle stazioni di rifornimento

Anche in Calabria le stazioni di rifornimento sono state prese d’assalto, Già nelle ore successive all’invasione russa in Ucraina, il timore di rimanere senza carburante nella propria vettura ha portato gli automobilisti a riversarsi presso le pompe di benzina.

In questo caso, il “panico carburante” è favorito, non solo dalle scorte che secondo molti potrebbero terminare, ma anche dall’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia e dei carburanti, in conseguenza delle sanzioni imposte alla Russia.


Nessun commento:

Posta un commento