L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 marzo 2022

Gli Stati Uniti hanno nei biolaboratori sparsi per il mondo e anche in Ucraina armi di distruzioni di massa e possono usarli incolpando chiunque, Powel/Iraq docet. E la Grande Polonia lo sa continuando a gettare sul fuoco ucraino benzina continuamente. Prima gli aerei adesso le armi chimiche

Polonia, se Putin usasse armi chimiche interverrebbe Nato
Duda, 'in questo momento può fare qualunque cosa'

© ANSA/EPA

Redazione ANSAROMA
13 marzo 202212:22NEWS

(ANSA) - ROMA, 13 MAR - "Se mi state chiedendo se Putin possa usare armi chimiche, penso che Putin possa usare qualunque cosa in questo momento, specialmente quando si trova in una situazione difficile".

Lo ha detto il presidente polacco Andrzej Duda in un'intervista alla Bbc.

Interpellato sulla possibilità che questo possa portare ad un intervento della Nato, Duda ha risposto: "Certo, tutti speriamo che non osi farlo. Ma...se usasse armi di distruzione di massa, questo sarebbe un cambio di gioco completo". (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento