L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 3 marzo 2022

I russi entrano a Kherson e Kharkiv

Guerra Russia-Ucraina: i russi intensificano gli attacchi
-2 Marzo 2022


I russi intensificano gli attacchi nella guerra Russia-Ucraina. Le forze armate russe hanno preso il controllo di Kherson e sono entrate a Kharkiv.

Guerra Russia-Ucraina: cosa sta succedendo?

È stata un’altra notte di missili in Ucraina. Lo Stato Maggiore delle Forze armate ucraine ha riferito che “le forze russe stanno cercando di avanzare in tutte le direzioni, ma trovano resistenza dell’esercito ucraino e stanno subendo perdite”. “Visto l’insuccesso della loro avanzata, i russi continuano a bombardare e sferrare attacchi missilistici su infrastrutture cruciali al fine di intimidire la popolazione civile. Il morale del nemico e la sua volontà di vincere stanno rapidamente declinando a causa della solida difesa delle nostre truppe. Gli occupanti hanno subito perdite in tutte le direzioni”, ha aggiunto l’esercito ucraino.

I russi entrano a Kherson e Kharkiv

Intanto, secondo screenshot pubblicati sui social media e un video riportato dalla CNN, l’esercito russo avrebbe perso il centro di Kherson. Le truppe russe hanno sequestrato il porto e la stazione ferroviaria di Kherson. Il ministero della Difesa russo ha riferito che le forze armate russe hanno confermato di aver preso il pieno controllo di Kherson. Le forze russe sono entrate anche a Kharkiv. L’esercito ucraino ha riferito che a Kharkiv le truppe russe hanno attaccato un ospedale in un centro militare.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Unian, un razzo russo ha colpito il quartier generale della polizia a Kharkiv. Inoltre è stato colpito da un attacco missilistico anche l’edificio sede del dipartimento degli Interni regionale, che risulta completamente distrutto. Sarebbe in fiamme anche l’edificio della facoltà di sociologia dell’Università nazionale Karazin, che si trova di fronte al dipartimento. A Kharkiv i razzi russi avrebbero anche colpito un’accademia militare. Il governatore della regione, Oleg Synegubov, ha riferito che almeno 21 persone sono morte e 112 ferite nei bombardamenti a Kharkiv.

Nessun commento:

Posta un commento