L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 21 marzo 2022

Il nazista Zelensky con il paese in fiamme dove non vige nessun tipo di dialettica ma solo quella della sopravvivenza di vietare a 11 partiti di fare politica, è fuori di testa

Perché l’Ucraina è il modello di democrazia

Maurizio Blondet 21 Marzo 2022

Zelensky vieta 11 partiti politici

Il presidente ucraino afferma che i partiti di opposizione hanno legami con la Russia

Di Jack Phillips 20 marzo 2022 – Aggiornato: 20 marzo 2022

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha annunciato una misura che vieta 11 partiti politici di opposizione, sostenendo che hanno legami con la Russia, ha annunciato in un video di Telegram pubblicato il 20 marzo.

“Qualsiasi attività dei politici finalizzata alla scissione o alla collaborazione non avrà successo”, ha affermato.

Zelensky ha anche affermato che “il tempo di guerra espone abbastanza bene la scarsità di ambizioni personali di coloro che cercano di mettere le proprie ambizioni” o “il proprio partito o la propria carriera al di sopra degli interessi dello stato”, secondo una traduzione.

I partiti che sono stati banditi, ha detto, includono “Piattaforma di opposizione: per la vita, Partito di Sharij, Nashi, Blocco di opposizione, Opposizione di sinistra, Unione delle forze di sinistra, Derzhava, Partito socialista progressista ucraino, Partito socialista ucraino, socialisti, e il blocco di Volodymyr Saldo”, secondo Ukrinform .

Il Consiglio di sicurezza nazionale ha accettato di sospendere le parti, ha riferito Ukrinform, citando l’indirizzo video di Zelensky.

Al ministero della Giustizia ucraino è stato detto di adottare immediatamente misure per bandire quei partiti politici, ha affermato. Zelensky non ha fornito prove che collegassero gli 11 partiti di opposizione al governo russo.

All’inizio dell’invasione del 24 febbraio, Zelensky firmò una misura che stabiliva la legge marziale e la mobilitazione generale.

Zelensky ha affermato il 20 marzo che “le attività dei politici finalizzate alla discordia e alla collaborazione non avranno successo”, aggiungendo che presunti legami tra la Russia e “alcune strutture politiche, le attività di alcuni partiti politici sono sospese per il periodo della legge marziale. ”

Il presidente ha anche firmato un decreto che unirebbe tutti i canali televisivi nazionali in un’unica piattaforma, citando la disposizione della legge marziale.

Nessun commento:

Posta un commento