L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 26 marzo 2022

Il Ponte sullo Stretto è strategico per il Sud, per l'Italia e per questo il governo criminale dei servi non lo vuole fare

L’ATTACCO
Ponte sullo Stretto, il governatore della Regione Sicilia: «Il nuovo progetto? Il Governo perde tempo»

Il presidente Nello Musumeci: «Hanno deciso di non decidere, ma bisogna sottrarre l’opera a polemiche politiche e ideologiche. L'infrastruttura è importantissima»

di Redazione
25 marzo 2022 20:00

Il progetto del ponte sullo stretto

«La decisione di ripresentare il progetto del Ponte sullo Stretto è una perdita di tempo, non c'è dubbio. Il Governo ha capito che la migliore strategia per eludere il problema è quella di perdere tempo».

Lo ha affermato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci (foto in basso), durante la presentazione del libro “La sfida dei due mari” di Remo Calzona all'università di Messina. «C’è un evidente stato confusionale all'interno del Governo nazionale - 

 

ha aggiunto Musumeci - al di là della serietà e della buona volontà del ministro Giovannini. Temo che le pressioni e i condizionamenti politici di alcuni settori del Parlamento sul Governo sul ponte abbiano prodotto significativi risultati: decidere di non decidere. Se si continua a far finta di non capire che in Sicilia il Ponte sullo Stretto o il collegamento stabile tra le due sponde, è il presupposto per dare un ruolo di centralità della Sicilia oggi come negli ultimi 70 anni, resteremo la periferia del Continente».

«Credo che dobbiamo sottrarre il tema alla polemica politica - ha concluso Musumeci - e, soprattutto, all'approccio ideologico. Se il governo Draghi ha un'idea seria e concreta di quello che vuole fare del Sud nella proiezione mediterranea non può non partire dalla infrastruttura del ponte sullo Stretto. Temo tuttavia che a Roma e a Bruxelles la proiezione verso Sud dell'Europa non sia in tema prioritario nell'agenda della politica».

Nessun commento:

Posta un commento