L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 22 marzo 2022

Il suicidio dell'Occidente, ormai ha perso qualsiasi contatto con la realtà

Riserve delle banche centrali non più sicure, l’Occidente stravolge gli equilibri finanziari mondiali

Maurizio Blondet 22 Marzo 2022

un ottimo articolo di “Investire Oggi” (ho corretto solo un po’ il titolo: dava la colpa alla Russia) sulla sovversione portata dagli Usa al suo stesso sistema finanziario globale ….
Il “congelamento” delle riserve valutarie russe ha fatto esplodere il problema della sicurezza delle banche centrali. Finanza in subbuglio.

di Giuseppe Timpone , pubblicato il 17 Marzo 2022

Il “congelamento” delle riserve valutarie russe in Occidente ha creato un precedente nel panorama internazionale e che sta facendo discutere. Ad essere sinceri, non è stato un fatto inedito. Basti pensare che lo stesso Afghanistan non è più in grado di commerciare con l’estero dopo che i talebani sono tornati al potere nell’agosto scorso. Gli USA hanno, infatti, “congelato” circa 9 miliardi di dollari delle sue riserve, praticamente lasciandolo senza liquidità in valuta estera. Lo stesso Venezuela sta trovando impossibile tornare in possesso dell’oro custodito presso la Banca d’Inghilterra, dopo che il Regno Unito ha smesso di riconoscere nel 2019 il regime “chavista” di Nicolas Maduro, così come gli USA e una cinquantina di altri stati.

E’ innegabile, però, che finora non siano mai state toccate banche centrali di così rilevanti dimensioni. La Banca di Russia deteneva poco prima dell’invasione dell’Ucraina riserve valutarie stimate in 643 miliardi di dollari, oro incluso. Circa il 40% di esse si trovava depositato in istituti occidentali e, pertanto, risulta adesso indisponibile. Secondo il global head of Forex EM di Morgan Stanley, James Lord, quanto accaduto avrà conseguenze drammatiche sul sistema finanziario mondiale.
Le conseguenze delle sanzioni alla Russia

Il manager non crede che il dominio del dollaro nel prossimo futuro sia a rischio; ciononostante, ritiene che lo yuan della Cina possa salire al 5-10% delle riserve mondiali entro il 2030. E, soprattutto, spiega che d’ora in avanti sarà messa in dubbio la stessa sicurezza degli asset detenuti dalle banche centrali. Dal suo ragionamento, scaturiscono tre considerazioni principali:

Quali sono i “safe asset”: il mercato inizia a chiedersi se tutti gli asset cosiddetti “sicuri” siano realmente tali.

Tuttavia, nessuno metterebbe in dubbio i titoli del debito americani, anche perché gli USA hanno concertato il “congelamento” delle riserve valutarie russe con i partner occidentali, Europa inclusa;
Alleanze politiche decisive: poiché uno stato straniero può impedirmi di accedere agli asset detenuti presso sue istituzioni finanziarie, sarà dirimente per gli investitori capire quali siano le alleanze geopolitiche tra i governi e quali aree del pianeta possano comportare il sostenimento di un rischio;
Differenza tra asset onshore e offshore: finora è stato considerato equivalente custodire i propri asset in istituti domestici piuttosto che soggetti a legislazione straniera. Ma sappiamo che non è più così. Dunque, le banche centrali, ma anche gli investitori privati, inizieranno verosimilmente a custodire i propri asset in sistemi considerati non a rischio sotto il profilo dell’accessibilità nel caso di tensioni geopolitiche e tendenzialmente entro i confini nazionali.

L’Occidente rischia la fuga dei capitali

Con le sanzioni alla Russia di fine febbraio – il famoso terzo pacchetto – l’Occidente si è probabilmente spinto oltre. Ha dovuto farlo per reagire a un atto violento e inaccettabile di Vladimir Putin, il quale ha invaso senza ragione uno stato sovrano, minacciando l’integrità territoriale europea e, addirittura, ventilando l’uso delle armi nucleari contro il Vecchio Continente. Ma, dicevamo, il resto del mondo non starà a guardare con le mani in mano. Qualche giorno dopo la comminazione delle sanzioni, l’Arabia Saudita ha emesso un comunicato nel quale rendeva nota la volontà di ridurre gradualmente le riserve valutarie custodite in America. E’ stato un segnale chiaro lanciato dal regno, il quale sta spostando piuttosto palesemente le sue relazioni diplomatiche a favore dell’Asia, facendo asse con Russia e, ultimamente, Cina.

Gran parte del pianeta non è allineato dal punto di vista geopolitico. Il Sud America, fino ai primi anni Duemila considerato il cortile di casa degli USA, è stato penetrato economicamente e politicamente da Cina e Russia. Pensate solamente al Venezuela e all’Argentina. E l’India, che avevamo considerato un alleato stabile dell’Occidente, sta stringendo accordi commerciali con la Russia e non ha condannato l’invasione dell’Ucraina astenendosi alla votazione dell’ONU.

Infine, l’Africa è ormai in gran parte in mani cinesi e persino russe. La temibile milizia Wagner impiegata da Putin in Ucraina ha da poco preso il controllo del Mali, fino a poco tempo fa sotto l’influenza francese. Attenzione a pensare che possiamo permetterci di sanzionare gli altri senza subirne gli effetti. Rischiamo di mettere in fuga molti capitali istituzionali, che fino ad oggi abbiamo dato per scontati. Ma se minacciamo chicchessia di sequestrargli gli asset in caso di tensioni, molte banche centrali già cercheranno alternative per tutelarsi da uno scenario avverso.

Nessun commento:

Posta un commento