L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 22 marzo 2022

Le previsioni sul medio lungo periodo le lasciamo agli indovini. A breve è certo la crescita di Euroimbecilandia crollerà, l'inflazione sale sale, la diminuzione dei redditi porterà malcontento popolare, la fiducia nelle istituzioni decrescerà in maniera ancora più spaventosa, oggi il Parlamento assisterà allo spettacolo del nazista Zelensky, il pane aumenterà spaventosamente, aumenterà la tratta degli schiavi

NUOVO ORDINE MONDIALE!

Scritto il  alle 10:36 da icebergfinanza

IL SENATORE RUSSO PUSHKOV: PACE SOLO CON UN NUOVO ORDINE MONDIALE

Non penso serva ripetervi gli avvenimenti che hanno contraddistinto gli ultimi giorni, il filo conduttore è uno unico, questa guerra non deve in alcun maniera finire troppo presto.

Tocca agli americani, ovvero a chi ha messo il sonaglio alla tigre, toglierlo, come ha suggerito il premier cinese, in questi giorni, ma sembra che agli americani vada bene così.

Nel frattempo arrivano messaggi non proprio cordiali dalla Russia nei confronti del nostro Paese. Nessun commento, ci pensa il pensiero unico a foraggiare il consenso.

Parliamo di economia ora, tanto la fuori non c’e nessuna guerra, il covid solo un lontano ricordo sino a quando decideranno loro.

Nel frattempo in America, sono esplosi i tassi ipotecari…

Immagine

… e di conseguenza sono crollate le vendite di case esistenti.

Immagine

Immagine

Le vendite di case esistenti diminuiscono del 7,2% a febbraio.

  • “L’accessibilità degli alloggi continua a essere una sfida importante, poiché gli acquirenti stanno affrontando 2 forti venti contrari : l’aumento dei tassi ipotecari e aumenti sostenuti dei prezzi”, ha affermato Lawrence Yun, capo economista di NAR.
  • “Alcuni che in precedenza si erano qualificati con un tasso di mutuo del 3% non sono più in grado di acquistare al tasso del 4%.
  • “I pagamenti mensili sono aumentati del 28% rispetto a un anno fa – 

Le vendite di abitazioni esistenti, valgono circa l’80% dell’intero sistema immobiliare americano, se nessun cambia casa o ne acquista una, niente lavoro per arredatori, immobiliaristi, pittori, arredamenti e via dicendo.

Louis-Vincent Gave, co-fondatore di Gavekal Research, ha avvertito gli investitori di un cambio di paradigma nell’ordine mondiale. In particolare, Gave afferma che le ipotesi alla base delle attività finanziarie devono essere ripensate a causa di un movimento verso un mondo multipolare e lontano da quello dominato dagli Stati Uniti e dal dollaro.

Ho goà spiegato nei giorni scorsi come ci vorranno anni per arrivare al nuovo ordine mondiale, nel Machiavelli di aprile aproffondiremo il discorso.

Ma vediamo alcuni spunti interessanti di Gave!

…tutte le operazioni sono denominate in dollari USA e gli stranieri guadagnano dollari USA e riciclano quelli nei Treasury statunitensi, consentendo agli Stati Uniti di gestire deficit gemelli molto ampi senza vincoli.

 Se la Cina non ha bisogno di dollari USA, le interessa avere una bilancia commerciale positiva con gli USA attraverso la quale generare dollari in eccesso? Non è così, quindi il renminbi potrebbe andare molto più in alto.

Gave sono anni che suggerisce queste cose, ma ci vorranno lustri o decenni perchè si avveri la sua profezia. Per intanto ha fallito.

Che ruolo vede la Cina giocare nella guerra?

Avere la Russia e il mondo occidentale alla gola l’uno con l’altro funziona bene per la Cina . Non vedo perché i cinesi dovrebbero sentire il bisogno di fermare tutto questo.

Chiaro ora del perché questa guerra durerà a lungo? Gli americani hanno interesse, i cinesi pure e forse chissà anche gli europei, alcuni europei.

Se l’embargo della Russia può durare per sempre, tanto meglio per loro. Li aiuta anche a internazionalizzare il renminbi. Una volta che la Cina acquisterà tutto il petrolio, il gas naturale e il carbone russi in renminbi, si rivolgerà agli Emirati Arabi Uniti e all’Arabia Saudita e dirà: “Ci piace il vostro petrolio molto meglio di quello russo. Se solo prendessi i renminbi, potremmo fare più affari”. Se sei l’Arabia Saudita e il tuo più grande cliente vorrebbe fare più affari, devi almeno pensarci. Questo sta giocando a favore della Cina.

Ma ora ascoltate bene, Voi italiani, Voi europei!

Lei ha detto che vede l’inizio di un’altra crisi finanziaria. Dove e perché?

I mercati finanziari hanno bisogno di regole comuni che non cambino e di fiducia. Oggi nessuno ha una visione chiara dell’esposizione delle banche europee alla Russia, diretta o indiretta. Le banche stanno perdendo fiducia e denaro. Puoi vederlo nello scoppio degli spread di insolvenza [europei] del credito e nell'allargamento degli spread delle obbligazioni [rispetto ai titoli di stato tedeschi]. Inoltre, l’Europa rischia una massiccia carenza di energia e c’è una crescente incertezza politica.

Come vedi questa potenziale crisi che si sta svolgendo?

La crescita economica dell’Europa crollerà. Nei prossimi sei mesi, l’inflazione che continua a salire porterà al malcontento popolare. In autunno, l’Europa potrebbe assistere a un massiccio aumento dell’immigrazione, simile a quello seguito alla Primavera Araba, poiché l’impennata dei prezzi del grano creerà ulteriore instabilità politica nella parte meridionale e orientale del Mediterraneo. L’aumento dell’inflazione e l’aumento dell’immigrazione aumenteranno il voto dei partiti populisti, che sarà visibile alle elezioni spagnole e italiane del 2023. Mentre le nuvole incombono sull’Europa, non sarei propenso ad aggiungere rischi.

Tutti ignorano la situazione, la guerra, le conseguenze, i burocrati europei pensano di risolvere 30 anni di dipendenza e globalizzazione in un solo istante.

Viene da sorridere ad ascoltare quelli che si preoccupano per l’America, l’Europa è la cristalleria in mezzo all’elefante asiatico.

La quiete prima della tempesta, l’anno del dollaro continua!


https://icebergfinanza.finanza.com/2022/03/21/nuovo-ordine-mondiale/

Nessun commento:

Posta un commento