L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 16 marzo 2022

Mentre il costo delle materie prime sparigliano il sistema finanziario Occidentale, e non solo, il pagamento delle obbligazioni russe in rubli fa scricchiolare il credito che o accetta il pagamento o va in default. Ma il knock out gli è sferrato dalla creazione di un sistema di pagamenti indipendente

Tagliare la Russia dallo SWIFT porta alla creazione di un sistema di pagamenti indipendenti, avverte la Deutsche Bank in panico.

Umberto Pascali

Deutsche Bank dopo la grande orgia anti russa: Abbiano sbagliato! I russi si faranno il loro sistema di pagamento indipendente dall’Occidente! 

Tagliare la Russia dallo SWIFT porta alla creazione di un sistema di pagamenti indipendenti, avverte la Deutsche Bank in panico.

I tedeschi segnalano la loro frustrazione dopo essere stati costretti dagli Stranamore finanziari della city di Londra e Wall Street a acconsentire (almeno in pubblico) a “uscire” dalla Russia.

https://www.the-quest.org/world-news/deutsche-bank-warns-swift-ban-on-russia-will-complicate-trade-and-amplify-jitters/

Deutsche Bank avverte che il divieto di Swift sulla Russia “complicherà il commercio e amplificherà il nervosismo 13 marzo 2022 Nel suo ultimo documento di ricerca pubblicato venerdì, il più grande prestatore tedesco ha avvertito che l’esclusione della Russia dal sistema di pagamenti internazionali Swift costituirebbe un “pericolo” economico. Il rapporto ha detto che la mossa potrebbe “precipitare l’espansione delle reti di messaggistica rivali e dei metodi di pagamento che aggirano le sanzioni”. L’autore del rapporto, Marion Laboure, ha detto: “A lungo termine un pericolo può essere in agguato – i paesi scontenti degli alleati occidentali che flettono la loro egemonia finanziaria possono unirsi per creare un sistema rivale con infrastrutture che possono controllare”. Il rapporto arriva pochi giorni dopo che la Germania è stata accusata di resistere agli sforzi per bloccare la più grande banca russa fuori dal sistema. Un portavoce della Deutsche Bank ha detto al Telegraph: “Sosteniamo le decisioni del governo tedesco e dei suoi alleati e implementeremo prontamente e completamente le sanzioni e le altre misure imposte”. “In questo quadro, continuiamo a sostenere i nostri clienti a livello globale, anche per quanto riguarda la loro Russia e le attività legate alla Russia. “La maggior parte dei nostri clienti con operazioni o requisiti russi sono società europee o multinazionali che stanno attualmente adattando le loro attività commerciali nel paese”. La banca aveva prima twittato un link al rapporto di ricerca indipendente, scrivendo che “vietare la Russia da Swift complicherà il commercio e amplificherà il nervosismo”, prima di cancellarlo successivamente.

I sauditi scappano dal dollaro e dalla banda Biden-Clinton-Bush

https://thehill.com/policy/energy-environment/598257-saudi-arabia-considers-accepting-yuan-instead-of-dollar-for-oil

I funzionari sauditi e cinesi sono in trattative per prezzare alcune delle vendite di petrolio della nazione del Golfo in yuan piuttosto che in dollari o euro, ha riferito martedì il Wall Street Journal, citando persone familiari con la questione.

Le due nazioni hanno discusso a intermittenza la questione per sei anni, ma i colloqui si sono intensificati nel 2022, con Riyadh scontenta dei negoziati nucleari degli Stati Uniti con l’Iran e la sua mancanza di sostegno all’operazione militare dell’Arabia Saudita nel vicino Yemen.

Quasi l’80% delle vendite globali di petrolio sono prezzate in dollari, e dalla metà degli anni ’70 i sauditi hanno usato esclusivamente il dollaro per il commercio del petrolio come parte di un accordo di sicurezza con il governo degli Stati Uniti, secondo il Journal.

I colloqui sono l’ultimo di uno sforzo in corso da parte di Pechino sia per rendere la sua valuta commerciabile nei mercati petroliferi internazionali sia per rafforzare il suo rapporto con i sauditi in particolare. La Cina ha precedentemente aiutato Riyadh nella costruzione di missili balistici e nella consultazione sull’energia nucleare.

Al contrario, il rapporto Saudita-Stati Uniti è stato sempre più sfilacciato negli ultimi anni. Il principe ereditario Mohammed bin Salman ha inizialmente dato un’immagine pubblica di riformatore, liberalizzando le politiche del paese sui diritti delle donne e la giustizia penale.

Tuttavia, l’assassinio del 2018 del giornalista dissidente Jamal Khashoggi è stato catastrofico sia per l’offensiva di pubbliche relazioni del principe ereditario che per le relazioni con Washington. La spaccatura si è intensificata dopo che il presidente Biden, che ha detto che l’assassinio dovrebbe rendere il regno un “paria”, è entrato in carica.

Durante lo stesso periodo, la relazione economica della Cina con l’Arabia Saudita è cresciuta più stretta, con il regno che fornirà 1,76 milioni di barili di petrolio al giorno al paese nel 2021, secondo il Journal, citando l’Amministrazione generale cinese delle dogane. Mentre il paese prevede di mantenere il dollaro per la maggior parte del suo commercio di petrolio, un cambiamento da parte dei sauditi potrebbe creare un effetto domino per gli altri principali fornitori di petrolio della Cina, come Russia, Angola e Iraq.

L’Arabia Saudita ha precedentemente minacciato di vendere in altre valute nel 2019 se il Congresso ha approvato una legge che consentirebbe la responsabilità antitrust per i membri dell’OPEC. Il disegno di legge, che è stato introdotto numerose volte nel corso degli anni, è fallito di nuovo quell’anno.

Il rapporto di martedì arriva anche mentre gli Stati Uniti hanno fatto appello ai sauditi per pompare più petrolio per compensare l’impennata dei prezzi del gas aggravata dall’invasione della Russia in Ucraina e dal taglio delle importazioni di petrolio russo da parte degli Stati Uniti in risposta.

Russia e Cina lanciano un nuovo sistema finanziario internazionale 

Unione Economica Eurasiatica (UEE -Russia & alleati) e Cina varano un nuovo sistema finanziario internazionale – Ci si aspetta che sia basato su una nuova valuta

UEE: https://it.insideover.com/schede/politica/cose-lunione-economica-euroasiatica.html

L’ideatore del nuovo sistema, Sergei Glazyev, ministro dell’Integrazione e della Macroeconomia della Commissione Economica Eurasiatica, aveva già presentato le sue proposte sulla creazione di un sistema monetario e finanziario nazionale basato sulla valuta dell’Unione Economica Eurasiatica durante la sessione dedicata alle prospettive di estensione della cooperazione finanziaria EAEU-Cina al forum online “Coupling the EAEU and the Chinese Belt and Road Initiative”, tenutosi il 26 ottobre 2020 pochi giorni prima delle elezioni presidenziali americane. [LEGGI TUTTO:  https://eec.eaeunion.org/en/news/26-10-2020-1/ ]

14.03.2022 – 20:37
EEU e Repubblica Popolare Cina varano un progetto di sistema finanziario internazionale – Kapital.kz

Questo materiale è stato preso dal sito ufficiale della Commissione economica eurasiatica. A partire dalle 23:51 nst, la notizia su eaeunion.org è stata rimossa.

L’Unione economica eurasiatica (UEE) e la Cina svilupperanno un progetto per un sistema monetario e finanziario internazionale indipendente. Questo è stato concordato dai partecipanti al dialogo economico “Una nuova fase della cooperazione monetaria, finanziaria ed economica tra l’Unione economica eurasiatica e la Repubblica popolare cinese”. Trasformazione globale: sfide e soluzioni”, che si è tenuta come videoconferenza l’11 marzo, riferisce il corrispondente del centro di informazioni commerciali Kapital.kz, riferendosi al servizio stampa della CEE.

“Date le sfide e i rischi comuni associati al rallentamento economico globale e alle misure restrittive contro l’UEE e la Cina, i nostri paesi dovrebbero intensificare la cooperazione pratica sia a livello di dialoghi regolari tra esperti sia sul piano delle misure e dei progetti comuni”, ha detto il ministro CEE per l’integrazione e la macroeconomia Sergey Glazyev.

Il decano dell’Istituto di Finanza RDCY Wang Wen ha sottolineato la vicinanza delle posizioni dell’UEE e della Cina su molte questioni dell’agenda di sviluppo globale, e ha espresso il suo sostegno all’intensificazione del dialogo eurasiatico-cinese.

Dopo la discussione è stato deciso di elaborare un sistema monetario e finanziario internazionale indipendente. Si prevede che sarà basato su una nuova valuta internazionale, che sarà calcolata come un indice delle valute nazionali dei paesi partecipanti e i prezzi delle materie prime scambiate in borsa. Una prima bozza sarà presentata per la discussione entro la fine di marzo.

I partecipanti al dialogo hanno anche considerato gli aspetti pratici della cooperazione tra l’UEE e la Repubblica Popolare Cinese nell’energia e nella tecnologia dell’informazione, nel commercio delle materie prime e nelle misure per adattare i paesi alle pressioni economiche esterne.

https://kapital.kz/finance/103768/yeaes-i-knr-razrabotayut-proyekt-mezhdunarodnoy-finsistemy.html

https://www.maurizioblondet.it/tagliare-la-russia-dallo-swift-porta-alla-creazione-di-un-sistema-di-pagamenti-indipendenti-avverte-la-deitsche-bank-in-panico/

Nessun commento:

Posta un commento