L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 28 marzo 2022

Per la conoscenza dei pacifisti guerrafondai di Euroimbecilandia che vogliono buttare benzina sul fuoco ucraino

Ucraina, ministero Difesa russo: distrutte 67 strutture militari

Missili da crociera ad elevata precisione hanno distrutto un centro per la riparazione di sistemi missilistici a Leopoli
27 Marzo 2022



Le Forze armate russe hanno distrutto 67 strutture militari ucraine negli ultimi giorni. Lo ha affermato il portavoce del ministero della Difesa di Mosca, Igor Konashenkov. Tra queste – ha spiegato il portavoce russo – ci sono due postazioni di comando, tre depositi da campo con armi e munizioni, undici centri per le unità delle Forze armate ucraine e 20 aeree con elevata concentrazione di equipaggiamenti militari. Secondo Konashenkov, inoltre, le Forze armate russe hanno distrutto un centro per il deposito dei sistemi missilistici S-300, nel villaggio di Plesetske, 30 chilometri a sud ovest di Kiev. Il portavoce del ministero della Difesa di Mosca ha inoltre spiegato che le Forze armate russe hanno distrutto un centro per lo stoccaggio di carburante nei pressi di Leopoli con l’utilizzo di missili ad elevata precisione. Tale centro, ha precisato, era utilizzato per fornire carburante alla truppe ucraine impiegate nelle regioni occidentali del Paese e vicino Kiev. Inoltre, ha aggiunto Konashenkov, missili da crociera ad elevata precisione hanno distrutto un centro per la riparazione di sistemi missilistici a Leopoli.

Nessun commento:

Posta un commento