L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 marzo 2022

Se il pensiero statunitense è questo una distruzione della Terra è sicura

"World War 3 Has Likely Started": Bill Ackman Goes Full 'Hell is Coming' su Twitter
("Probabilmente la terza guerra mondiale è iniziata": Bill Ackman dice "L'inferno sta arrivando" su Twitter)

DI TYLER DURDEN
DOMENICA 6 MARZO 2022 - 18:00

Come si può dimenticare il famoso proclama di Bill Ackman che "l'inferno sta arrivando" in diretta su CNBC durante i primi mesi della pandemia di Covid?

Mentre Ackman ha preso la televisione in diretta e ha contribuito a spostare i mercati più in basso, era anche da qualche parte in procinto di incassare una massiccia copertura multimiliardaria sul crollo del mercato. Il discorso di Ackman ha quasi segnato il fondo per i mercati nel 2020.

Ora, Ackman sembra avere lo stesso tipo di tracollo sull'Ucraina - solo questa volta, su Twitter. E resta da vedere se questi discorsi siano o meno nel suo interesse o suggerimenti autentici per il miglioramento dell'umanità.

Indipendentemente dalla motivazione, il gestore di hedge fund ha preso Twitter questo fine settimana per pontificare sui potenziali effetti duraturi sulla situazione Russia / Ucraina che si sta svolgendo. Paragonandolo al Covid, Ackman ha scritto: "Nel gennaio 2020, ho avuto incubi sul potenziale di una pandemia, ma tutti sembravano pensare che fossi pazzo. Sto avendo incubi simili ora. La Terza Guerra Mondiale è probabilmente già iniziata, ma siamo stati lenti a riconoscerlo".

Ha continuato: "Putin ha invaso l'Ucraina e non sta andando bene. Gli ucraini hanno opposto una notevole resistenza. La NATO si rifiuta di entrare in guerra, ma i membri della NATO e la maggior parte del resto del mondo hanno lanciato una guerra economica e stanno fornendo Stingers, armi anticarro, altre munizioni, intelligence e finanziamenti. Putin oggi ha dichiarato queste azioni atti di guerra contro la Russia. Tuttavia, c'è molto di più che possiamo fare prima di entrare in una guerra calda con la Russia. Potremmo fermare l'assurdità di comprare petrolio dalla Russia e finanziare la guerra. L'Europa potrebbe seguire l'esempio una volta che la domanda di gas diminuirà in primavera."


Ackman ha poi suggerito di offrire aiuti all'Ucraina: "Potremmo fornire all'Ucraina le nostre migliori armi e altro ancora. Potremmo dare loro accesso all'intelligence che consentirebbe loro di colpire meglio il nemico. Potremmo dare loro droni migliori e l'addestramento per farli funzionare. Non abbiamo bisogno di mettere truppe sul terreno perché gli ucraini con le armi e le risorse giuste hanno dimostrato di avere quello che serve per vincere la guerra, a meno che e fino a quando Putin non diventi nucleare. La nostra ragione per non fare di più sembra essere la nostra paura di provocare Putin".

Ha poi offerto la sua visione geopolitica della minaccia nucleare potenzialmente posta dalla Russia: "Poiché la Russia è una potenza nucleare e Putin è un pazzo, diciamo che non possiamo intervenire in Ucraina. Che cosa facciamo allora quando lui vuole di più? La minaccia nucleare non è diversa quando prende il suo prossimo paese, che faccia parte della NATO o meno, e a quel punto siamo strategicamente peggio. Ha reso pubbliche le sue ambizioni. Molti di noi commettono l'errore di spingere dolorosi scontri nel futuro pur sapendo che i costi aumenteranno inevitabilmente".

"Lasciamo che Putin occupi la Georgia e la Crimea con pochi respingimenti", Ackman continuò. "E le sue aspirazioni sono diventate più grandi solo perché non abbiamo fatto nulla per fermarlo. Ora gli lasceremo prendere l'Ucraina? Siamo nei primi inning delle aspirazioni globali di Putin. Con ogni "vittoria", è incoraggiato a prenderne di più".

Ackman scrive che Putin ci sta "mettendo alla prova" e che stiamo "fallendo il test ogni volta". Il miliardario gestore di hedge fund dice poi che il tempo per trattenersi "è finito".

"Il tempo per trattenere le sanzioni e gli armamenti è finito. Più questo è doloroso per Putin e il popolo russo, meno sarà disposto a riprovare. Se questi sforzi falliscono, e lo sapremo molto presto, dobbiamo riconsiderare una no-fly zone e un ulteriore intervento militare della NATO. Grazie all'esercito capace degli ucraini, fortunatamente non abbiamo bisogno di inviare truppe per aiutarli ad avere successo".

Ackman dice che l'unico modo in cui vede la fine del conflitto è che la Cina media un cessate il fuoco. Dice anche che pensa che la Cina abbia dato alla Russia "il cenno" di attaccare.

"Sembra che la Cina abbia dato a Putin il cenno di attaccare l'Ucraina. Putin rispetta e probabilmente teme la Cina. La Cina può elevarsi sulla scena mondiale contribuendo a risolvere questa crisi. Il tempo stringe prima che molti altri bambini di 18 mesi muoiano".

Nessun commento:

Posta un commento