L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 aprile 2022

"Abbiamo detto che la Nato è un'alleanza difensiva, ma questo è falso. E' difensiva quando vuol essere difensiva, ma negli ultimi 30 anni è stata un'alleanza anche aggressiva che ha violato la legalità internazionale"

Ucraina, De Luca: "Nato in ultimi 30 anni ha violato legalità internazionale"
22 aprile 2022 | 15.49

Il presidente della Regione Campania: "È stata alleanza aggressiva a Belgrado, in Iraq, in Afghanistan. Mistificazione parlare di autodeterminazione dei popoli"

(Fotogramma)

"Abbiamo detto che la Nato è un'alleanza difensiva, ma questo è falso. E' difensiva quando vuol essere difensiva, ma negli ultimi 30 anni è stata un'alleanza anche aggressiva che ha violato la legalità internazionale". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, parlando della guerra in Ucraina nel corso della sua diretta Facebook del venerdì.

"La Nato - ha ricordato De Luca - ha bombardato per due mesi Belgrado senza alcuna autorizzazione dell'Onu per una decisione autonoma, a cui ha partecipato per la verità anche il Governo italiano di allora, senza avere l'autorizzazione del Parlamento. E' un'alleanza difensiva a corrente alternata. Sono innumerevoli le iniziative militari prese dalla Nato in totale illegalità internazionale: la guerra contro la Libia, l'uccisione di Gheddafi, la seconda invasione dell'Iraq. Ho ricevuto ieri a Napoli l'ambasciatore cinese, che era presente all'Onu quando il Segretario di Stato americano Powell fece vedere una provetta con del materiale bianco dentro come prova dell'esistenza di armi chimiche e armi di sterminio di massa in Iraq. Era un falso costruito dalla Cia e dall'America e sulla base di questo falso è stato invaso l'Iraq e abbiamo avuto centinaia di migliaia di morti. Così per l'Afghanistan, l'invasione è avvenuta in un contesto di totale illegalità internazionale. Quando si immagina di avere tutta la frontiera occidentale della Russia occupata da Paesi della Nato si deve comprendere che questo crea uno squilibrio fra potenze".

Secondo De Luca "anche dire di voler rispettare l'autodeterminazione dei popoli e l'integrità territoriale è un'altra mistificazione. Gli Stati Uniti non hanno rispettato l'autodeterminazione dei popoli e abbiamo casi infiniti in questi 50 anni. E' una balla dire che ognuno è libero di autodeterminarsi, ci sono equilibri di potere nel mondo che vanno considerati perché se mi metti a Cuba i missili nucleari a 200 miglia dal confine americano è evidente che l'America ha il diritto di difendersi e fare il blocco navale. Ma questo vale per tutti, non solo per l'America. Gli Stati Uniti sono intervenuti quando hanno ritenuto inaccettabile che ci fossero Paesi democratici in Sud America. In Cile nel 1973 seguivo per radio il massacro della democrazia cilena e la morte di Salvador Allende con un fucile in mano perché la democrazia cilena non era tollerabile da parte della Cia. Abbiamo avuto decine di migliaia di desaparecidos in Argentina e l'insediamento di governi dittatoriali infami. Dunque, quando diciamo autodeterminazione dei popoli - ha affermato De Luca - stiamo mistificando la realtà".
"Difendiamo democrazia contro dittatura? E' falso""Negli ultimi 9 mesi l'unico elemento cambiato nella scena internazionale - ha sottolineato il governatore campano - è che a settembre l'Ucraina ha avviato il percorso per entrare nella Nato. Abbiamo detto che l'Ucraina era un Paese libero, che poteva entrare quando e come voleva nella Nato. Abbiamo sostenuto che in Ucraina si sta difendendo la democrazia contro l'autocrazia e la dittatura. Questo è falso". "In Ucraina sta avvenendo un conflitto regionale fra Ucraina e Russia - ha aggiunto De Luca - che gli Stati Uniti d'America sono riusciti a trasformare in una guerra quasi mondiale. Difendiamo la democrazia? Zelensky è stato eletto democraticamente, ma 4 anni prima di Zelensky c'era stato un altro presidente ucraino eletto democraticamente, che dopo 2 anni è stato fatto fuori con un colpo di Stato con grandi movimenti di massa nel sud del Paese. Ancora oggi in Ucraina il capo dell'opposizione è ammanettato e imprigionato perché è a capo di un partito di 43 parlamentari che non la pensa come il Governo ucraino. Non stiamo difendendo i principi della democrazia liberale. Se il principio che vogliamo affermare è che dobbiamo combattere tutti i regimi non democratici formalmente, allora - ha concluso - dobbiamo interrompere i rapporti con i due terzi del mondo, perché i Paesi liberal-democratici sono una minoranza".

Nessun commento:

Posta un commento