L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 14 aprile 2022

e il 5 maggio regaliamo una montagna di soldi a Benetton. Inconcepibile

Azioni Atlantia verso l’addio a Piazza Affari, oggi giornata cruciale
Azioni Atlantia tiepide prima del lancio dell'OPA della famiglia Benetton, insieme ad altri azionisti storici. Dietro vi è il caso Autostrade
di Giuseppe Timpone , pubblicato il 13 Aprile 2022 alle ore 06:40


Dovrebbe essere oggi la giornata da incorniciare per la storia di Atlantia, il fondo controllato dalla famiglia Benetton con il 33,1% delle azioni. Proprio i fratelli di Ponzano Veneto annunceranno nelle prossime ore un’Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) insieme agli azionisti storici di Fondazione Crt e Gic; quest’ultimo è il fondo sovrano di Singapore. Probabile, poi, che della partita faccia parte anche il fondo americano Blackstone, il quale gestisce asset per 881 miliardi di dollari.

Azioni Atlantia fuori dalla borsa italiana

L’obiettivo dell’OPA è il delisting, cioè il ritiro delle azioni Atlantia da Piazza Affari. Stando alle indiscrezioni della vigilia, l’offerta sarebbe intorno ai 25 euro per azione. Ieri, il titolo ripiegava a Milano decisamente sotto 22 euro. Alla fine di marzo, il patron del Real Madrid, Florentino Perez, aveva avanzato un’offerta sulla holding italiana, in asse con Brookfield Infrastructures e Global Infrastructure Partners. Pur essendo stata definita dai proponenti spagnoli come “non ostile”, i Benetton l’hanno respinta. Non è piaciuta, in particolare, la richiesta di cedere le attività in Spagna, vale a dire Abertis.

Tra l’altro, quasi certamente il governo italiano eserciterebbe il “golden power” nel momento in cui un operatore straniero tentasse di controllare un asset strategico nazionale. Infatti, Atlantia detiene il controllo anche di Aeroporti di Roma e Telepass. Nel corso del 2021, la holding cedette il 49% di Telepass per oltre 1 miliardo di euro. Tornando alle azioni Atlantia, il loro appeal speculativo è lievitato negli ultimi mesi. Il prossimo 5 maggio, Cassa depositi e prestiti rileverà la quota del fondo in Autostrade per l’Italia (Aspi) pagandola 8,2 miliardi. Dunque, la società guidata da Carlo Bertazzo si ritroverà con un’immensa liquidità in cassa.

Azioni Atlantia appetibili con i soldi dello stato

Tutti vogliono mettervi le mani sopra, insomma. Peraltro, in borsa Atlantia capitalizza meno di 18 miliardi, quando ne varrebbe 65, debiti compresi. Questi ammontavano alla fine dello scorso anno a 30 miliardi netti. In ogni caso, l’OPA sulle azioni Atlantia sta già creando polemiche. L’operazione di fatto scaturisce dalla tragica vicenda del Ponte Morandi di Genova, crollato il 14 agosto 2018 a causa della scarsa manutenzione e che rientrava in una tratta gestita da Aspi. Il governo “giallo-verde” reagì invocando l’esproprio senza indennizzo ai danni dei Benetton, mentre nel tempo le posizioni si sono avvicinate. Resta il fatto che la famiglia dirà addio al business delle autostrade con le tasche piene.

A 25 euro, le azioni Atlantia capitalizzerebbero complessivamente più di 20,5 miliardi. Il delisting sarà un duro colpo per Piazza Affari, che perderà così una delle sue principali società quotate, la decima per capitalizzazione. A conti fatti, l’OPA costerebbe agli offerenti poco più di 11 miliardi di euro. Resta da vedere, invece, la modalità dell’eventuale partecipazione di Blackstone all’operazione, probabilmente attraverso un aumento di capitale riservato e successivamente alla conclusione dell’offerta e al delisting.

Nessun commento:

Posta un commento