L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 24 aprile 2022

La NUOVA NAZIFICAZIONE dell'occidente voluta e imposta dagli oligarchi capitalisti anglostatunitenti/Nato mette all'angolo il tessuto industriale tedesco il quale è costretto a mostrare i denti per SOPRAVVIVERE. La NUOVA NAZIFICAZIONE si basa sulla ideologia russofobica

Buone Notizie da Berlino, finalmente
Maurizio Blondet 23 Aprile 2022


In vista della crescente pressione sul cancelliere Olaf Scholz per soddisfare la richiesta di consegna di armi pesanti all’Ucraina, un gruppo di personalità della scienza, della politica, della cultura e di altri settori della società civile hanno scritto una lettera aperta al cancelliere.

In esso, hanno chiesto di interrompere le forniture di armi alle truppe ucraine e di incoraggiare il governo di Kiev a porre fine alla resistenza militare contro le promesse di negoziati su un cessate il fuoco e una soluzione politica.

Il sottoscritto critica il fatto che la Germania e altri Stati Nato si siano resi parti in guerra fornendo armi e mettono in guardia contro un’escalation nucleare.

analisiPaura della vittoria dell’Ucraina: è per questo che Scholz non consegna armi pesanti?

Le consegne di armi e il supporto militare dalla NATO prolungherebbero la guerra e renderebbero molto lontana una soluzione diplomatica. Indipendentemente dal successo, il prezzo di una resistenza militare prolungata sarebbe più città e villaggi distrutti e più vittime tra la popolazione ucraina.

on la loro iniziativa, i firmatari vogliono anche inviare un segnale ai membri del Bundestag, che dovrebbero discutere di ulteriori consegne di armi all’Ucraina nella prossima settimana. Ecco il testo integrale della lettera aperta.

Gentile Cancelliere Scholz,

siamo persone di origini, atteggiamenti e posizioni politiche diverse nei confronti della politica della NATO, della Russia e del governo federale. Condanniamo tutti profondamente questa guerra ingiustificata della Russia in Ucraina. Siamo uniti nel mettere in guardia contro un’incontrollabile escalation della guerra con conseguenze imprevedibili per il mondo intero e nell’opporci al prolungamento della guerra e allo spargimento di sangue con le consegne di armi.

Fornendo armi, la Germania e altri paesi della NATO si sono di fatto resi un partito di guerra. E così l’Ucraina è diventata anche il campo di battaglia per il conflitto tra Nato e Russia sull’ordine di sicurezza in Europa, che da anni si intensifica.

Questa guerra brutale nel cuore dell’Europa viene combattuta a spese del popolo ucraino. Allo stesso tempo, la guerra economica che ora si è scatenata sta mettendo a repentaglio l’approvvigionamento di persone in Russia e in molti paesi poveri del mondo.

Le denunce di crimini di guerra si stanno accumulando. Sebbene sia difficile da verificare nelle condizioni prevalenti, si può presumere che in questa guerra, come in altre precedenti, verranno commesse atrocità e che la brutalità aumenterà con la sua durata. Un motivo in più per farla finita in fretta.

La guerra nasconde il reale pericolo di un’escalation e di un’escalation militare che non può più essere controllata, simile a quella della prima guerra mondiale. Vengono tracciate le linee rosse, che vengono poi attraversate da attori e giocatori d’azzardo su entrambi i lati, e la spirale continua un passo avanti. Se le persone responsabili come lei, caro signor Cancelliere federale, non fermano questo sviluppo, la fine sarà un’altra grande guerra. Solo questa volta con armi nucleari, devastazione diffusa e fine della civiltà umana. L’elusione di un numero sempre maggiore di vittime, la distruzione e un’ulteriore pericolosa escalation devono quindi avere priorità assoluta.

Nonostante le notizie di successo dell’esercito ucraino nel frattempo: è di gran lunga inferiore a quello russo e ha poche possibilità di vincere questa guerra. Il prezzo di una resistenza militare prolungata, indipendentemente dal possibile successo, sarà più città e villaggi distrutti e più vittime tra la popolazione ucraina. Le consegne di armi e il supporto militare dalla NATO prolungano la guerra e rendono molto lontana una soluzione diplomatica.

È giusto rivolgere la richiesta “Abbasso le braccia!” principalmente alla parte russa. Ma allo stesso tempo, devono essere presi ulteriori provvedimenti per porre fine allo spargimento di sangue e allo sfollamento delle persone il prima possibile.

Per quanto amaro sia ritirarsi dalla violenza che viola il diritto internazionale, è l’unica alternativa realistica e umana a una guerra lunga ed estenuante. Il primo e più importante passo sarebbe fermare tutte le consegne di armi all’Ucraina, insieme a un cessate il fuoco immediato da negoziare.

Chiediamo quindi al governo tedesco, all’UE e ai paesi della NATO di interrompere la fornitura di armi alle truppe ucraine e di incoraggiare il governo di Kiev a porre fine alla resistenza militare contro la promessa di negoziati su un cessate il fuoco e una soluzione politica. Le offerte a Mosca già discusse dal presidente Zelenskyi – possibile neutralità, accordo sul riconoscimento della Crimea e referendum sul futuro status delle repubbliche del Donbass – offrono una concreta possibilità per farlo.

I negoziati sul rapido ritiro delle truppe russe e il ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina dovrebbero essere sostenuti dalle proposte dei paesi della NATO in merito ai legittimi interessi di sicurezza della Russia e dei paesi vicini.

Al fine di fermare un’ulteriore massiccia distruzione delle città il più rapidamente possibile e accelerare i negoziati per il cessate il fuoco, il governo federale dovrebbe suggerire che le città attualmente sotto assedio, le più a rischio e finora in gran parte non distrutte, come Kiev, Kharkiv e Odessa, diventino “città indifese”, il Primo Protocollo addizionale alla Convenzione di Ginevra del 1949. Grazie al concetto già definito nella Convenzione dell’Aia sulla Guerra Terrestre, numerose città riuscirono a prevenire la loro devastazione durante la seconda guerra mondiale .

La logica prevalente della guerra deve essere sostituita da una coraggiosa logica di pace e deve essere creata una nuova architettura di pace europea e globale, comprese Russia e Cina. Il nostro Paese non deve restare in disparte qui, ma deve svolgere un ruolo attivo.

Cordiali saluti,

PD dott Johannes M. Becker , politologo, ex direttore del Center for
Conflict Research di Marburg

Daniela Dahn , giornalista, scrittrice e pubblicista, membro di Pen

dott Rolf Gössner, avvocato e pubblicista, Lega internazionale per i diritti umani

Jürgen Grässlin, portavoce federale DFG-VK e Aktion Aufschrei ‒ Fermate il commercio di armi!

Joachim Guilliard, pubblicista

dott Luc Jochimsen , giornalista, editore televisivo, deputato 2005-2013

Christoph Kramer, chirurgo, medici internazionali per la prevenzione della guerra nucleare IPPNW (sezione tedesca)

Prof. Dott. Karin Kulow , politologo

dott Helmut Lohrer, dottore , consigliere internazionale, IPPNW (sezione tedesca)

Prof. Dott. Mohssen Massarrat , politologo ed economista

dott Hans Misselwitz , Commissione Valori Fondamentali dell’SPD

Ruth Misselwitz, teologa protestante, ex presidente dell’Action Reconciliation Service for
Peace

Prof. Dott. Norman Paech , esperto di diritto internazionale, già membro del Bundestag tedesco

Prof. Dott. Werner Ruf , politologo e sociologo

Prof. Dott. Gert Sommer, psicologo, ex membro del consiglio del Center for
Conflict Research di Marburg

Hans Christoph Graf von Sponeck , ex segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite

dott Antje Vollmer , ex vicepresidente del Bundestag tedesco

Konstantin Wecker , musicista, compositore e autore

I datori di lavoro e i sindacati tedeschi si uniscono per opporsi all’embargo sul gas dell’UE e della Russia

Molte figure in Germania chiedono un divieto a livello dell’UE sulle importazioni di gas russo, a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte del paese a febbraio.

Ma lunedì i datori di lavoro e i sindacati tedeschi hanno annunciato di essere contrari a tale mossa, dicendo che porterebbe alla perdita di posti di lavoro e alla chiusura di fabbriche nella più grande economia dell’UE.

“Un rapido embargo sul gas comporterebbe la perdita di produzione, arresti, un’ulteriore deindustrializzazione e la perdita a lungo termine di posti di lavoro in Germania”, hanno affermato Rainer Dulger, presidente del gruppo dei datori di lavoro BDA, e Reiner Hoffmann, presidente del Confederazione sindacale DGB, in una dichiarazione congiunta lunedì.

Hanno aggiunto che, sebbene le sanzioni dell’UE siano necessarie per fare pressione sulla Russia, devono ridurre al minimo l’impatto su coloro che le impongono.

Nella discussione in corso, non lo vediamo”, hanno detto.

I ministri dell’UE stanno attualmente discutendo un potenziale embargo sul petrolio russo, poiché i leader ucraini affermano che i ricavi delle vendite di energia stanno finanziando lo sforzo bellico della Russia in Ucraina.

Ciò fa seguito a una decisione dell’UE di aprile di vietare le importazioni di carbone russo.

La Germania, insieme a Italia, Ungheria e Austria, è molto dipendente dall’energia russa ed è stato uno degli Stati membri dell’UE più reticenti a sanzionare le importazioni di gas e petrolio dal Paese.

In quanto importante hub manifatturiero, finora ha resistito alle richieste di chiusura immediata e ha affermato che prevede invece di eliminare gradualmente il petrolio russo entro la fine dell’anno e la maggior parte delle importazioni di gas russe entro la metà del 2024.

Il cancelliere Olaf Scholz ha avvertito che un’improvvisa interruzione del gas russo farebbe precipitare “tutta l’Europa in una recessione”.

Gli analisti affermano che un boicottaggio dell’energia russa da parte dell’UE comporterebbe un aumento dei prezzi dell’energia, danneggiando i consumatori che stanno già affrontando un’inflazione record nell’UE del 7,5%.

Tuttavia, il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck afferma che il paese ha già ridotto la sua dipendenza dall’energia russa dall’invasione dell’Ucraina.

Le importazioni russe di petrolio sono scese dal 35% al ​​25% e le importazioni di gas dal 55% al ​​40%, ha affermato.

Nonostante le diffuse sanzioni economiche contro banche e privati ​​russi, l’UE continua a inviare circa 850 milioni di dollari al giorno alla Russia per petrolio e gas, anche se i governi dell’UE condannano la guerra in Ucraina.

Le 27 nazioni dell’UE ottengono circa il 40% del loro gas naturale dalla Russia e circa il 25% del loro petrolio.


Il cancelliere Olaf Scholz ha rilasciato un’intervista a Der Spiegel. In esso spiega la sua politica in Ucraina.

Scholz difende il suo corso nell’intervista. “Non credo sia giustificato che la Germania e la NATO diventino parti in guerra in Ucraina.” La Germania fornisce armi, ma il Cancelliere vuole assicurarsi che il conflitto non si intensifichi. “Sto facendo di tutto per evitare un’escalation che porti a una terza guerra mondiale. Non ci deve essere una guerra nucleare”. Putin è sotto pressione enorme.

Nessun commento:

Posta un commento