L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 5 maggio 2022

Ai sionisti ebrei la licenza di GENOCIDIO. È consentito anche la distruzione delle altre religioni. I sionisti ebrei sono il fuoco del NUOVO NAZISMO imperante nel mondo Occidentale. Leo Straus è la loro bibbia, guerra permanente

Israele permette la libertà di culto?
Maurizio Blondet 4 Maggio 2022

Philip Giraldi

Una settimana fa ho scritto un pezzo descrivendo come il potere di Israele sul governo degli Stati Uniti sia tale che nessun funzionario americano confermerà che gli israeliani hanno, e hanno avuto per anni, un arsenale nucleare segreto composto da ben 200 armi nucleari. La situazione è particolarmente strana in quanto gli Stati Uniti sono stati dichiarati fortemente contrari alla proliferazione nucleare, ad eccezione di Israele, e l’uranio arricchito che è stato utilizzato per creare le bombe israeliane così come gli inneschi nucleari sono stati rubati ed esportati illegalmente dagli Stati Uniti . Secondo quanto riferito, l’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sarebbe stato coinvolto nei furti. Un amico avvocato ha suggerito che il motivo della reticenza è che secondo la legge statunitense, tramite l’emendamento Symington, nessun aiuto o assistenza può essere fornito a nessun paese che non abbia firmato il Trattato di non proliferazione nucleare (NPT). Israele non ha firmato e ha anche un arsenale nucleare ampiamente riconosciuto. Per preservare i miliardi di dollari di Israele in generosità annuale dai contribuenti statunitensi, è necessario mantenere il silenzio su ciò che accade quando il governo infrange le proprie leggi. Alcuni potrebbero considerare che un caso di assecondare Israele piuttosto che adottare misure per rafforzare la sicurezza degli Stati Uniti, ma quando si tratta dello stato ebraico quell’argomento non è un argomento di partenza a Washington poiché Israele viene sempre prima.

Questa settimana descriverò un altro aspetto della politica dello stato sionista che è stato invisibile se ci si affida ai media mainstream o alle gazze chiacchiere che occupano Capitol Hill e la Casa Bianca. Questa è la continua eliminazione del cristianesimo nella regione in cui è nato ad opera di Israele e dei suoi amici. Gli Stati Uniti sono stati il ​​fattore determinante di gran parte del cambiamento, nonostante la prevalenza di cristiani devoti autodefiniti al Congresso, molti dei quali ironicamente sono sostenitori espliciti e persino entusiasti delle politiche di “sicurezza” israeliane. L’uccisione di palestinesi è troppo spesso giustificata al Congresso e alla Casa Bianca con l’espressione priva di significato “Israele ha il diritto di difendersi”.

Il potere americano esercitato per conto di Israele ha già distrutto una fiorente comunità cristiana in Iraq mentre continua a lavorare per fare lo stesso in Siria e forse anche in Libano. Proprio nel luogo di nascita del cristianesimo, in quella che un tempo era la Palestina, Israele si è impegnato a rendere la vita dei palestinesi così miserabili che spesso scelgono di emigrare. Il primo primo ministro israeliano David Ben-Gurion ha dichiarato in una lettera a suo figlio che “Dobbiamo espellere gli arabi e prendere il loro posto…” e ha sfruttato i massacri di civili disarmati perpetrati dall’Haganah per creare terrore per raggiungere tale scopo. Da quel momento, Israele ha rifiutato di permettere il ritorno dei palestinesi cacciati dalle loro case dai combattimenti del 1948, ha distrutto più di 400 villaggi arabi e confiscato altre proprietà palestinesi, si è appropriato di terra e risorse idriche aggiuntive per i suoi insediamenti illegali, ha permesso ai coloni armati di distruggere i raccolti palestinesi e altre forme di sostentamento e ha controllato i movimenti palestinesi attraverso una rete di strade per soli ebrei e numerosi posti di blocco. Anche i palestinesi che sono cittadini israeliani sono legalmente e in pratica trattati come cittadini di seconda classe con diritti limitati. Ci sono più di 60 leggi in Israele che discriminano i non ebrei mentre Israele ora si definisce legalmente uno stato ebraico. Israele ha anche imprigionato senza alcun processo migliaia di palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme, compresi bambini, e ucciso a colpi di arma da fuoco altre centinaia.

Potrei continuare, ma il punto è che Israele vuole che i palestinesi se ne vadano, un processo che ha avuto un impatto particolare sulla comunità cristiana. Non è stato fatto con la pulizia etnica nel senso classico del termine dopo i massacri e gli appropriazioni iniziali della Nakba nel 1948, ma piuttosto creando incentivi per andarsene. Ed ha avuto successo. Alla fine della seconda guerra mondiale, si stima che un terzo della popolazione palestinese si identificasse come cristiana, ma la percentuale è attualmente più vicina al 9%e continuando a declinare. I numeri suggeriscono che i cristiani nell’ex Palestina sono sull’orlo dell’estinzione. In effetti, i cristiani sono stati in grado di diventare emigrati in modo sproporzionato dalla loro patria perché più frequentemente dei musulmani hanno una famiglia già stabilita in Europa e negli Stati Uniti e hanno anche potuto fare affidamento sul networking attraverso le loro chiese per l’assistenza al reinsediamento in un nuovo paese.

Anche per i pessimi standard degli ultimi 70 anni, la ricerca di una “soluzione finale” da parte di Israele con i palestinesi di recente è diventata particolarmente oltraggiosa, concentrandosi sull’allentare i loro legami con le loro istituzioni religiose e culturali, distruggendo anche i loro mezzi di sostentamento e appropriandosi delle loro proprietà .

Appena riportato dai media statunitensi è stato l’uso delle nuove restrizioni di sicurezza imposte da Israele per interrompere le celebrazioni pasquali cristiano-ortodosse palestinesi di quest’anno della risurrezione di Cristo presso la Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Ciò si aggiunge a un’azione della polizia simile per sostenere la solita folla di coloni furiosi e altri estremisti ebrei durante i più recenti servizi del Ramadan tenuti dai musulmani palestinesi presso la moschea di al-Aqsa, che includevano l’ uso di un drone per sparare gas lacrimogeni contro i fedeli.

Ciò che è accaduto durante la Settimana Santa e più in particolare la domenica di Pasqua è stato descritto da Rod Dreher, che scrive per The American Conservative: poiché è stato un partecipante e testimone oculare di ciò che è accaduto, il suo racconto è necessariamente estremamente prezioso . A dire il vero, mette in chiaro che i lettori capiscono che non sta criticando gli israeliani in generale, né si sta impegnando in qualcosa di discutibile nei confronti delle sensibilità ebraiche quando si include nel modo in cui “noi cristiani americani, specialmente quelli che sosteniamo Israele”, anche come “un americano che ha a cuore Israele” e che si riferisce ai “miei amici ebrei israeliani” e poi prosegue affermando “Condanno l’antisemitismo senza riserve.

In realtà, gli Stati Uniti e altri governi, così come molti stati, credono che la critica a Israele sia antisemitismo come definito dall’International Holocaust Remembrance Alliance. E, a seconda di come viene formulata la domanda, molti, forse la maggior parte degli ebrei in tutto il mondo, sostengono un’azione decisa contro i musulmani in particolare, che sono abitualmente descritti dai media e dal governo israeliano come “terroristi”. Rod comprende chiaramente che è una cattiva idea virare in aree in cui gli ebrei sono a disagio poiché possono essere sorprendentemente sensibili e irragionevolmente reattivi alle offese percepite. Non c’è bisogno di mordere la mano che ti nutre, come si potrebbe dire, soprattutto se si vuole rimanere occupati.

Dreher riferisce di come “stava in un hotel all’interno della Città Vecchia, dove mi è stato consigliato di prenotare una stanza per paura che la polizia di Gerusalemme non facesse entrare i cristiani nella Città Vecchia il Sabato Santo. Questo si è rivelato essere un ottimo consiglio”. Il Sabato Santo per i cristiani ortodossi presenta un “miracolo” del fuoco santo, che si crede sia il primo segno della risurrezione di Gesù. Normalmente, alle 11, la Chiesa del Santo Sepolcro apre e si riempie velocemente di credenti. Dopo mezzogiorno, il Patriarca greco, la “casetta” costruita direttamente sopra la tomba di Cristo, prega e quella che viene definita “energia divina” scende dal cielo per accendere le candele del Patriarca, le cui fiamme sono condivise con tutti i presenti. Quindi emerge e passa la fiamma a tutti lì.

Secondo quanto riferito, Dreher e un amico hanno lasciato il loro hotel presto per pregare, ma quando sono arrivati ​​alla fine della strada alla Porta di Giaffa, due agenti di polizia ebrei si sono rifiutati di lasciarli uscire dalla Città Vecchia, avvertendo che se se ne fossero andati avrebbero potuto non farlo. poter rientrare. Si sono quindi avvicinati a un punto di accesso alla Porta di Giaffa e hanno visto un folto gruppo di cristiani dietro una barriera sull’altro lato, bloccato dall’ingresso nella Città Vecchia dove si trova la Chiesa del Santo Sepolcro situato. Dreher osservò che allo stesso tempo gli ebrei ortodossi che indossavano scialli bianchi da preghiera, entravano liberamente nella Città Vecchia mentre si dirigevano verso il Muro Occidentale per pregare nel Sabbath ebraico. Più tardi quella mattina, a Dreher fu permesso di entrare nella Chiesa del Santo Sepolcro solo perché aveva ottenuto un biglietto per il servizio dei “fuoco”. I biglietti,Il Patriarca si oppose, osservando che i biglietti non erano mai stati richiesti prima. I biglietti consentivano l’ingresso di soli 1.800 fedeli nella chiesa, che normalmente ne ospita 10.000, con una riduzione dell’82% dei fedeli ammessi nel giorno più alto di tutti i giorni festivi.

Un prete anglicano della Virginia che ha parlato con Dreher durante la funzione ha descritto così l’esperienza di quella mattina: “I posti di blocco della polizia erano a ogni angolo. Anche quando abbiamo raggiunto la proprietà privata del Patriarcato greco, la polizia aveva preso il controllo anche lì. In realtà hanno respinto quasi una dozzina di consoli generali e altri rappresentanti diplomatici, compresi quelli degli Stati Uniti. Abbiamo dovuto prendere una strada alternativa per entrare. Se questo è stato il modo in cui ha funzionato per i VIP, immagina di essere un cristiano palestinese locale che cerca semplicemente di adorare durante la più santa delle festività cristiane all’interno della chiesa costruita proprio sulla Tomba di Cristo”.

In questione sono richieste da parte di gruppi ebraici radicali, in particolare l’organizzazione estremista dei coloni ebrei Ateret Cohanim, una specie di talebano ebraico, di “ripulire” Gerusalemme da tutti i non ebrei. Hanno acquistato o occupato in modo aggressivo proprietà dentro e intorno ai tradizionali quartieri cristiani e musulmani della città e spesso usano la violenza quando sono contrastati dai residenti locali. I cristiani, a differenza della comunità musulmana, in particolare non tendono a ricorrere alla violenza a sostegno della loro proprietà o dei loro diritti civili, anche se il ricorso ai tribunali israeliani è inutile in quanto i giudici si sono costantemente schierati dalla parte dei coloni e della polizia.

A Gerusalemme si sono verificati regolarmente abusi verbali, atti vandalici e sputi sul clero cristiano, oltre a sporadiche aggressioni violente. Nel quartiere cristiano armeno riferisce un monaco come “[I coloni] distruggono le gomme delle nostre auto, i graffiti ‘morte ai cristiani’, rompono le finestre, profanano il nostro cimitero, sai… cose brutte, ed è davvero invasivo”. Alcuni cristiani hanno indicato quello che è successo all’ex St John’s Hospice vicino alla Porta di Giaffa come un ottimo esempio di ciò che le chiese cristiane temono possa accadere in tutto il quartiere. L’architrave dell’edificio mostra ancora il monogramma tau-phi del Patriarcato greco, ma nel 1990 questo ostello per pellegrini è stato occupato illegalmente da Ateret Cohanim, e ora il vasto edificio è coperto da più bandiere israeliane e ospita coloni israeliani armati violenti. I cristiani locali Dreher hanno parlato per “credere che questo sia parte di un complotto dei coloni per soffocare l’accesso ai luoghi santi cristiani all’interno della città e costringere i cristiani ad andarsene”.

Le autorità israeliane tendono a ignorare l’attività dei coloni poiché hanno potenti sostenitori, tra cui la comunità della diaspora negli Stati Uniti e alcuni evangelici che aiutano a finanziarli. L’incontro annuale 2010 di Ateret Cohanim è stato presentato come relatore ospite nientemeno che John Bolton e la Kushner Family Foundation avrebbe contribuito a finanziare le sue attività. Inoltre, i partiti religiosi conservatori di Israele sono una componente necessaria nel governo di coalizione e il loro comportamento estremo è tollerato e persino aiutato e favorito di nascosto. Né gli ebrei secolari difenderanno i loro fratelli cristiani in Israele in numero sufficiente per avere importanza. Inoltre, molti israeliani credono che i gruppi ebraici radicali sempre più intransigenti siano in realtà il futuro di Israele in base alle tendenze demografiche. A parte tutte le scuse, abbastanza chiaramente dell’élite dominante in America,

E la situazione è di poco migliore per i cristiani in Palestina fuori Gerusalemme. Un monaco francescano in visita a un monastero fuori città ha riferito di come le autorità israeliane abbiano interrotto l’acqua all'edificio mentre i missionari stessi sono stati maltrattati verbalmente e sassi e altri detriti scagliati contro di loro dai coloni. A Betlemme, un negozio di articoli da regalo cristiano è stato deliberatamente chiuso dopo che ai vicini insediamenti ebraici è stato permesso di erigere muri che ne bloccassero l’accesso . Sono inclusi altri attacchi ai cristianiun incendio doloso del giugno 2015 presso la Chiesa della Moltiplicazione e un vicino monastero benedettino a Tabgha, situato a 120 miglia a nord di Gerusalemme. La chiesa è costruita sul luogo dove Cristo ha sfamato i 5.000 attraverso la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Gli aggressori hanno lasciato graffiti ebraici sui muri, con la scritta “tutti gli idoli saranno distrutti”. Nel 2014 si è verificata la vandalizzazione di una chiesa ortodossa rumena, dell’Abbazia benedettina della Dormizione e degli uffici cattolici a Gerusalemme, nonché di un monastero a Beit Shemesh. L’anno prima, più di 20 siti cristiani del Patriarcato latino sono stati attaccati da vandali. E nel 2012 un monastero trappista a Latroun è stato oggetto di incendi e graffiti, mentre il Convento di San Francesco sul monte Sion è stato vandalizzato.

Le politiche anticristiane di Israele sono internazionali e includono il sostegno di gruppi che gli Stati Uniti hanno chiamato terroristi. Israele ha donato denaro e armi ai jihadisti che combattono contro il siriano Bashar al-Assad, che include il Fronte al-Nusra, affiliato di al-Qaeda. I jihadisti feriti sono persino entrati in Israele per ricevere cure ospedaliere. Una volta, l’ISIS ha sparato accidentalmente contro Israele e poi si è scusato pubblicamente. Israele è intenzionato a rimuovere al-Assad, il che porterà a un esodo dei cristiani dalla Siria, simile a quello che è avvenuto nel vicino Iraq dopo che le forze statunitensi hanno deposto Saddam Hussein.

C’è una certa ironia nel modo in cui gli Stati Uniti perseguitano ostinatamente la Cina per il suo presunto maltrattamento degli uiguri mentre allo stesso tempo premiano e proteggono Israele anche se spiano incessantemente gli Stati Uniti e perseguitano molto chiaramente i palestinesi. Dreher si chiede perché il governo degli Stati Uniti, che dà a Israele più miliardi di dollari all’anno, non può fermare de facto Israelepunizione ufficiale dei suoi cristiani. La risposta è almeno in parte semplice, che la maggior parte dei cristiani americani non si preoccupa della difficile situazione dei loro correligionari in Medio Oriente. Milioni di veri cristiani non dissimili da Dreher, molti svezzati dalla Bibbia di Scofield e dal suo dispensazionalismo, e molti dei quali finiscono al governo o in altre posizioni di potere, scelgono di disimpegnarsi dal problema, accettando che gli ebrei siano il “popolo eletto” di Dio e, per alcuni, parte della profezia del Tempo della Fine. Devono quindi ricevere un lasciapassare sia dai media che dal governo su tutto il loro esclusivismo e cattivo comportamento anche se si immischiano nella politica statunitense e lavorano per ostacolare la libertà di parola criminalizzando chiunque critichi Israele o sostenga i palestinesi sollecitando un boicottaggio contro di esso . Fino a quando tutto ciò non cambierà, se può succedere, I cristiani della cosiddetta Terra Santa saranno sul tagliere e quando le chiese e i monasteri non avranno più una comunità che li sostenga, sarà la fine del cristianesimo nel luogo in cui è nato. E ancora, peccato, gli Stati Uniti avranno svolto un ruolo importante nel consentire che ciò accadesse.

Philip M. Giraldi, Ph.D., è Direttore Esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa deducibile dalle tasse 501(c)3 (Federal ID Number #52-1739023) che cerca una politica estera statunitense più basata sugli interessi in Medio Oriente. Il sito web è councilforthenationalinterest.org, l’ indirizzo è PO Box 2157, Purcellville VA 20134 e la sua email è inform@cnionline.org .


Nessun commento:

Posta un commento