L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 20 maggio 2022

Gli Stati Uniti devono importare il petrolio per trazione altrimenti i suoi camion e auto si fermano e lo importano dalla Federazione Russa, molto conveniente MA vogliono che gli euroimbecilli mettono una tariffa su quello importato da loro dalla Russia

Il segretario al Tesoro USA contrario all’embargo UE del petrolio russo: fa rincarare la benzina in America
Maurizio Blondet 19 Maggio 2022

Stupefacente presa di posizione americana contro Bruxelles: l’Handelsblatt riporta che il governo americano non crede in un embargo europeo sul petrolio russo. Invece, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha fatto una controproposta, che a sua volta mette sotto pressione gli europei.

L’Handelsblatt testualmente:

Gli Stati Uniti sono coinvolti nel dibattito su un embargo petrolifero contro la Russia e stanno cercando di dissuadere l’UE dai suoi precedenti piani di sanzioni. In occasione del viaggio in Europa del segretario al Tesoro americano Janet Yellen, alti funzionari del governo statunitense hanno proposto una tariffa punitiva sulle forniture petrolifere russe come soluzione provvisoria. [MB: un dazio punitivo aumenterebbe comunque il costo del greggio in Europa, ma non in America]

Lo sfondo di ciò è il rischio che gli sforzi europei per escludere il petrolio russo dal mercato mondiale portino a significativi aumenti dei prezzi e continuino a far aumentare l’inflazione negli Stati Uniti.

L’aumento dei prezzi della benzina ha messo Biden sotto pressione

La Yellen aveva già espresso scetticismo sugli embarghi all’inizio di aprile. A loro avviso, il prezzo mondiale del petrolio probabilmente “andrebbe alle stelle” se le esportazioni russe fossero completamente bloccate. Molti stati, soprattutto in Europa, sono “molto dipendenti” dal petrolio russo, ha affermato Yellen in un’audizione alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. “Vogliamo infliggere il massimo dolore alla Russia, ma anche fare attenzione a non infliggere dolore indebito agli americani e ai nostri partner”, ha affermato Yellen.

Gli Stati Uniti hanno vietato le importazioni di petrolio russo a causa della guerra di aggressione in Ucraina, sebbene le importazioni costituissero solo una piccola parte della fornitura statunitense.

Un blocco completo delle esportazioni russe non è attualmente auspicabile vista l’elevata domanda con circa la stessa offerta, ha affermato Yellen. Yellen ha affermato che una volta che altri paesi e produttori hanno aumentato la loro produzione di petrolio, potrebbe anche essere possibile limitare ulteriormente le esportazioni russe.

La ragione della posizione di Yellen contro l’aumento dei prezzi del petrolio è il rapido aumento dei prezzi del carburante negli Stati Uniti. Questi portano a una crescente confusione nell’elettorato. Con il presidente Biden e il vicepresidente Harris sondaggi tra i leader politici statunitensi più impopolari degli ultimi decenni, i democratici al potere temono di essere puniti alle elezioni di medio termine di novembre.

La lotta contro l’ulteriore aumento dei prezzi del carburante è, ad esempio, il motivo determinante dell’attuale riavvicinamento tra gli Stati Uniti e il loro avversario, il Venezuela.

L’Arabia Saudita ha risposto picche alla richiesta di Washington di aumentare la propria produzione per sostituire il petrolio russo, sicchè Washington si deve rivolgere al regime di Maduro, dittatore del Venezuela – che ha coperto di sanzioni pesantissima – per importare il petrolio che le serve …. a non perdere le elezioni di midterm. Gli americani sono già molto arrabbiati del rincaro alla pompa della benzina. Biden allevierà le sanzioni a Maduro, contro il quale un anno fa aveva tentato di “regime change”.


Leggere anche:


Da OilPrice.com,

Le continue esportazioni di petrolio e gas, nonché un rublo sostenuto, hanno permesso a Mosca di resistere alle sanzioni occidentali.

JPMorgan ha fatto marcia indietro rispetto alle sue precedenti previsioni di una contrazione del 35% del PIL russo nel secondo trimestre.

La parte del leone delle materie prime russe viene scambiata attraverso la Svizzera e le sue quasi 1.000 aziende di materie prime.

Un paio di settimane fa, Putin ha dichiarato che la guerra in Ucraina è una “tragedia ” e ha affermato che le sanzioni economiche imposte al suo paese erano “fallite”. Si scopre che non stava esattamente bluffando.

Nessun commento:

Posta un commento