L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 24 maggio 2022

I titoli di stato verdi di facciata

L’Austria sta per emettere il suo primo green bond, dato mandato alle banche
Anche l'Austria sta per emettere il suo primo green bond per sbarcare sul mercato "verde". Affidato il mandato alle banche.
di Giuseppe Timpone , pubblicato il 23 Maggio 2022 alle ore 13:15


L’Austria ha affidato a un gruppo di banche il mandato per emettere il suo primo green bond tramite collocamento sindacato. Si occuperanno dell’operazione Barclays, Bank of America, Deutsche Bank, Goldman Sachs, JP Morgan e Unicredit. Il “pricing” avverrà “nell’immediato futuro sulla base delle condizioni di mercato”, suggerisce la fonte ufficiale di Vienna. Un’espressione che nel gergo finanziario implica l’avvio dell’operazione entro le 24 ore successive. Sappiamo anche che il titolo avrà scadenza 23 maggio 2049, per cui debutterà con durata di 27 anni esatti.

Presto sarà la volta della Grecia

Già da settimane si era appreso della volontà dell’Austria di entrare sul mercato dei green bond. Già quest’anno lo ha fatto la Danimarca, mentre a seguire vi sarebbe la Grecia. La Germania emise il suo primo green bond nel settembre del 2020. Pochi mesi più tardi fu la volta dell’Italia.

I green bond sono obbligazioni dal funzionamento perfettamente uguale a quello delle emissioni ordinarie. La differenza consiste nell’utilizzo dei proventi da parte dell’emittente per finalità “ambientali”. Sebbene non esista alcun vincolo giuridico, governi, banche e aziende generalmente cercano di adempiere ai rispettivi piani contro l’inquinamento per ragioni reputazionali. Nei giorni scorsi, il Parlamento europeo ha cercato di fissare qualche paletto per minimizzare i casi di cosiddetto “greenwashing”, vale a dire l’ambientalismo di facciata nel settore finanziario al solo scopo di attirare capitali a basso costo.

Green bond Austria, possibile rendimento

Il green bond dell’Austria sarà nei fatti un trentennale. Sulla base delle attuali condizioni del mercato, possiamo prevedere che spunterà un rendimento in area 1,70%. Ciò implica anche che la cedola offerta probabilmente sarà all’incirca di tale entità. L’Italia ha emesso sinora un solo green bond con scadenza 1 aprile 2045. Entro la fine dell’anno, il Tesoro ha aperto all’ipotesi di una seconda emissione, probabilmente di durata inferiore.

Contrariamente a quanto potremmo attenderci, i green bond non spopolano nel Nord Europa, pur essendo quasi certamente l’area del pianeta dalla maggiore sensibilità ambientale. Il fatto è che qui i debiti pubblici sono relativamente bassi e le emissioni verdi rischiano di mostrarsi poco liquide. Per ovviare a tale problema, la Germania ha dato vita alla tecnica delle emissioni “gemelle”: i Bund verdi hanno cedola e scadenza uguali a quelle dei Bund ordinari, divergendone solo per la finalizzazione dei capitali raccolti.

Nessun commento:

Posta un commento