L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 20 maggio 2022

Vanguard, Blackrock, Blackstone sono i proprietari delle terre ucraine sono state date loro da Zelensky a luglio del 2020

L’Ucraina se l’è comprata l’America
Maurizio Blondet 19 Maggio 2022


Sapete perché gli Usa mandano tante armi all’ucraina? Non per carità cristiana, siatene certi. Semplicemente perché 3 grandi multinazionali statunitensi hanno comprato da Zelensky 17 milioni di ettari di ottima terra.

Si tratta di CArgill, Dupont e Monsanto (la quale è formalmente germano-australiana ma di capitale statunitense). Il 5 per cento del terreno agricolo Ucraino è stato poi acquistato dallo stato cinese.

Per capire quanto siano 17 milioni di ettari, basti pensare che tutta l’Italia ha 16,7 milioni di ettari di terra agricola.

Insomma, tre compagnie americane si sono comprate in ucraina una superficie agraria utile più vasta dell’intera italia.

E chi sono gli azionisti di queste tre compagnie?

Sempre loro: Vanguard, Blackrock, Blackstone. Cioè le stesse tre società finanziarie che controllano anche tutte le banche al mondo e tutte le maggiori industrie belliche dell’universo.

Insomma, se la suonano e se la cantano.

Ecco perché mangimi (cargill e Du pont) e concimi (Monsanto-Bayer) hanno subito aumenti clamorosi sin da prima della guerra: perché sapevano già tutto, erano informati di tutto.

E sapete quando finirà la guerra? Quando le grandi compagnie finanziarie avranno smaltito il loro stock di armi facendole pagare a noi, europei idioti, già spremuti dalla stessa combriccola che nel frattempo specula su grano, riso, mangimi, concimi.

Gli organi di informazione pompano la guerra. Per forza, sono sempre di proprietà di Vanguard, Blackrock e Blackstone. E Biden vuole la guerra. Per forza: è stato eletto dai magnifici tre.

Aveva ragione Battiato: abbocchi sempre all’amo.

Ma poi, mi chiedo io, di tutti questi soldi che se ne faranno i soliti noti – Buffet, Soros, Gates – che delle tre grandi compagnie finanziarie sono i soci palesi e occulti? Mangiano forse bank’s guarantee ed hedge founds? Boh

_________________________________________________


Ucraina: abolito dopo 20 anni divieto di vendita dei terreni

Riforma apre il mercato tra timori di concentrazione

02 luglio, 17:36

(ANSA) – MOSCA, 02 LUG – L’Ucraina ha posto fine a un divieto di vendita dei terreni rimasto in vigore per quasi 20 anni aprendo il mercato dei terreni agricoli per la prima volta dall’indipendenza del Paese. Lo riportano la Reuters, Radio Liberty e il Kyiv Post sui loro siti web. Le autorità auspicano che la riforma, che si basa su una legge approvata nel marzo del 2020, attiri investimenti nel settore agricolo, mentre i detrattori del provvedimento temono che la proprietà dei terreni si concentri nelle mani di pochi ricchi. Il tema è stato molto dibattuto negli ultimi anni e qualcuno teme anche l’acquisto dei terreni da parte di stranieri. La legge, al momento, vieta l’acquisto di terreni a stranieri e società estere, ma questo potrebbe essere in teoria possibile in futuro e la questione potrebbe essere oggetto di un referendum. Dal primo luglio, i cittadini ucraini possono acquistare fino a 100 ettari di terreno, mentre le società potranno prendere parte alle aste a partire dal 2024. La cancellazione del divieto di vendita dei terreni era uno dei requisiti per ricevere un finanziamento dal Fondo Monetario Internazionale. L’Ucraina è un importante produttore agricolo e nel 2019-2020 ha esportato 57 milioni di tonnellate di grano. (ANSA).


Zelensky obbedisce al Fmi e svende i terreni agricoli ucraini

Ucraina. La fine della moratoria porterà 1,5 milioni di dollari l’anno e +2 al Pil ma serviranno soltanto a pagare i debiti contratti


Il 13 novembre la Rada ucraina ha votato uno storico disegno di legge che rende libera la vendita dei terreni agricoli del paese anche alle imprese straniere. La moratoria alla vendita di appezzamenti era in vigore dal 2002. La misura è stata votata da Servire il popolo, il partito del presidente Volodomyr Zelensky, che dispone della maggioranza assoluta in parlamento.

IL PROGETTO DI ESTENDERE la privatizzazione agli stranieri era già presente nel programma elettorale dell’ex-comico ma l’approvazione della legge ha provocato proteste. In piazza si sono ritrovate le associazioni degli agricoltori che protestano per quello che considerano «un tentativo di colonizzazione del paese», dimostrazioni purtroppo strumentalizzate dai gruppi dell’estrema destra, anch’essi presenti massicciamente alle manifestazioni.

In aula tutti i partiti d’opposizione si sono schierati contro la legge. In primo luogo il Blocco delle opposizioni, il partito filo-russo erede del partito di Yanukovich che ha bloccato per alcuni minuti lo scranno della presidenza del parlamento.

Sugli scudi anche Yulia Timoshenko e il suo partito Patria («diventeremo un paese del terzo mondo» ha tuonato l’ex leader della «rivoluzione arancione») e perfino l’ex presidente Petr Poroshenko, anche se entrambi si erano dichiarati favorevoli nel passato a sbloccare l’accesso per gli stranieri alle proprietà fondiarie. I motivi per considerare la fine della moratoria – come ha titolato un giornale di Kiev – «la più grande truffa del XXI secolo» sono molti e assai seri.

LA RIFORMA ERA DA TEMPO auspicata da Fmi e dalla Banca mondiale oltre che dalla Consiglio d’Europa come conditio sine qua non per continuare a finanziare il piano di prestiti al paese deciso nel 2015, senza il quale l’Ucraina scivolerebbe nel default. Il presidente ucraino intende rendere operativa la misura a partire dal 1 ottobre 2020.

Ma non solo: «Quest’anno effettueremo sicuramente la riforma agraria, che l’anno prossimo ci consentirà di creare un mercato fondiario di 40 milioni di ettari, uno dei migliori al mondo qualitativamente», ha sostenuto Zelensky in un incontro con degli imprenditori turchi ad agosto. «Ze» come lo chiamano i suoi sostenitori, fa riferimento alla qualità delle celeberrime «terre nere» della Rus’, tra le più fertili al mondo: un boccone prelibato per i grandi gruppi mondiali del settore agro-alimentare che attendevano da tempo questa liberalizzazione. Si tratta di gruppi finanziari come i fondi pensioni europei e i giganti americani, russi e cinesi della coltivazione intensiva, pronti ad accaparrarsi i migliori appezzamenti a prezzi che si preannunciano da discount.

SECONDO ALCUNE PROIEZIONI la fine della moratoria porterà nelle casse dello Stato circa 1,5 miliardi di dollari l’anno e una crescita del Pil del 2%. Tuttavia, ammesso che le previsioni siano corrette, gran parte di queste entrate finiranno per essere usate per ripianare il debito accumulato con il Fmi e la Ue, una revolving door in cui i soldi per acquistare le terre nere rientrerebbero nei paesi occidentali senza che gli ucraini non possano neppure sentirne il fruscio.

Ma il problema non è solo quello «colonialistico» ma anche quello dell’aperta rinascita del latifondismo. La massima concentrazione prevista sarà di 200mila ettari. Dal punto di vista formale, visto che il patrimonio coltivabile del paese supera i 32 milioni di ettari, è poco più dello 0,5%, ma gigantesco se si compara ad altri paesi: nella vicina Polonia per esempio il limite è fissato a 500 ettari.

I NAZIONALISTI PIÙ ACCESI hanno anche espresso il timore che tra gli acquirenti possa esserci la russa Ukranian agrarian investment già presente in Ucraina nel settore cerealicolo. «Così i russi non dovranno farci neppure la guerra, ci compreranno e basta» ha ironizzato un deputato.

Secondo un sondaggio di opinione condotto dal Centro Razumkov il 67% degli ucraini ritiene che la questione della revoca della moratoria debba essere sottoposta a referendum. E se si terrà un referendum di questo tipo, il 63% degli intervistati sarebbe pronto a votare per mantenere la moratoria. Zelensky per calmare le acque ha promesso che sul dare la parola al popolo ci penserà su, ma considera l’opposizione dei deputati demagogica e populista e «irrazionale» quella popolare.

ESPERTI DEL GOVERNO si sono presentati in Tv per spiegare che non ci sarà alcuna «concentrazione» dato che il 68% della terra apparterebbe agli ucraini. Inoltre l’impossibilità attuale di vendere a stranieri schiaccerebbe il prezzo della terra ucraina a 37 dollari l’ettaro contro i 455 potenziali quando molti ucraini continuano a possedere passivamente dei poderi senza coltivarli.

Ma i processi di privatizzazione delle terre nei paesi dell’ex Urss raccontano una storia diversa: le terre vennero comunque fatte passare ai privati a prezzi artificialmente bassi lasciando sul lastrico molti contadini dei kolkoz, schiacciati dall’introduzione della moderna tecnologia del settore che riduce di molto i prezzi di produzione. Non è un caso che in Russia, negli ultimi anni, è rinata la figura del «contadino povero» di leniniana memoria, bracciante stagionale a 70 dollari al mese. E questo i piccoli agricoltori ucraini lo sanno. Zelensky se ne dovrebbe ricordare, perché sono stati proprio loro a portarlo alla presidenza la scorsa primavera.

Nessun commento:

Posta un commento