L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 26 giugno 2022

Ad Agosto è stato pianificato, previsto l'intervento Stati Uniti/Nato nel conflitto ucraino. Si inventeranno qualche scusa

False Flag ad Agosto?

Improvvisamente Kiev: “ “Svolta ad agosto, torneremo ai confini del 1991”

(Adnkronos) – Malgrado le estreme  difficoltà sul campo, il capo dell’intelligence militare ucraina, generale Kyrylo Budanov, si dice certo che l’Ucraina sconfiggerà la Russia e tornerà ai suoi confini del 1991. Intervistato da Itv, Budanov ribadisce che ad agosto ci sarà una svolta e prima della fine dell’anno i combattimenti cesseranno. Ma intanto l’Ucraina ha bisogno delle armi e il sostegno occidentale.

“L’Ucraina tornerà ai suoi confini del 1991, non ci sono altri scenari”, ha proseguito, riferendosi dunque anche alla Crimea e le due repubbliche separatiste. “A partire da agosto ci saranno alcuni eventi, e dimostreranno al mondo intero che sta iniziando la svolta – ha affermato ancora Budanov – L’ho già detto e lo ripeto. Prima della fine dell’anno, i combattimenti attivi si ridurranno a praticamente nulla. Ne siamo certi. Riprenderemo il controllo dei nostri territori nel prossimo futuro”.   “Putin non vincerà. Questa è una tragedia in cui ha trascinato la Russia e l’Ucraina. Finirà con una catastrofe per la Russia. Nient’altro”, conclude Budanov.  

Kiev  è così sicura…

Io farò solo notare che i capi del regime europeo –  invece di governare – fanno gesti vuoti, che i media entusiasticamente servili esaltano come grandi imprese, e non sono nulla.  La  visita a Kiev di Macron, Scholz e Draghi a Kiev ad annunciare a Zelenski che hanno fatto dell’Ucraina un “candidato all’UE” è stato il più tipico   gesto vuoto da opera buffa:    i tre non hanno concesso all’Ucraina alcuna procedura d’urgenza  – anche per  non  scavalcare i candidati che sono in fila  da anni, come la Turchia o l’Albania – e quindi l’Ucraina dovrà aspettare dieci anni  come gli altri e  nel frattempo “fare le riforme” che Bruxelles gli chiede, fra cui   le garanzie per  le minoranze (che nel caso, sono russi) … tanti saluti.

S facciamo attenzione e non ci facciamo distrarre dai peana dei media, vediamo che “compiere gesti vuoti” al posto del governare è lo stile proprio di Mario Draghi e dei suoi ministri. L’ultimo è quello di far tassare il biliardino come fosse gioco d’azzardo: scusate, ma sono queste le grandi idee che circolano nel governo?  Forse 200 euro una tantum  è una delle scelte strategiche e le “riforme” grandiosamente incisive da cui dipende se il regime UE ci concederà i favolosi miliardi del PNRR?. L’altra grande idea che  Draghi “ha portato in Europa” (come cantano i media) : il price cap, imporre (alla Russia!) un tetto europeo  al prezzo del gas,  è un  altro gesto vuoto: non solo è impraticabile e  nasce da illusioni  sull’economia,  ma lo stesso Draghi non è riuscito ad ottenere che la proposta “italiana” venisse discussa in  un  vertice straordinario a  luglio, e tutto è stato invece rimandato a ottobre… Una sconfitta secca e grave,  che non solo i media hanno taciuto nella sua definitività, ma che lo stesso Draghi ha accolto con l’equanimità di chi stava solo recitando una parte, fare un gesto vuoto dopo  l’altro.  I suoi ministri, da Cingolani a Di Maio a  quello della pubblica istruzione, compiono analoghi gesti vuoti al posto di atti di governo –   Cingolani fa finta di riempire gli stock energetici per l’inverno, Di Maio fa finta di andare in Africa a procurarsi  gli energetici che dovrebbero sostituire  i russi (fra qualche anno), il ministro della scuola non fa   che decidere su mascherine   in classe e agli esami, la ministra della Giustizia ha fatto una “riforma” della magistratura per finta… E se alziamo gli occhi alla UE, è uguale.   La BCE sotto il comando della Lagarde (e della tedesca Schnabel) fa  finta di combattere l’inflazione, la Ursula Von Der Leyen nemmeno fa finta di affrontare con qualche scelta strategica quel che succede: “I dati dell’agenzia statistica dell’Unione europea, mostrano che la bilancia commerciale della zona euro è passata a un disavanzo record a gennaio rispetto all’avanzo dell’anno precedente, poiché il costo dell’energia importata è aumentato drasticamente. Il deficit commerciale delle merci della zona euro, la differenza tra esportazioni e importazioni, è stato di 27,2 miliardi di euro (30,17 miliardi di dollari) a gennaio, rispetto a un surplus di 10,7 miliardi di euro lo stesso mese dell’anno prima”.

Nessun  atto di governo   per affrontare  il cataclisma incombente. Solo gesti vuoti.  Insomma  perdono tempo, sicuri di sé, in attesa dell’Evento di Agosto.   Quello annunciato da Kiev con allegra sicurezza?

 

Qui un possibile progetto

russia-partitiom

https://www.maurizioblondet.it/false-flag-ad-agosto/

Nessun commento:

Posta un commento