L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 giugno 2022

Centri decisionali Statunitensi/Nato sono avvisati, non superare la linea rossa

La Russia minaccia di "colpire l'Occidente" se i razzi forniti dagli Stati Uniti colpiranno il suo territorio

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
SABATO 4 GIU 2022 - 22:00

Sulla scia dell'amministrazione Biden che ha annunciato che avrebbe inviato sistemi missilistici a lungo raggio in Ucraina, il Cremlino ha emesso una velata minaccia che se il suo territorio viene colpito potrebbe colpire direttamente l'Occidente.

"Uno dei più stretti alleati del presidente Putin ha avvertito che Mosca potrebbe prendere di mira le città occidentali se l'Ucraina utilizza sistemi missilistici forniti dagli Stati Uniti per effettuare attacchi sul territorio russo", riferisce il Times britannico. Il terribile avvertimento è stato dato dallo stretto alleato di Putin ed ex presidente Dmitry Medvedev, che attualmente funge da vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo.

Immagine illustrativa tramite AP

"Se, Dio non voglia, queste armi vengono usate contro il territorio russo, allora le nostre forze armate non avranno altra scelta che colpire i centri decisionali". Medvedev ha avvertito nelle nuove dichiarazioni.

Fu allora che suggerì quanto segue per la prima volta, segnando una grave escalation di retorica.:

"Certo, bisogna capire che i centri decisionali finali in questo caso, sfortunatamente, non si trovano sul territorio di Kiev" - suggerendo che quelle capitali occidentali che forniscono le armi avanzate potrebbero essere attaccate in risposta..

In precedenza la Russia ha minacciato di colpire "centri decisionali" all'interno dell'Ucraina, come Kiev e Leopoli. Queste città sono state prese di mira occasionalmente, ma raramente, durante la guerra ora al suo quarto mese.

Gli Stati Uniti hanno confermato la scorsa settimana che l'Ucraina riceverà sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità M142, che sono a medio raggio, in grado di colpire obiettivi a circa 50 miglia di distanza.

Il presidente Biden martedì ha sottolineato che "non invieremo in Ucraina sistemi missilistici che colpiscono la Russia" - che il Cremlino ha riconosciuto come una decisione "razionale", pur condannando il trasferimento dei sistemi.

Secondo quanto riferito, il governo ucraino ha riferito di aver dato a Washington "assicurazioni" che non utilizzerà armi fornite dagli Stati Uniti per colpire il territorio russo, che Mosca ha da tempo chiarito segnerebbe una grave violazione delle sue "linee rosse".

Questo come Yahoo News UK ha notato che "L'Occidente è stato sempre più disposto a dare all'Ucraina armi a lungo raggio, compresi gli obici M777, mentre le sue forze combattono i russi con più successo di quanto i funzionari dell'intelligence avessero previsto".

Probabilmente questi nuovi avvertimenti di Medvedev servono ad avvertire e far rispettare ulteriormente la linea rossa della Russia. Mentre i missili MLRS a lungo raggio sono apparentemente fuori dal tavolo per ora, che possono raggiungere fino a 190 miglia di distanza, i sistemi MLRS a corto raggio potrebbero essere facilmente aggiornati con i sistemi più grandi, più avanzati e a lungo raggio.

Sul fronte delle sanzioni e della guerra economica, i funzionari polacchi hanno detto sabato che il prossimo, settimo round di sanzioni anti-Russia è attualmente in fase di preparazione - suggerendo che per il momento l'attuale stallo russo-NATO / UE non farà che intensificarsi ulteriormente. Allo stesso tempo, i negoziati sono completamente bloccati e le aperture diplomatiche e le comunicazioni sono sempre meno, rendendo la situazione ancora più pericolosa.

https://www.zerohedge.com/geopolitical/russia-threatens-strike-west-if-us-supplied-rockets-hit-its-territory?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=706

Nessun commento:

Posta un commento