L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 16 giugno 2022

Continua la prassi degli anglosionististatunitensi rubare le materie prime ai paesi poveri, nel caso al Libano

15 Giugno 2022 16:56
Karish, si apre un nuovo scontro energetico nel Mediterraneo?
La Redazione de l'AntiDiplomatico


Una disputa tra il regime israeliano e il Libano sul confine marittimo ricco di idrocarburi rischia di creare un nuovo focolaio geopolitico.

Beirut ha messo in guardia contro qualsiasi attività nell'area contesa, come risposta all'arrivo di una nave per sfruttare un campo di estrazione da parte di Israele. Il Libano ha affermato che il campo in questione, Karish, è in acque contese. Domenica scorsa Mikati ha avvertito che il regime sionista sta generando una nuova crisi cercando di depredare le risorse libanesi nelle acque contese.

Il Libano non è intenzionato a farsi spogliare delle sue risorse e vuole difendere la sua sovranità. Hezbollah ha già risposto agli avvertimenti di Tel Aviv, così come il Presidente libanese Michel Aoun, che ha incontrato ieri il mediatore statunitense, Amos Hochstein, al quale ha trasmesso la risposta ufficiale del paese al piano proposto da Washington per risolvere la controversia con il regime israeliano sulle acque di confine.

"Durante il suo incontro con il mediatore statunitense, il presidente Aoun ha rivendicato i diritti sovrani del Libano su acque e risorse naturali", ha annunciato la Presidenza libanese attraverso il suo account Twitter.

Hochstein ha anche tenuto un incontro con il primo ministro libanese ad interim, Nayib Mikati, che ha ribadito "i diritti del Libano alla sua ricchezza", e anche con il presidente del parlamento libanese, Nabih Berri, che, a sua volta, ha ricordato che quanto sottolineato da Aoun è "concordato da tutti i libanesi", aggiungendo che il Libano è "interessato a preservare la stabilità".

Nessun commento:

Posta un commento