L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 22 giugno 2022

Il NUOVO NAZISMO ucraino sa bene come governare, eliminare l'opposizione con gli arresti dei suoi uomini e sequestro dei beni

L’Ucraina bandisce il principale partito di opposizione, sequestra tutti i suoi beni

Adesso  sì che è  pronto per entrare   nella UE, fra le altre democrazie

 

Il ministero della Giustizia del paese ha annunciato la mossa tramite Facebook, rivelando che la piattaforma di opposizione — For Life era stata chiusa e che i suoi beni, denaro e proprietà erano stati trasferiti allo stato.

Il partito aveva precedentemente sospeso le sue operazioni a marzo dopo essere stato accusato di essere complice della Russia e di essere “anti-ucraino”.

Il divieto significa che la principale opposizione politica di Zelensky è stata eliminata. L’OPPL è stato il secondo partito più grande del paese e la sua popolarità ha superato quella del partito Servant of the People di Zelensky l’anno scorso.

Il suo leader Viktor Medvedchuk, che afferma di stare semplicemente attento agli interessi del popolo ucraino cercando migliori relazioni con la Russia, è stato posto agli arresti domiciliari il mese scorso.

L’annuncio affermava che il partito era sospettato di agire per “minare la sovranità” dell’Ucraina, con le autorità che hanno già bandito altri 10 partiti politici di opposizione per lo stesso motivo.

Il mese scorso, il presidente Zelensky ha firmato un disegno di legge che ha dato il via libera a bandire qualsiasi parte che abbia contestato la politica del governo sull’invasione russa, autorizzando i tribunali a sequestrare beni senza diritto di appello.

Mentre i partiti di opposizione vengono cancellati, anche gli ucraini che si impegnano nel dissenso vengono arrestati e arrestati da uomini armati del Servizio di sicurezza ucraino.

Come abbiamo  evidenziato in precedenza , l’Ucraina sta anche tentando di estradare e imprigionare cittadini che vivono in altri paesi europei se criticano Zelensky.

Nel frattempo, il presidente Zelensky è ancora acclamato dai media occidentali come un valoroso difensore della democrazia in contrasto con i brutali dittatori autocratici che controllano la Russia.


Nessun commento:

Posta un commento