L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 5 giugno 2022

Invece di indicare quelle quattro multinazionali che gestiscono il grano e più in generale il cibo mondiale che sta speculando alla grande, l'Occidente preferisce insistere sull'accettazione del NUOVO NAZISMO basato sulla russofobia che imperversa in televisione, che è la nuova missione/catechizzazione che sta attuando il Circo Mediatico dopo quella dell'influenza covid

La Russia vuole esportare 50 milioni di tonnellate di grano

Maurizio Blondet 4 Giugno 2022

Il Cremlino ora vuole contrastare questo. Annuncia che aumenterà le esportazioni di grano. Il presidente Putin respinge le accuse secondo cui il suo Paese è responsabile della crisi globale del grano come “infondate”.

Il Ministero dell’Agricoltura della Russia ha confermato le previsioni preliminari per il raccolto di grano e ha promesso di esportare almeno 50 milioni di tonnellate di grano su questo risultato. Il ministero prevede attualmente un raccolto di 130 milioni di tonnellate. Con questo risultato, “possiamo esportare 50 milioni di tonnellate”, ha affermato il viceministro dell’agricoltura Oxana Lut, secondo l’agenzia di stampa Interfax, durante un’apparizione al Russian Grain Forum.

esportazione potrebbe anche superare i 50 milioni, ha aggiunto. Al contrario, l’attuale divieto di esportazione di girasoli sarà esteso oltre agosto. Lut ha giustificato ciò con la mancanza di riserve nel suo paese per la produzione di olio di girasole. Come l’Ucraina, la Russia è uno dei maggiori esportatori di grano al mondo. Quest’anno del grano, la Russia ha già esportato più di 35 milioni di tonnellate, inclusi 28,5 milioni di tonnellate di grano, ha affermato il ministro dell’Agricoltura Dmitry Patrushev alla fiera del grano.

Secondo il Cremlino, giovedì il presidente russo Vladimir Putin ha detto in una telefonata al primo ministro italiano Mario Draghi che Mosca è pronta “a dare un contributo significativo al superamento della crisi alimentare esportando grano e fertilizzanti, a condizione che le restrizioni imposte per motivi politici dall’Occidente sono stati revocati volontà”.

Putin è al telefono con Nehammer

La guerra di aggressione contro il Paese vicino ordinata da Putin ha portato a un aumento significativo dei prezzi dei generi alimentari sui mercati mondiali. L’Ucraina e la Russia sono tra i più importanti produttori di grano al mondo. Le esportazioni di entrambi i paesi sono crollate a causa dei combattimenti in Ucraina e delle sanzioni contro la Russia. Gli esperti temono la fame in alcune parti del mondo visti i porti ucraini bloccati.

PANORAMA27/05/22 06:52 min


Putin respinge le accuse secondo cui il suo Paese è responsabile della crisi globale del grano come “infondate”. Piuttosto, le sanzioni dell’Occidente sono responsabili, ha affermato Putin in una conversazione telefonica con il cancelliere austriaco Karl Nehammer, secondo il Cremlino. Ha detto a Vienna che Putin aveva dato “segnali” che poteva consentire l’esportazione di sementi e cibo dall’Ucraina attraverso i porti marittimi.

Nehammer, però, ha subito ristretto le possibili esportazioni: “La vera volontà si mostra solo quando funziona davvero e viene effettivamente implementata”. Da parte sua, il Cremlino ha affermato dopo l’appello: “Vladimir Putin ha sottolineato che i tentativi di incolpare la Russia per le difficoltà di fornitura di prodotti agricoli ai mercati mondiali sono infondati”. Ha invece indicato le “vere cause” dei problemi “derivati, tra l’altro, dalle sanzioni anti-russe di Usa e Unione Europea”.

AFFARE26/05/22


Inoltre, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha parlato con il premier italiano Mario Draghi dell’acuta crisi del grano a seguito della guerra, dopo che Draghi aveva già telefonato a Putin. Tuttavia, durante lo scalo non sembra esserci stato alcun passo importante verso una soluzione alle enormi quantità di grano nei porti ucraini bloccati dalle navi russe. Zelenskyy ha ringraziato la Roma per l’iniziativa e ha accettato di “mantenersi in contatto sulle possibili soluzioni”, ha affermato l’ufficio di Draghi.

Poiché al momento il grano non può essere esportato, i paesi importatori più poveri dell’Africa, ad esempio, stanno affrontando una grave crisi alimentare. Putin ha chiamato Draghi giovedì e ha chiesto all’Occidente di revocare le sanzioni contro la Russia.

Fonte: ntv.de, lve/AFP/dpa

Nessun commento:

Posta un commento