L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 7 giugno 2022

La Turchia toglierà le mine ucraine a Odessa e la Federazione Russa scorterà le navi di grano sul Bosforo

La Russia consente l’esportazione di grano in Ucraina attraverso il porto di Odessa

Maurizio Blondet 6 Giugno 2022

da DWN:

la leadership russa ha concordato un piano con Kiev e Ankara per rilasciare consegne di grano dal porto di Odessa, precedentemente bloccato sul Mar Nero.

“Nelle acque sovrane del paese vicino, l’esercito turco si occuperà dello sminamento e accompagnerà anche le navi in ​​acque neutrali”, ha descritto lunedì il quotidiano affiliato al Cremlino Isvestia, citando gli ambienti del governo. Successivamente, le navi da guerra russe avrebbero scortato i trasportatori di grano sul Bosforo.

La guerra russo- Ucraina ha portato a massicce turbolenze sui mercati mondiali e ha fatto aumentare i prezzi dei generi alimentari. L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori di grano al mondo. Il blocco russo dei porti ucraini aveva quindi suscitato timori di carestia, soprattutto nei paesi poveri dell’Africa.

Più di recente, il capo del Cremlino Vladimir Putin ha ricevuto il presidente dell’Unione africana (UA) e del Senegal, Macky Sall. Mentre Putin ha negato che la Russia fosse responsabile della crisi alimentare, ha mostrato la sua volontà di facilitare le consegne di grano.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov dovrebbe tenere colloqui ad Ankara mercoledì. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva già confermato in anticipo che sarebbe stata discussa la questione delle consegne di grano dall’Ucraina. Secondo l’articolo del giornale, lo schema dovrebbe essere coordinato lì in dettaglio e quindi approvato ufficialmente. Finora, un tale rilascio è stato concordato solo per Odessa.

Zelenskyj: Sono bloccate fino a 75 milioni di tonnellate di grano

Secondo il presidente Volodymyr Zelenskyy, entro l’autunno potrebbero essere bloccate in Ucraina fino a 75 milioni di tonnellate di grano. Kiev ha bisogno di armi antinave che possano garantire il passaggio sicuro delle sue esportazioni, afferma Zelenskyy nella capitale. Tuttavia, l’idea di una marina di un paese terzo che garantisse il passaggio delle esportazioni di grano ucraine attraverso il Mar Nero governato dalla Russia è stata discussa anche con Gran Bretagna e Turchia. Tuttavia, la migliore garanzia per questo è l’armamento dell’Ucraina, ha detto Zelenskyj ai giornalisti.

Nessun commento:

Posta un commento