L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 2 giugno 2022

Le menzogne ucraine hanno le gambe corte

L'Ucraina licenzia il proprio capo dei diritti umani per aver perpetuato le storie di "stupro sistematico" delle truppe russe

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 1 GIU 2022 - 10:13

Negli ultimi due mesi, una valanga di storie ha colpito la stampa mainstream occidentale che pretendeva di documentare casi di stupri di massa effettuati dalle truppe russe contro civili ucraini. Una storia particolare in Time è decollata, suscitando indignazione e condanna da parte dei funzionari occidentali e ricevendo una copertura ripetuta sulla CNN e su altre importanti reti statunitensi.

Ha affermato "una campagna sistemica e coordinata di violenza sessuale" - basandosi principalmente sulle testimonianze raccolte dal massimo rappresentante per i diritti umani nominato dall'Ucraina. Includeva una storia particolarmente scioccante di 25 ragazze adolescenti violentate dalle truppe russe, nove delle quali rimasero incinte. Secondo il rapporto:

Il difensore civico ucraino per i diritti umani, Lyudmyla Denisova, ha detto che 25 ragazze adolescenti sono state tenute in un seminterrato a Bucha e violentate in gruppo; nove di loro sono ora incinteDonne anziane hanno parlato davanti alla telecamera di essere state violentate dai soldati russiI corpi dei bambini sono stati trovati nudi con le mani legate dietro la schiena, i genitali mutilatiQuelle vittime includevano sia ragazze che ragazzi...

Come è stato il modello nelle guerre precedenti, sia in Siria che in Libia, le affermazioni dei media sono diventate sempre più sensazionali e esagerate man mano che il conflitto si intensificava e le potenze occidentali diventavano più profondamente coinvolte, ma senza prove concrete o definitive.

Ma un dettaglio coerente nella maggior parte delle storie è che il già citato difensore civico ucraino per i diritti umani, Lyudmyla Denisova, è spesso la figura centrale che alimenta i corrispondenti occidentali con le scioccanti storie di stupro..

Ad esempio, è presente in questo articolo di Newsweek di aprile

Lyudmila Denisova, commissario per i diritti umani del parlamento ucraino, ha affermato venerdì che i soldati russi hanno violentato bambini durante l'invasione in corso dell'Ucraina.

In un post su Facebook, Denisova ha affermato che un bambino di 11 anni è stato violentato dai russi di fronte a sua madre che era legata a una sedia e costretta a guardare come è successo nella città ucraina di Bucha.

Lyudmyla Denisova, immagine del governo ucraino

Molte di queste storie che presentavano dettagli sempre più orribili man mano che la guerra progrediva rapidamente sono diventate virali, in particolare tra gli attivisti pro-Ucraina su Twitter e altri social media, al punto che esperti di spicco avrebbero iniziato a concordare casualmente tra loro che i russi sono semplicemente "animali".

E di seguito è riportato un altro esempio tra i tanti, che tendeva ad essere basato su "rapporti dicono" per molte delle affermazioni più centrali e schiaccianti ...

Ma di recente, nelle ultime due settimane, quando gli investigatori hanno iniziato a scavare più a fondo nelle accuse, sembra che le storie dei media abbiano iniziato a prosciugarsi. Il blog di analisi geopolitica Moon of Alabama descrive in dettaglio cosa è successo nel seguito:

Tuttavia, un gruppo di ONG desiderose in Ucraina, sperando in nuovi soldi "occidentali" per nuovi progetti di "consultazione e recupero dello stupro", ha cercato di trovare casi reali di stuproSono rimasti delusi quando hanno scoperto che non c'erano prove che ci fosse stato uno stupro. 

(traduzione automatica):

Il 25 maggio, un certo numero di media e ONG hanno pubblicato un appello aperto a Lyudmila Denisova chiedendo una migliore comunicazione sui crimini sessuali durante la guerra.

I firmatari insistono sul fatto che Denisova dovrebbe divulgare solo le informazioni su cui ci sono prove sufficienti, evitare sensazionalismo e dettagli eccessivi nei loro rapporti, utilizzare una terminologia corretta e prendersi cura della riservatezza e della sicurezza delle vittime.

"I crimini sessuali durante la guerra sono tragedie familiari, un argomento traumatico difficile, non un argomento per le pubblicazioni nello spirito della 'cronaca scandalosa'. Dobbiamo tenere a mente l'obiettivo: attirare l'attenzione sui fatti dei crimini", si legge nell'appello.

È persino sorto un intero movimento attivista globale che si è concentrato sull'evidenziare i crimini sessuali russi in Ucraina, sulla base della premessa che l'esercito russo sta usando "lo stupro come strumento" come parte del suo arsenale per diffondere una campagna di terrore ...

E ora martedì, InterfaxPoliticoThe Wall Street Journal e altri stanno riferendo che Lyudmyla Denisova è stata licenziata - proprio per aver fluttuato e perpetuato fantastiche affermazioni di stupro di massa, ma senza fornire prove....

"I legislatori ucraini hanno licenziato il difensore civico del paese per i diritti umani, Lyudmyla Denisova, in un voto di sfiducia martedì, concludendo che non aveva adempiuto agli obblighi, tra cui la facilitazione dei corridoi umanitari e il contrasto alla deportazione degli ucraini dai territori occupati", ha riferito il Wall Street Journal alla fine della giornata.

"Il legislatore Pavlo Frolov ha detto che la signora Denisova è stata anche accusata di fare dichiarazioni insensibili e non verificabili su presunti crimini sessuali russi e di aver trascorso troppo tempo in Europa occidentale durante l'invasione", ha aggiunto il rapporto.

Frolov ha detto in un post su Facebook annunciando il suo licenziamento come principale investigatore per i diritti umani del paese

"L'attenzione poco chiara del lavoro mediatico del Mediatore sui numerosi dettagli di "crimini sessuali commessi in modo innaturale" e "stupro di bambini" nei territori occupati che non potevano essere confermati da prove, ha solo danneggiato l'Ucraina.

Inutile dire che questo è un colpo assolutamente devastante alla "guerra dell'informazione" dell'Ucraina che è stata in pieno vigore dall'invasione russa (poiché naturalmente in guerra ogni parte entrerà in campagne di propaganda contro l'altra simultaneamente alla guerra di terra vera e propria, e mentre cerca di influenzare l'opinione mondiale).

Il respingimento arrabbiato è iniziato già poche ore dopo che la notizia della rimozione di Denisova è stata confermata, anche dagli account delle Nazioni Unite e dagli esperti dei media statunitensi ...

Anche il fatto che il parlamento ucraino abbia preso la drastica decisione di licenziarla in modo così pubblico la dice lunga, suggerendo fortemente che gli stessi funzionari ucraini non credono alla maggior parte delle accuse di "stupro sistematico"..

https://www.zerohedge.com/geopolitical/ukraine-fires-human-rights-chief-perpetuating-russian-troop-systematic-rape-stories?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=698

Nessun commento:

Posta un commento