L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 23 giugno 2022

Ma siamo già in stagflazione

La recessione che verrà nelle previsioni delle banche Citi e Deutsche Bank

22 Giugno 2022 - 15:23

Il dibattito su una possibile recessione non si ferma e sempre più esperti e analisti di grandi gruppi bancari prevedono questo scenario avverso per l’economia degli Usa e non solo.


Deutsche Bank e Citigroup sono solo gli ultimi a livello cronologico che hanno aumentato le possibilità di una recessione negli Usa con ripercussioni inevitabili anche nel resto del mondo.

Con le banche centrali che intensificano gli sforzi per frenare l’inflazione, il coro di dirigenti e responsabili politici che dipingono un quadro pessimistico si sta ampliando. Se alla prospettiva di un aumento dei tassi di interesse piuttosto rigoroso si aggiunge anche la crisi dello shock da offerta, aggravato dalla guerra in Ucraina, allora le probabilità di una recessione diventano ancora maggiori.

Citigroup e Deutsche Bank hanno parlato di un 50% di possibilità di un rallentamento economico.

La recessione è probabile al 50%: per quali motivi?

Christian Sewing, di Deutsche Bank, parlando al vertice Future of Finance di Francoforte il 22 giugno, ha affermato che l’economia globale sta cedendo a molteplici tensioni, dai problemi della catena di approvvigionamento in Cina all’aumento dei prezzi dei generi alimentari, in particolare nei Paesi più poveri. Sebbene la banca avesse previsto da tempo che i tassi di interesse sarebbero aumentati, il ritmo con cui le banche centrali vorrebbero - o dovrebbero - ora inasprirsi lo ha sorpreso.

...direi che abbiamo il 50% di possibilità di una recessione a livello globale", ha affermato il CEO di Deutsche Bank in un’intervista. Negli Stati Uniti e in Europa, “la probabilità di una recessione nella seconda metà del 2023, mentre allo stesso tempo i tassi di interesse salgono, è ovviamente in aumento rispetto alle previsioni che avevamo prima dello scoppio della guerra.”

LEGGI ANCHE


Sewing ha ricordato che la sua banca aveva avvertito già un anno fa che l’inflazione non era transitoria. Ha esortato ripetutamente i banchieri centrali ad aumentare i tassi di interesse ed è stato critico nei confronti delle politiche monetarie estremamente accomodanti, in particolare in Europa, dove anni di tassi negativi hanno eroso il reddito delle banche dai prestiti.

I suoi commenti sono arrivati ​​lo stesso giorno in cui gli analisti di Citigroup hanno fatto una previsione simile, citando shock dell’offerta e tassi di interesse più elevati. La banca di Wall Street ha tagliato le sue previsioni globali sia per il 2022 che per il 2023. Le riduzioni non sono state terribili – un decimo nel 2022, due decimi nel 2023 – ma il commento è apparso assai cupo:

“Una serie di gravi shock dell’offerta continua a colpire l’economia globale. All’inizio dell’anno, speravamo che questa narrativa sarebbe cambiata, ma i venti contrari sembrano essere diventati più intensi e debilitanti”, hanno affermato gli analisti guidati da Nathan Sheets, capo economista globale della banca.

Sono state attribuite colpe al blocco cinese per il Covid, alla guerra Russia-Ucraina e alle tensioni durature nella catena di approvvigionamento, a cui ora si aggiungono gli aumenti dei tassi della banca centrale e un rallentamento della domanda dei consumatori per i beni. “Riteniamo che la probabilità aggregata associata alle varie manifestazioni di recessione si stia ora avvicinando al 50%”, hanno sottolineato.

I 3 tipi di recessione nelle stime di Citi

Quale recessione arriverà? A questa domanda, i responsabili di Citi hanno provato a dare una risposta ipotizzando 3 scenari.

Nel primo, la disoccupazione è vista aumentare di diversi punti percentuali e la crescita ha un paio di trimestri nettamente deboli, ma l’inflazione è stimata in calo. Il team di Citi ha affermato che la maggior parte dei partecipanti al mercato è favorevole a questo punto di vista.

Il secondo orizzonte è legato all’inflazione. Con i prezzi complessivi superiore all’8% negli Stati Uniti, nell’area dell’euro e nel Regno Unito, i rischi rimangono sul tavolo. In alternativa, l’economia globale, che non vede un ciclo di crescita di questa intensità da una generazione, potrebbe ancora mostrare una maggiore sensibilità a tassi più elevati di quanto si aspettano le banche centrali e questo, a sua volta, potrebbe innescare una flessione più sostenuta.

Infine, c’è la stagflazione, dove la crescita diminuisce e l’inflazione continua a imperversare. Il team di Citi ha assegnato a questo risultato una probabilità relativamente bassa .“Sebbene l’episodio attuale sia impegnativo, l’impennata dell’inflazione è un evento relativamente recente e le aspettative di inflazione a lungo termine sono rimaste ancorate a livelli molto più bassi. Pertanto, la nostra ipotesi di lavoro è che l’inflazione diminuirà con l’affermarsi delle condizioni recessive”, hanno affermato.

Nessun commento:

Posta un commento