L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 8 giugno 2022

Se l'alternativa al gas russo è il gas liquefatto, insufficiente, statunitense e quatariani guardate i prezzi e poi ridete. E nonostante ciò c'è la corsa all'accaparramento

Volano i costi di noleggio per charter Lng. Francia e Cina stanno già facendo incetta

07/06/2022 - 13:28

L’aumento dell’export di gas Usa verso l’Ue spinge al rialzo le tariffe e Total, Shell e Unipec già si muovono per l’inverno. Mentre Snam noleggia una piattaforma. E occhio all’effetto «quote latte».


Sicuramente andrà tutto bene. Sicuramente l’Europa darà seguito all’impegno preso all’ultimo Consiglio e procederà con la pratica del tetto sul prezzo del gas fortemente voluta dall’Italia e inviata sotto forma di tema da svolgere alla Commissione. Sicuramente.

Qualcuno, però, preferisce non perdere tempo. E questi due grafici

Andamento storico (2002-2022) dell’export di gas naturale liquefatto Usa Fonte: Us Energy Information Administration
Andamento del costo giornaliero di noleggio per tankers LNG Fonte: Bloomberg

mettono in prospettiva quanto stia già accadendo sui mercati.

A fronte di un prezzo del gas liquefatto statunitense (Lng), esploso al rialzo proprio alla luce delle maggiori esportazioni verso l’Ue come compensazione al graduale abbandono delle forniture russe via pipeline, le tariffe di noleggio charter per scafi da trasporto del prezioso materiale liquefatto - e da rigassificare una volta giunto a destinazione - stanno ovviamente seguendo la dinamica della domanda, amplificate però da un palese senso di incertezza attorno all’intera vicenda.
Circa 120.000 dollari al giorno, più del doppio di solo un anno fa.

Ma la cosa più preoccupante, a fronte di un governo che pare aver archiviato la questione dopo il contentino europeo, è la corsa all’accaparramento già in atto da parte dei principali soggetti del comparto energetico. Un anticipo netto rispetto alle normali tempistiche di prenotazione in vista della stagione invernale.

La britannica Shell, ma soprattutto la francese Total e la cinese Unipec, stanno letteralmente razziando ogni disponibilità, addirittura spingendo ben oltre il normale i tempi di noleggio. Total, infatti, starebbe trattando contratti fra i 3 e i 5 anni di affitto, e il no comment opposto dai vertici aziendali alla richiesta di conferma appare implicitamente tale.

Insomma, festa grande per armatori e brokers. Ma guai seri per quei governi che perdono tempo, ritenendo l’orizzonte temporale delle proprie necessità ancora lungo e le riserve stoccate sufficienti.

Attenzione, però, all’effetto quote latte: siamo certi che, in caso la fornitura Usa si rivelasse meno ampia del previsto e lo stop alle forniture russe subisse un drastico e inaspettato anticipo, l’Italia potrebbe contare su quote comuni Ue sufficienti?

La domanda appare tutt’altro che peregrina poiché, a fronte dell’attivismo generale, Snam finora si sarebbe limitata al noleggio di una piattaforma per rigassificazione dalla Golar LNG per 350 milioni di dollari, come confermato a Bloomberg dal suo Ceo, Karl Fredrik Staubo.

Un po’ pochino, al netto delle criticità sottostanti a livello di disponibilità di vessel su piazza. E non basta, perché il prossimo anno è prevista l’entrata in vigore della nuova legislazione sulle emissioni marittime, una tagliola che già oggi gli analisti ritengono in grado di limitare ulteriormente l’offerta a livello di flotta globale.

I cantieri dell’East Asia appaiono decisamente pessimisti sulle tempistiche necessarie per riuscire a rimpiazzare i mezzi fuorilegge con nuovi a impatto conforme alla normativa. E infine, questi due grafici

Spread fra prezzo futures del gas naturale statunitense ed europeo Fonte: Bloomberg
Spread fra prezzo futures di gas Usa e Ue in equivalenti di barili di petrolio Fonte: Bloomberg/Zerohedge

mostrano la variabile di tutte le variabili. Se infatti l’aumento delle esportazioni di Lng statunitense fa la gioia di armatori e broker, il conseguente balzo del prezzo crea non pochi grattacapi ai consumatori Usa, già alle prese con un’inflazione al massimo da 40 anni e un prezzo della benzina alla pompa giunto alla quota psicologica di 5 dollari al gallone in gran parte del Paese. E a cinque mesi dal voto di mid-term.

Ecco quindi che il primo grafico mostra come l’aumento del prezzo del gas Ue e il calo di quello del Dutch europeo, a fronte dell’eliminazione dal tavolo delle sanzioni sul tema, ha reso molto meno conveniente l’arbitraggio fra prezzi futures che nei mesi scorsi ha spinto i brokers a dirottare verso l’Europa i tankers di Lng diretti in Asia.

Il secondo grafico, poi, mette la questione in chiara prospettiva, mostrando come i futures natgas statunitensi oggi operino in regime di Day-ahead premium su quelli europei. Insomma, meno incentivi per gli Usa a forzare la mano sulle esportazioni, non solo a livello politico interno, a fronte dell’inflazione galoppante, ma ora anche commerciale e finanziario, stante un arbitraggio divenuto inesistente.

Proprio sicuri che il prossimo autunno andrà tutto bene, quando si dovranno fare i conti con i costi del gas e il suo approvvigionamento?

Ma tranquilli, c’è l’opzione africana.

https://www.money.it/Costi-noleggio-LNG-Francia-Cina-incetta

Nessun commento:

Posta un commento