L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 8 giugno 2022

Stati Uniti si compra tutto a credito, ma ancora per poco, la pacchia è finita

Numeri scioccanti del credito al consumo: tutti massimizzano la propria carta di credito prima della recessione

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 8 GIU 2022 - 10:11

Mentre è tradizionalmente visto come un indicatore economico di grado B, il rapporto sul credito al consumo di aprile della Federal Reserve è stato un altro shock, soprattutto dopo la straordinaria impennata del debito delle carte di credito del mese scorso che ha visto il più grande aumento del credito revolving mai registrato, motivo per cui abbiamo detto che la stampa G.19 di oggi direttamente dalla Fed sarebbe altrettanto importante della stampa CPI di venerdì ...

... e sicuramente lo era, pur confermando ancora una volta ciò che diciamo da mesi: tutti i risparmi in eccesso accumulati dalla classe media statunitense sono scomparsi da tempo, e al loro posto gli americani hanno scatenato una follia di spesa alimentata dalla carta di credito.

Ecco i numeri scioccanti: ad aprile, un mese dopo che la stridente stampa di marzo è arrivata di nuovo più del doppio dei $ 25 miliardi previsti a $ 52,435 miliardi, ad aprile il credito al consumo è esploso di nuovo a un ridicolo $ 38,1 miliardi, spazzando via di nuovo le aspettative di un aumento di $ 35 miliardi (e non molto inferiore ai $ 47,3 miliardi rivisti al ribasso del mese scorso).

E mentre il credito non revolving (prestiti per studenti e auto) è aumentato di un relativamente pedonale 21,1 miliardi (che era ancora il 6 ° più alto mai registrato) ...

... lo storditore per il terzo mese consecutivo è stato il revolving, o debito della carta di credito, che è rimasto incredibilmente alto, aumentando del secondo più alto mai registrato a $ 17,8 miliardi, e in calo rispetto alla stampa più alta mai registrata, il ribasso di marzo rivisto $ 25,6 miliardi (da $ 31,4 miliardi) ...

... rimandare il credito al consumo revolving totale a nuovi massimi storici a poco più di $ 1,1 trilioni, cancellando tutto il deleveraging delle carte di credito post-covid appena in tempo perché quei APR delle carte di credito iniziassero a muoversi molto più in alto, prima lentamente e poi molto velocemente.

Per inciso, e sebbene non sia affatto sorprendente, sia i prestiti auto che quelli studenteschi hanno raggiunto un nuovo massimo storico alla fine del primo trimestre.

Mentre questa corsa senza precedenti a comprare tutto a credito in un momento in cui non c'erano vacanze Hallmark degne di nota non dovrebbe sorprendere, dopo tutto abbiamo ripetutamente dimostrato che per la classe media qualsiasi "risparmio in eccesso" è ormai scomparso, da tempo scomparso con il tasso di risparmio personale che precipita al minimo da poco prima di Lehman ...

... il fatto è che la maggior parte degli economisti - come quelli di Goldman Sachs - aveva precedentemente anticipato che la continua spesa dei risparmi da parte dei consumatori è ciò che manterrà l'economia statunitense in levitazione nel 2022. Sfortunatamente, come i numeri del credito al consumo degli ultimi tre mesi dimostrano fin troppo chiaramente, tutti i risparmi che le famiglie della classe media statunitense potrebbero aver immagazzinato per gentile concessione di stimmies, sono scomparsi da tempo.

Le implicazioni sono profonde: qualsiasi modello che prevedesse che la spesa degli Stati Uniti sarà alimentata dai "risparmi" può ora essere cestinato. E poiché questa è la maggior parte di esse, le conseguenze sono terribili in quanto confermano - ancora una volta - che la Fed sta diminuendo, QTing e salendo direttamente in una recessione guidata dai consumatori che non era visibile fino a nuovo proprio a causa di tutta la spesa alimentata da carte di credito, che secondo Deutsche Bank inizierà alla fine del 2023 e che secondo Morgan Stanley può iniziare in appena 3 mesiI dati di oggi suggeriscono che Morgan Stanley ha ragione.

https://www.zerohedge.com/economics/shocking-consumer-credit-numbers-everyone-maxing-out-their-credit-card-ahead-recession-0?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=715

Nessun commento:

Posta un commento