L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 5 giugno 2022

Tre indizi sono una prova, arriva la bufera perfetta, reggiamoci forte. JP Morgan, Goldman Sachs, Musk

 

Elon Musk per tagliare i posti di lavoro di Tesla, ha "super cattive sensazioni" sull'economia

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
VENERDÌ 3 GIU 2022 - 13:00

Da metà maggio, gli indicatori in tempo reale hanno avvertito che il mercato del lavoro aveva colpito un muro di mattoni. Piper Sandler ha previsto la scorsa settimana che fino a un milione di licenziamenti o più erano in vista mentre l'economia statunitense è sull'orlo della recessione.

L'ultimo segnale di un imminente shock del mercato del lavoro è un'e-mail vista da Reuters dall'uomo più ricco del mondo, il CEO di Tesla Elon Musk, che ha detto ai dirigenti che la casa automobilistica elettrica ha bisogno di tagliare il personale del 10% perché ha una "sensazione super cattiva" su dove era diretta l'economia.

L'e-mail, intitolata "metti in pausa tutte le assunzioni in tutto il mondo", è stata inviata ai dirigenti giovedì ed è l'ultimo segno di crescenti venti contrari macroeconomici poiché le vendite di auto nuove negli Stati Uniti inferiori alle attese a maggio potrebbero essere foriere di una recessione.

In un'altra e-mail martedì, Musk ha detto ai dipendenti:

"Tutti in Tesla sono tenuti a trascorrere un minimo di 40 ore in ufficio a settimana ... Se non ti presenti, supponiamo che tu ti sia dimesso".

Mercoledì, Musk ha twittato: " Le recessioni svolgono una funzione vitale di pulizia economica".

Tesla, che ha fabbriche di veicoli elettrici in tutto il mondo, comprese quelle negli Stati Uniti, a Berlino e in Cina, impiega circa 100.000 dipendenti, quindi ridurre il 10% dei posti di lavoro potrebbe equivalere a 10.000 persone.

Il duro avvertimento di Musk sull'imminente destino economico e la necessità di tagli ai posti di lavoro ha fatto scendere le azioni Tesla di quasi il 4% nel premarket, trascinando verso il basso i futures del Nasdaq 100 di circa mezzo punto percentuale e altre case automobilistiche elettriche.

"Penso che sia molto prudente da parte di Tesla ridurre il personale ... Questo mercato non sta premiando l'elevata crescita dei ricavi a tutti i costi. Sei ricompensato dal miglioramento del rendimento del capitale degli investitori e dalla generazione di flusso di cassa libero", ha dichiarato Peter Garnry, responsabile della strategia azionaria di Saxo Bank A / S, a Bloomberg Television.

Garnry ha ragione. Piper Sandler ha recentemente compilato un elenco e ha mostrato che i recenti annunci di licenziamento di massa dell'azienda sono per lo più con unicorni tecnologici.

Nel frattempo, la Federal Reserve non mostra segni di abbandono del suo programma di inasprimento monetario più aggressivo degli ultimi decenni con quasi tre rialzi di 50 punti base durante l'estate, un tentativo di domare l'inflazione ai massimi degli ultimi 40 anni. Oltre ai rialzi dei tassi, la Fed ha iniziato a sciogliere il suo mostruoso equilibrio, aggiungendo ancora più liquidità ai mercati. E tutto questo sta accadendo mentre l'indice di sorpresa Citi US Eco sta già crollando ...

Giorni fa, il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon ha avvertito: "Un uragano è proprio là fuori lungo la strada che sta arrivando sulla nostra strada".

L'avvertimento di Musk sui tagli di posti di lavoro di Tesla è un segno dell'imminente tsunami di licenziamenti di massa e della recessione economica.

https://www.zerohedge.com/markets/elon-musk-slash-tesla-jobs-has-super-bad-feeling-about-economy?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=705

Nessun commento:

Posta un commento