L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 24 giugno 2022

un mondo multipolare in tutto tranne che nel nome, in cui Cina e Russia siedono all’apice come contrappesi culturali, geostrategici, economici e sempre più militari alla realtà finora unipolare guidata dagli Stati Uniti.



Quando accetteremo la realtà di un nuovo mondo multipolare?
È difficile per le grandi potenze tradizionali, in particolare Londra e Washington, rendersi conto che non stanno più al centro del mondo


Nel suo pregevole libro “Le nuove vie della seta”, Peter Frankopan sottolinea che “le decisioni che vengono prese nel mondo di oggi e che contano davvero non vengono prese a Parigi, Londra, Berlino o Roma  —  come lo erano cento anni fa — «ma a Pechino, Mosca, Teheran e Riyadh, a Delhi e Islamabad, a Kabul e nelle aree dell’Afghanistan controllate dai talebani, ad Ankara, Damasco e Gerusalemme».

Quello che Frankopan qui descrive è un mondo multipolare in tutto tranne che nel nome, in cui Cina e Russia siedono all’apice come contrappesi culturali, geostrategici, economici e sempre più militari alla realtà finora unipolare guidata dagli Stati Uniti.

In Occidente, in particolare quando si tratta di Londra e Washington, l’isteria e il panico hanno colonizzato le rispettive istituzioni al potere, composte da uomini e donne che non sono più in grado di comprendere un mondo che sta cambiando sotto i loro piedi. Ed è fino a che punto queste istituzioni al potere si rifiutano di accettare che il vecchio mondo stia morendo, insieme ai presupposti su cui si basava, che ora stiamo assistendo all’attrito e alla crescente ostilità tra entrambi, che culminano tragicamente nel conflitto in corso in Ucraina .

Indipendentemente da ciò, ciò che è chiaro è che Pechino ha assunto il ruolo di leader globale lasciato libero da Washington sotto un’amministrazione Trump che era l’apice del capriccio e della disfunzione, e un successore di Biden che sta cercando e fallendo di trattenere la nuova marea multipolare.

Frankopan rivela anche nel suo libro che alla fine del 2015 “la Export-Import Bank of China ha annunciato di aver iniziato il finanziamento di quello che prevedeva essere più di 1000 progetti in quarantanove paesi nell’ambito della Belt and Road Initiative. ” Sette anni dopo, oltre ottanta paesi sono ora inclusi nella fiorente BRI di Pechino, un progetto di interdipendenza incredibilmente ambizioso che comprende l’Asia centrale, l’Africa, il Medio Oriente, i Caraibi, l’America Latina e l’Europa orientale.

Per quanto riguarda l’approfondimento dei legami di Mosca con Pechino, in un articolo del maggio 2020 intitolato “The Sino-Russian Partnership Gains Momentum” per il think tank statunitense, il Newlines Institute , “l’autore Jeff Hawn scrive: “In vista della percepita minaccia degli Stati Uniti, la Cina e La Russia ha sfruttato il reciproco interesse e le relazioni personali sempre più forti tra i suoi attuali leader. Utilizzando il forum dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e la cooperazione bilaterale, i paesi hanno gradualmente aumentato la cooperazione in materia di sicurezza sia in esercitazioni estese e ben pubblicizzate che in un approfondimento più piccolo, ma forse più significativo, delle relazioni militari-militari”.

Confrontare e contrastare l’interdipendenza e il multilateralismo catalizzati dalla BRI cinese e l’espansione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai sin dalla sua fondazione nel 2001, con il ritiro dalla stessa incarnato nella rigida opposizione di Trump al multilateralismo, a partire dal suo ritiro dal JCPOA nel 2018 e da allora in poi il suo ritiro dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per COVID-19. E sì, sebbene l’amministrazione Biden possa aver progettato il ritorno di Washington all’OMS, continua a trascinare i piedi quando si tratta di rilanciare il JCPOA.

L’Occidente ha solo se stesso da incolpare per l’attrito che si sta sviluppando. Vladimir Putin, va tenuto presente  —  concentrandosi per un momento sulla traiettoria della Russia sotto la sua guida  —  è salito al potere al Cremlino impegnato a promuovere una collaborazione stretta e reciprocamente vantaggiosa con l’Occidente, arrivando al punto di mettere in discussione l’idea di entrare a far parte della NATO. Era il 2000. Nel 2007 il leader russo si era reso conto del fatto che, per quanto riguarda Washington e i suoi alleati, Mosca aveva perso la Guerra Fredda e quindi il bottino per il vincitore.

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco dello stesso anno, il Premier russo lanciò un monito sulle conseguenze di una potenza che si arroga il diritto di eseguire il proprio mandato in ogni regione indipendentemente dalla preminenza del diritto internazionale e della sovranità nazionale sancita dalla Carta delle Nazioni Unite.

“Stiamo assistendo a un disprezzo sempre maggiore per i principi di base del diritto internazionale”, ha affermato Putin. “E le norme legali indipendenti, di fatto, si stanno avvicinando sempre più al sistema legale di uno stato. Uno stato e, ovviamente, in primis gli Stati Uniti, ha oltrepassato i suoi confini nazionali in ogni modo”.

In Ucraina è il risultato catastrofico dell’incapacità dell’Occidente di prestare attenzione all’avvertimento lanciato dal Presidente russo a Monaco e della decisione sconsiderata di Putin di perseguire di conseguenza un ridisegno dei confini riconosciuti a livello internazionale dell’Ucraina.

Il mondo è cambiato, e completamente mutato, con il periodo che stiamo vivendo equivale a un interregno tra l’estinzione del vecchio e la nascita del nuovo. In quanto tale, è un periodo gravido del rischio di una conflagrazione globale, a meno che la ragione non abbia la precedenza sul senso di eccezionalismo del tutto fuori luogo che ha guidato la politica estera occidentale dalla scomparsa dell’Unione Sovietica all’inizio degli anni ’90.

Nessun commento:

Posta un commento