L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 31 luglio 2022

Aumentano i tassi d'interessi, aumentano le tasse, i salari sono mangiati dall'inflazione, l'energia costa il doppio. Quello che sta succedendo nel Regno Unito non è nient'altro quello che sta accadendo all'Occidente tutto. I nodi vengono sempre al pettine mentre la guerra diventa igiene del mondo

L’economia del Regno Unito è un avvertimento per gli Stati Uniti e l’Europa


Negli Stati Uniti si parla sempre più di stagflazione, ma è probabile che l’economia del Regno Unito rallenti presto.
La Gran Bretagna sta già affrontando l’inflazione più alta nel Gruppo dei Sette e si prevede che aumenterà ulteriormente.
I prezzi elevati dell’energia, i tassi di interesse più elevati, l’aumento delle tasse e la Brexit stanno danneggiando l’economia britannica.

Il discorso di “stagflazione” – la temuta combinazione di crescita stagnante e inflazione dilagante – sta diventando più forte negli Stati Uniti dopo che l’economia si è ridotta per due trimestri consecutivi.

A dire il vero, l’inflazione si sta surriscaldando e l’economia è pericolosamente vicina alla recessione. Tuttavia, molti si aspettano ancora che i prossimi due anni producano una crescita relativamente forte, dopo una rapida ripresa dalla crisi del coronavirus.

Ma le cose sono diverse sopra lo stagno nel Regno Unito. Gli economisti affermano che la Gran Bretagna si sta dirigendo verso un periodo di stagflazione, con una crescita che dovrebbe rallentare fino a rallentare il prossimo anno.

L’inflazione nel Regno Unito è balzata a un nuovo livello Massimo da 40 anni al 9,4% I dati ufficiali hanno mostrato a giugno con un aumento dei prezzi del carburante. Questo è più alto che in qualsiasi altro paese del G7: Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti. Probabilmente supererà le doppie cifre prima della fine dell’anno.

Prezzi più alti, tassi di interesse più alti, aumenti delle tasse e Brexit stanno danneggiando l’economia britannica in una volta. Il prodotto interno lordo del paese crescerà di appena lo 0,7% l’anno prossimo, la peggiore performance nel Gruppo dei Sette, hanno previsto gli economisti privati ​​in un sondaggio di Bloomberg.

La Banca d’Inghilterra è più pessimista. Ritiene probabile che il PIL si ridurrà leggermente nel 2023 e crescerà di appena lo 0,25% l’anno successivo.

Nel frattempo, gli economisti si aspettano che l’economia statunitense – che ha fatto molto meglio durante il COVID – si espanda dell’1,3% nel 2023. Ritengono che il PIL dell’eurozona aumenterà dello stesso importo.

Leader britannici sotto pressione

Per i responsabili politici negli Stati Uniti e per le economie europee più performanti, la Gran Bretagna contiene un avvertimento su cosa potrebbe accadere se le cose andassero storte.

I leader nel Regno Unito sono sempre più sotto pressione a causa delle prospettive cupe. Ferrovieri, avvocati e impiegati delle poste Accattivante Come il costo della vita a spirale più alto. La fiducia dei consumatori è crollata.

In accesi dibattiti televisivi di questo mese, i potenziali successori di Boris Johnson come primo ministro del Regno Unito hanno inavvertitamente distrutto il record economico del governo.

“Tutte le tue bollette, ogni mese, salgono e aumentano”, ha detto Rishi Sunak, che ha guidato il Ministero dell’Economia britannico negli ultimi tre anni. L’altro candidato, il ministro degli Esteri Liz Truss, ha affermato che il Regno Unito sta affrontando “la peggiore crisi economica in una generazione”.

Le bollette energetiche raggiungono livelli strabilianti

Al centro dei problemi del Regno Unito c’è un tasso di inflazione superiore a quello di altri paesi ricchi e che probabilmente continuerà a crescere quest’anno.

Il tetto massimo del prezzo dell’energia del paese, progettato per alleggerire l’onere per i contribuenti delle bollette, sta ora aumentando il dolore.

Il limite è balzato del 54% ad aprile ed è destinato ad aumentare di un importo simile in ottobre per riflettere l’aumento dei prezzi del petrolio e del gas dovuto all’invasione russa dell’Ucraina.

“I prezzi dell’energia salgono e rimangono lì per un periodo di tempo più lungo, piuttosto che scendere con il mercato”, ha detto a Insider Sanjay Raja, capo economista del Regno Unito presso la Deutsche Bank.

brusco calo sterlina Inglese Raja ha detto: Ha peggiorato le cose. È sceso di circa l’11% quest’anno rispetto al dollaro, poiché un aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve risucchia denaro negli Stati Uniti. Il Regno Unito importa gran parte del cibo e dell’energia e una sterlina più debole rende questi acquisti più costosi.

La forza lavoro si è ridotta

Oltre allo shock energetico di tipo europeo, il Regno Unito soffre di un problema più familiare agli Stati Uniti: la carenza di lavoratori. Gli economisti stimano che più di 400.000 persone abbiano abbandonato la forza lavoro dall’inizio della pandemia, di cui circa la metà a causa di malattie a lungo termine.

Le aziende stanno pagando i salari mentre competono per un pool più piccolo di lavoratori, aumentando la pressione sui prezzi, secondo Ruth Gregory, capo economista del Regno Unito presso la società di consulenza Capital Economics.

“Hai una grave carenza di manodopera, che ha portato a un calo dell’attività in alcuni settori dei servizi, che ha portato a una maggiore crescita salariale e a un’inflazione più elevata”, ha detto a Insider.

Gregory ha affermato che la Brexit ha anche ridotto le dimensioni della forza lavoro del Regno Unito rendendo più difficile per le persone trasferirsi nel paese.

Brexit e aumenti delle tasse non aiutano

Raja di Deutsche Bank ha affermato che la Brexit sta causando altri problemi.

“Ci dicono le aziende [about] Ha affermato che ulteriori scartoffie, costi logistici e, in alcuni casi, dazi doganali più elevati sono il risultato dell’abbandono del mercato unico europeo. “Queste cose hanno anche portato a prezzi più alti per le merci importate”.

Aumentano le pressioni anche gli aumenti delle tasse, entrati in vigore ad aprile nel tentativo di ridurre il disavanzo di bilancio.

“Per quanto ne so, siamo l’unica economia sviluppata che ha spinto verso l’alto gli aumenti delle tasse quest’anno nel mezzo della crisi del costo della vita”, ha detto Raja.

Sono incubi per la Bank of England, che sta alzando drasticamente i tassi di interesse e sembra rassegnata a un forte rallentamento della crescita. “Il suo percorso verso un atterraggio morbido è più stretto del percorso della Fed”, ha detto Gregory.

Ma è peggio per i milioni di britannici che lottano per sopravvivere durante la peggiore crisi del costo della vita in una generazione.

In termini reali, i salari sono in forte calo. Sempre più persone si rivolgono ai banchi alimentari e cresce il risentimento tra i lavoratori. Chi succede a Boris Johnson deve affrontare un compito arduo.

Nessun commento:

Posta un commento