L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 luglio 2022

PUTIN: “Le classi dirigenti dei Paesi occidentali, di natura sovranazionale e globalista, si sono rese conto che le loro politiche sono sempre più lontane dalla realtà, dal buon senso e dalla verità, e hanno iniziato a ricorrere a metodi apertamente dispotici”

La Russia continua a guadagnare di più esportando meno petrolio (come dovevasi capire prima)

“I russi sono molto amareggiati: 70 anni a preparare il più grande arsenale nucleare del pianeta e poi si scopre che per annientare l’occidente bastava farsi sanzionare” (cit.).

I ricavi delle esportazioni russe a giugno sono aumentati di $ 700 milioni a $ 20 miliardi, nonostante le esportazioni di petrolio siano diminuite di 250.000 b/dm/ma 7,4 mb/g, il livello più basso da agosto 2021, riporta Sherry Su di Bloomberg citando l’ultimo rapporto sul mercato petrolifero dell’IEA .

Rispetto al livello massimo del dopoguerra ad aprile, le esportazioni totali di petrolio russe a giugno sono diminuite di 530.000 barili al giorno, ovvero del 7%, ma i ricavi delle esportazioni sono aumentati di $ 2,3 miliardi, ovvero del 13%.

Le esportazioni di greggio sono diminuite di 250.000 barili al giorno a giugno, a poco al di sopra dei 5 milioni di barili al giorno, ancora leggermente al di sopra del livello medio prebellico secondo Su. Le spedizioni verso l’UE sono scese al di sotto dei 3 milioni di barili al giorno per la prima volta da novembre 2020, portando la quota dell’UE delle esportazioni petrolifere russe al 40%, rispetto al 49% di gennaio-febbraio.

I carichi di greggio verso le destinazioni dell’UE sono diminuiti di 190.000 barili/giorno/mese a 1,8 mb/giorno, in parte a causa del minor prelievo sull’oleodotto di Druzhba dovuto alla manutenzione di una raffineria ungherese a giugno. Nel frattempo, i carichi di prodotti verso l’Unione Europea sono diminuiti di 135.000 barili al giorno a 1,13 mb/g, ha affermato l’IEA.

Il calo dei volumi di greggio è derivato principalmente da carichi inferiori sul Mar Nero, poiché la raffineria di Tuapse da 240.000 barili al giorno di Rosneft sarebbe tornata in funzione a giugno dopo una chiusura di tre mesi.

Le esportazioni totali di prodotti dalla Russia sono rimaste relativamente invariate a giugno. Le esportazioni di diesel sono leggermente aumentate m/ma 825.000 barili al giorno, 300.000 barili al giorno in meno rispetto alla media prebellica. I carichi di diesel verso i paesi dell’UE sono aumentati fino a 650 kb/g, tornando ai livelli medi di gennaio-febbraio.

Da leggere insieme a:

Il tetto al prezzo del petrolio russo: un cervellotica scemenza che non funziona . Spiegata bene da  DWN:

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha chiesto nuove sanzioni contro la Russia sul mercato petrolifero. Vuole fare una campagna per un tetto massimo sul prezzo del petrolio russo al prossimo incontro del G20 a Bali. Yellen ha detto che si spera che Cina e India vedranno che questo è nel loro stesso interesse. “Darebbe alla Russia l’opportunità di continuare ad esportare petrolio.” Allo stesso tempo, tuttavia, potrebbero essere evitati forti rialzi dei prezzi.

Secondo le idee statunitensi, i servizi finanziari, le assicurazioni e il trasporto di merci petrolifere devono essere combinati. Una compagnia cargo o un importatore dovrebbe ottenere questi servizi solo se aderisce a un tetto massimo per il petrolio russo. Questo deve essere fissato in un secondo momento, a un livello che dia ancora alla Russia un incentivo ad esportare, ma non troppo alto per finanziare la guerra in Ucraina. Secondo i funzionari statunitensi, potrebbe essere compreso tra $ 40 e $ 60 al barile. In effetti, in futuro la Russia sarà costretta a vendere petrolio a un prezzo notevolmente inferiore.

Da un lato, il limite superiore dovrebbe garantire che la Russia non benefici più degli aumenti dei prezzi sul mercato dell’energia: si tratta quindi di una sanzione. D’altro canto, dovrebbe contribuire a un rilassamento dei mercati petroliferi e al calo dei prezzi in tutto il mondo. Non solo nell’UE, ma anche negli Stati Uniti, i prezzi elevati del carburante sono attualmente un grosso problema e potrebbero diventare un problema per i democratici al governo di Joe Biden, che è estremamente impopolare in termini storici, nelle prossime elezioni di medio termine in autunno .

L’idea di Yellen dovrebbe rimanere tale: un’idea. Perché per essere realizzato, richiede la cooperazione coordinata a livello internazionale di praticamente tutti gli stati rilevanti, le compagnie petrolifere, i paesi produttori e le compagnie di trasporto.

Questo è assolutamente illusorio, poiché è stato dimostrato che la maggior parte dei paesi del mondo non partecipa alle sanzioni occidentali contro la Russia. In effetti, molti stati chiave stanno persino cercando di espandere il commercio con la Russia. L’India oi paesi del Medio Oriente stanno forzando le loro importazioni di energia dalla Russia e il Brasile vuole acquistare carburante diesel russo su larga scala.

Un portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che i tentativi di limitare i prezzi del petrolio potrebbero finire per fare il contrario. “Questi piani sono anti-mercato e rischiosi.” Il petrolio russo è già scambiato con uno sconto significativo rispetto ai prodotti di altri paesi produttori di petrolio, nonostante i problemi di finanziamento e logistica.

Alla fine di giugno, il cancelliere Olaf Scholz, che ospitava il vertice del G7 presso lo Schloss Elmau bavarese, ha descritto l’idea come “un progetto molto ambizioso e molto impegnativo”. limite e su quale base viene calcolato.

Hauke ​​Reimer commenta su Wirtschaftswoche:

 

“Per imporre un limite, la minaccia che i produttori rimarranno con il loro petrolio a prezzi più alti deve essere credibile. Anche il cartello di approvvigionamento dell’OPEC raramente agisce come un’unità, e un cartello di acquirenti di petrolio, di cui ce ne sono molti più che fornitori, non funzionerà di certo. Non c’è modo in cui l’Occidente persuaderà tutti i principali consumatori di petrolio del mondo a unirsi a un quasi boicottaggio del petrolio costoso.

Se l’Unione Europea non è nemmeno riuscita a convincere tutti i suoi membri ad accettare un boicottaggio petrolifero congiunto, come dovrebbe avere successo un cartello di acquirenti con Cina e India? Indicheranno ai paesi produttori di pagare un po’ di più del prezzo fissato dall’Occidente e di prendere il loro petrolio. La Russia sta già deviando sempre più le sue esportazioni di petrolio verso l’Asia. Inoltre, è probabile che alcuni produttori di petrolio riducano la loro offerta nella speranza di prezzi più alti in seguito”.

 

putin-guadagna
PUTIN: “Le classi dirigenti dei Paesi occidentali, di natura sovranazionale e globalista, si sono rese conto che le loro politiche sono sempre più lontane dalla realtà, dal buon senso e dalla verità, e hanno iniziato a ricorrere a metodi apertamente dispotici”.
“L’Occidente, che una volta dichiarava principi di democrazia come la libertà di parola, il pluralismo e il rispetto per le opinioni dissenzienti, è ora degenerato nell’opposto: il totalitarismo. Questo include la censura, i divieti ai media e il trattamento arbitrario verso giornalisti e personaggi pubblici”.
“Questi tipi di divieti sono stati estesi non solo allo spazio dell’informazione, ma anche alla politica, alla cultura, all’istruzione e all’arte – a tutte le sfere della vita pubblica nei Paesi occidentali. E stanno imponendo tutto questo al mondo; stanno cercando di imporre questo modello, un modello di liberalismo totalitario, compresa la famigerata cancel culture”.

Nessun commento:

Posta un commento