L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 27 luglio 2022

Sanzioni e armi cosa si aspettano gli euroimbecilli in cambio? Gas gas gas

La spietata dittatura UE comincia …. con una fake?
Maurizio Blondet 26 Luglio 2022

Notizia compare su zero hedge

I paesi dell’UE raggiungono un accordo sulla riduzione coordinata della domanda del 15% per il prossimo inverno

Fino a ieri moltissimi stati si opponevano a questa gravissima misura che dà alla Ursula il un potere super dittatoriale inimmaginabile sui paesi. Poi è arrivata la notizia che Gazprom aveva ridotto ulteriormente il flusso nel NordStream 1 al 20% dal 40% che era. E allora si è raggiunta l’unanimità. Quindi c’è da sospettare che la notizia sia un falso prodotto dalle centrali occidentali. Anche perché Gazprom aveva piuttosto aumentato le forniture, come allìItalia

Nelle stesse ore apprendiamo che

L’ex cancelliere tedesco Schroeder arriva in Russia per colloqui sulle forniture di gas.

L’ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder è arrivato a Mosca per colloqui sull’energia, ha riferito martedì Der Spiegel, citando fonti. https://www.spiegel.de/politik/deutschland/gerhard-schroeder-ex-kanzler-laut-medienbericht-wieder-in-moskau-a-8db56eb6-a709-4ec4-a950-c4fabbef3280

Secondo le fonti, al centro dei colloqui ci saranno le forniture di gas russo attraverso il gasdotto Nord Stream. Il media ha aggiunto che non è chiaro con chi l’ex cancelliere tedesco si incontrerà. MA Schroeder è considerato l’iomo di Gazprom in Germania.

L’ultima visita di Schroeder a Mosca risale a marzo, per discutere della situazione in Ucraina con il Presidente russo Vladimir Putin. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato martedì ai giornalisti che un incontro tra il leader russo e l’ex cancelliere tedesco è possibile.

Qui di seguito l’articolo di Zero Hedge che mostra la soddisfazione gongolante del kommissari:

A seguito della decisione del produttore energetico statale russo Gazprom PJSC di ridurre i flussi di gas naturale verso l’Europa attraverso il gasdotto Nord Stream 1, i paesi dell’Unione Europea hanno concordato un taglio della domanda del 15% durante il prossimo inverno poiché le probabilità di raggiungere l’80% di riempimento dello stoccaggio NatGas si riducono, ha riferito Bloomberg .

Martedì, la presidenza ceca dell’UE ha twittato i ministri dell’Energia dell’UE si sono riuniti a Bruxelles e hanno dato il “pollice in su” alla proposta di tagliare volontariamente la loro domanda di NatGas nei prossimi mesi. In caso di emergenza, come Gazprom che riduce a zero i flussi di NatGas, il piano afferma che i paesi dell’UE dovranno ridurre la domanda del 15%.

“L’UE è unita – accordo su una regolamentazione coordinata di riduzione della domanda del 15% in una sola settimana! – ridurre il nostro consumo di gas di 45 miliardi di metri cubi è la mossa migliore per reagire al ricatto del gas di Putin – solo l’Ungheria ha votato contro”, ha twittato il ministro dell’Energia lussemburghese Claude Turmes .

A seguito della decisione del produttore energetico statale russo Gazprom PJSC di ridurre i flussi di gas naturale verso l’Europa attraverso il gasdotto Nord Stream 1, i paesi dell’Unione Europea hanno concordato un taglio della domanda del 15% durante il prossimo inverno poiché le probabilità di raggiungere l’80% di riempimento dello stoccaggio NatGas si riducono, ha riferito Bloomberg .

Martedì, la presidenza ceca dell’UE ha twittato i ministri dell’Energia dell’UE si sono riuniti a Bruxelles e hanno dato il “pollice in su” alla proposta di tagliare volontariamente la loro domanda di NatGas nei prossimi mesi. In caso di emergenza, come Gazprom che riduce a zero i flussi di NatGas, il piano afferma che i paesi dell’UE dovranno ridurre la domanda del 15%.

“L’UE è unita – accordo su una regolamentazione coordinata di riduzione della domanda del 15% in una sola settimana! – ridurre il nostro consumo di gas di 45 miliardi di metri cubi è la mossa migliore per reagire al ricatto del gas di Putin – solo l’Ungheria ha votato contro”, ha twittato il ministro dell’Energia lussemburghese Claude Turmes .

Secondo l’esperto di energia di Bloomberg Javier Blas, con ” Nord Stream 1 che scorre solo al 20% della capacità dal 27 luglio, la Germania NON avrà abbastanza gas naturale per farcela per tutto l’inverno **a meno che non vengano implementate grandi riduzioni della domanda**. Berlino dovrà attivare la fase 3 del suo programma di emergenza gas “.

Il calo dei flussi del Nord Stream ha reso ancora più improbabile la probabilità che i paesi dell’UE raggiungano l’obiettivo di riempimento dello stoccaggio dell’80% di NatGas entro l’inverno, il che implica che l’Europa sta affrontando un inverno gelido ma anche quella che potrebbe essere una dolorosa recessione.

Sven Giegold, viceministro dell’economia tedesco, ha affermato che il nuovo piano è “un passo senza precedenti nella solidarietà europea … “Gli stati dell’UE che non importano gas russo stanno mostrando sostegno e si sono impegnati a ridurre i consumi. Non era mai successo prima”.

Bloomberg sottolinea che alcuni paesi dell’UE erano preoccupati per i tagli:

Nel periodo precedente l’incontro, diversi paesi, tra cui Italia, Ungheria, Polonia, Portogallo e Spagna, avevano espresso preoccupazione per gli obiettivi di riduzione, citando i tagli alla domanda già raggiunti, la mancanza di collegamenti del gas con altri paesi e il fatto che le decisioni in merito l’energia è solitamente di competenza nazionale.

La Repubblica Ceca, che detiene la presidenza di turno dell’UE, aveva proposto negli ultimi giorni una serie di modifiche al piano della Commissione rispetto alla scorsa settimana nel tentativo di portare le nazioni in gioco.

Le revisioni includevano una disposizione che aumenterebbe il numero di paesi che devono richiedere che un obiettivo di riduzione della domanda del 15% sia reso obbligatorio a cinque su tre, secondo una bozza vista da Bloomberg. La commissione potrebbe anche proporre la misura di emergenza se ritenesse che vi sia un alto rischio di carenza. Entrambi gli scenari avrebbero anche bisogno del sostegno della maggioranza degli Stati membri per avere effetto.

Altre modifiche includevano la presa in considerazione del livello di stoccaggio del gas in un paese e la possibilità di escludere alcuni settori chiave. Le regole sarebbero inoltre stabilite solo per un anno, anziché due come originariamente delineato. Gli Stati membri potrebbero chiedere una riduzione obbligatoria inferiore in base a determinati criteri in base alle loro interconnessioni con altre nazioni, ad esempio paesi insulari come l’Irlanda.

Katharina Buchholz di Statista spiega in dettaglio che una chiusura completa del Nord Stream avrebbe effetti disastrosi sulle economie europee.

Nessun commento:

Posta un commento