L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 8 agosto 2022

e 22,23,24 - Afghanistan - Gli Stati Uniti stanno implementando la nuova Strategia nel paese PAURA&TERRORE attraverso i mercenari dell'Isis e le STRAGI DEI CIVILI. L'avevamo detto! Moschee e scuole e non solo

Afghanistan: Onu, oltre 120 morti e feriti nei giorni scorsi
Appello a talebani, rispettino minoranze religiose

© ANSA/EPA

Redazione ANSAROMA
08 agosto 202201:37NEWS

(ANSA) - ROMA, 08 AGO - Oltre 120 persone sono state uccise o ferite in Afghanistan negli ultimi giorni, secondo quanto riferito dalle Nazioni Unite e riportato dalla Dpa.

In una dichiarazione, la Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) ha esortato il governo talebano de facto a fornire maggiore sicurezza alle minoranze in modo che possano celebrare le loro cerimonie religiose senza ulteriori attacchi.

L'Isis ha rivendicato gli attentati dinamitardi di venerdì e sabato a Kabul contro i musulmani sciiti nella parte occidentale della città. Ieri, notizie non confermate hanno riferito di un terzo attacco consecutivo nella capitale afgana.
Secondo la stazione televisiva locale Kabul News, l'ultima esplosione ha preso di mira un autobus civile a Chandawol, un'altra zona sciita a ovest della città.
Gli ultimi attacchi sono avvenuti ;;mentre i musulmani sciiti si preparavano all'Ashura, che commemora il martirio dell'Imam Hussein, nipote del profeta Maometto.
Da quando i talebani hanno preso il controllo dell'Afghanistan nell'agosto 2021, lo Stato islamico ha compiuto una serie di attacchi mortali, per lo più contro minoranze religiose. (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento