L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 3 agosto 2022

La guerra igiene del mondo. La morte violenta lava le coscienze e le riporta allo stato naturale

 03 agosto 2022

Ucraina SitRep - Rapporto sul campo - Crolla la prima linea ucraina

Di seguito è riportata una traduzione automatica leggermente modificata di un pezzo apparso ieri sul lato ucraino censor.netIl pezzo è stato promosso da Yuri Butusov, un noto corrispondente militare ucraino. In origine è un post sui social media di qualcuno che era in prima linea a Pisky, immediatamente a nord-ovest della città di Donetsk.

Contesto:

Negli ultimi due o tre mesi la parte ucraina ha usato le sue posizioni nelle vicinanze della città di Donetsk per bombardare più o meno casualmente la popolazione civile sul lato affiliato russo. Dopo alcune serie proteste, il comando militare russo ha accettato di lanciare un'operazione di contro-artiglieria dedicata per fermare le micidiali molestie ucraine.

I suoi "rapporti clobber" giornalieri, ecco quello di ieri, da allora hanno incluso righe come queste quasi ogni giorno:

Come parte della guerra di contro-batteria 2 batterie di artiglieria di obici Giatsint vicino a Dzerzhinsk e Novhorodskoye, la Repubblica popolare di Donetsk sono state colpite.

4 plotoni di Grad MLRS e 9 plotoni di artiglieria in posizioni di tiro vicino a Seversk, Kirovo, Artemovsk, Avdeevka, Peski, Orlovka, Shakhterskoye, Velikaya Novoselka nella Repubblica popolare di Donetsk, Dobropolie nella regione di Zaporozhye, Shirokoye, Bereznevatoye nella regione di Nikolaev, Russkaya Lozovaya e Nortsovka nella regione di Kharkov.

La sistematica campagna di contro-artiglieria ha seriamente deteriorato la già rara potenza di fuoco ucraina.

La parte russa ha anche cambiato la direzione primaria della sua spinta dal fronte settentrionale della direzione Sievierdonetsk-Lysichansk-Siversk a una spinta più a sud. L'attuale operazione offensiva è concentrata a nord-ovest e ad ovest della città di Donetsk in direzione di Avdivka. C'è un'operazione di inviluppo in corso a nord e a sud per circondare quella città estremamente pesantemente fortificata.

Il territorio rosso a sinistra della linea rossa segna parti dei recenti progressi.


Fonte: Mappa UA in tempo reale - più grande

Pisky è la parte meridionale di quell'operazione di inviluppo.


maggiore

Dopo intensi preparativi di artiglieria, le forze russe stanno attualmente - lentamente, lentamente - ripulendo le linee di bunker e fossati in cemento armato che sono stati costruiti sul lato ucraino negli ultimi 8 anni. Ecco ora il punto di vista di quella battaglia da parte ucraina (traduzione automatica modificata, per una traduzione alternativa vedi questo.) (Nota: 300 è il designatore del carico militare per i feriti, 200 è per i soldati morti):

Pisky. Tritacarne
Autore: Serhiy Gnezdilov

Cos'è da perdere, cos'altro può essermi tolto il sesto giorno del mio inferno personale, a Pisky, a un chilometro dalla prima strada di Donetsk, in Ucraina? I corpi di coloro che mi erano più cari della mia famiglia giacciono sotto il calore nelle trincee, spezzati dal calibro 152. Come ho scritto prima, 6.500 conchiglie per dannato villaggio in meno di un giorno.

Sono già passati sei giorni del genere, e non riesco a immaginare come anche un piccolo numero della nostra fanteria sia sopravvissuto in questa raffica di fuoco nemico.

No, non sto piagnucolando.

Due mortai 82 e 120 stanno lavorando dalla nostra parte.

A volte si svegliano e "starnutiscono" due barili di artiglieria in direzione di Donetsk.

Difficilmente rispondiamo. Non c'è fuoco di controbatteria, fin dall'inizio, il nemico mette proiettili di artiglieria nelle nostre trincee senza problemi, smantella posizioni molto forti e concrete in decine di minuti, spingendo la nostra linea di difesa senza pause o riposo minimo.

L'altro ieri, la linea si è rotta e un fiume di 200 o 300 [morti / feriti] è stato versato. Non pubblicherò alcuna statistica, è vietato nel nostro paese, ma non hai idea del numero e della percentuale di perdite.

Questo è un inferno di un tritacarne, dove il battaglione trattiene semplicemente l'assalto con i loro corpi.

Per quasi una settimana, abbiamo atteso almeno un qualche tipo di aiuto che colpisse l'artiglieria nemica, ripetiamo, stiamo sparando impunemente con tutto ciò di cui il sistema militare russo è ricco, la loro aviazione funzionava oggi.

Sono orgoglioso della leadership del battaglione che è rimasto qui con noi. Il combattente è con noi, tutti sono con noi, contusi, leggeri 300, fasciati e restituiti dopo un paio d'ore alla posizione, se puoi chiamare questi burroni senza fondo in quel modo.

C'è una guerra in corso.

Ma senza un combattimento contro-batteria, si trasforma in un tritacarne insensato, dove una quantità folle della nostra fanteria viene macinata in un giorno.

Volevi davvero la verità? Eccola, la nuda verità.

La riserva va nella posizione, chiude la svolta e, dopo cinque minuti, solo una delle 15 persone rimane intatta.

I corpi giacciono a terra. Se è un leggero 300, forse sarai fortunato, sverrai e uscirai a piedi, raggiungerai i medici.

Hanno appena preso un 300 [ferito]. Gridò fino in fondo: - "Dov'è il sostegno? Dov'è l'artiglieria? Perché siamo stati abbandonati? Perché nessuno ci ha coperto?"

Non so, amico mio, perché nessuno ci ha coperto... Lui urla, e mi vergogno di essere ancora sano e salvo, solo un paio di buoni assordanti.

Ho vomitato, mi sono incazzato, mi dispiace, e sono tornato in azione.

Tutte le riserve vengono distrutte, l'equipaggiamento militare è in fiamme, il nemico si avvicina e senza problemi occupa le nostre posizioni dopo un'altra raffica di artiglieria.

In questo momento stiamo perdendo Pisky, tutte le nostre risorse umane e materiali sono quasi esaurite.

Denys, un residente di Mariupol, che mi ha detto "beh, mi fido dell'arrestato [il consigliere di Zelenski Arestovich], restituiremo tutto molto presto" è morto. È stato ferito due volte, lo hanno fasciato proprio nella trincea, gli hanno detto, Denchyk, vai all'evacuazione, ma lui ha risposto "ragazzi, non vi abbandonerò".

Entrambi feriti per la prima volta, e dopo il secondo ferimento, ha continuato a sparare indietro.

Non abbiamo ancora preso il suo corpo. Sulle rovine di Pisky, giace con le braccia tese e lo sguardo congelato. Chiede vendetta. Come posso rifiutare la sua ultima richiesta? Come possiamo tutti lasciare Dan?

Credo che Dimka sia sopravvissuto dopo tutto. Perché non poteva morire, essendo recentemente tornato dall'ospedale, avendo appena proposto alla sua ragazza. Dicono che dopo una delle parrocchie è semplicemente scomparso. Si addormentò con la terra. Ma credo che questo sia un errore, e lui è vivo. Speranza e aspettativa sciocche.

Lo so, al mio paese non piace pensare ad alta voce. Ma non mi è rimasta scelta tra la vittoria e l'arresto. La verità dovrebbe essere ascoltata, non sussurrare in cucina. Certo, volerà separatamente per questo post, perché come? Sì, lo Stato mente ai propri cittadini?

Non sarei sorpreso se qualcuno dicesse oggi: "L'agente del Cremlino Sirozh ha parlato del brillante piano dei vincitori sul fronte di Donetsk, appendiamolo al pacificatore".

Mi sono divertito a dire che tutto è sotto controllo. Ora, in Pisky, tutto non è sotto il controllo di nessuno, ma per qualche motivo la situazione viene messa a tacere.

Suona campane rotte mentre copriamo Pisky con i corpi.

Abbiamo bisogno di artiglieria.

Dacci qualcosa qui a cui aggrapparti.

Ora mettiti nella posizione di Serhiy Gnezdilov, Denys o Dimka. Poi pensate ai politici che parlano dolcemente dell'eroica resistenza ucraina e mandano questi uomini a essere massacrati senza alcun guadagno possibile.

Scusa Serhiy, più artiglieria non lo farà. La parte russa lo avrebbe semplicemente macinato in pochi giorni. Quanti dei 120 obici statunitensi M-777 che sono stati dati all'Ucraina esistono ancora? Forse 10 o giù di lì, la maggior parte di loro danneggiati?

Ci sono altre operazioni in corso. A nord del fronte di Donetsk c'è una spinta verso Bakhmut (noto anche come Artomovsk). Ieri Soledar, a nord di Bakhmut, è stato segnalato per essere stato per lo più catturato. Anche Vershyna e Zaiseve, a sud di esso, se ne sono andati o cadranno presto.


maggiore

La parte ucraina ha annunciato a gran voce un'imminente controffensiva sul fronte meridionale verso la città di Kherson. Ma il numero di unità russe in quell'area più ampia è stato aumentato a un livello che rende una nuova offensiva russa verso Mykolaiv (Nikolaev), Kryvyv Rih (Krivoy Rog) o Zaporitzhia più probabile di qualsiasi cosa la parte ucraina possa fare.


maggiore

La parte russa conduce anche una campagna continua contro le riserve ucraine, il quartier generale della brigata e le installazioni militari o le squadre di stoccaggio temporaneo molto indietro rispetto alla linea del fronte immediato. Questi attacchi meno visibili uccidono un numero enorme di truppe ucraine. Dal "rapporto clobber" di ieri (anche qui):

Come risultato dell'attacco delle forze aerospaziali russe alle posizioni di combattimento della 54a Brigata meccanizzata dell'AFU vicino a Mar'inka nella Repubblica popolare di Donetsk, più di 50 nazionalisti del 2 ° battaglione di questa unità sono stati distrutti.

Armi ad alta precisione delle forze aerospaziali russe hanno colpito un punto di dispiegamento temporaneo della Legione straniera ucraina vicino alla città di Nikolaev. Gli attacchi hanno portato all'eliminazione di 250 nazionalisti e 20 unità di equipaggiamento militare.

Gli attacchi ad alta precisione delle forze aerospaziali russe hanno eliminato fino a 500 nazionalisti della 92a Brigata meccanizzata dell'AFU e una grande quantità di equipaggiamento militare a Merefa e Chuguyiv nella regione di Kharkov.

I bombardamenti delle posizioni di combattimento del 16 ° battaglione della 58a brigata di fanteria motorizzata AFU vicino ad Artemovsk hanno portato all'eliminazione di oltre 130 nazionalisti. I restanti militari del battaglione, che contavano fino a 70, lasciarono frettolosamente le loro posizioni e partirono per Konotop, nella regione di Sumy, dove furono disarmati e dichiarati disertori.

Il 21º Battaglione della 56ª Brigata di fanteria motorizzata, che aveva subito perdite significative nei pressi di Peski, cadde sotto il fuoco dell'artiglieria dell'AFU durante la sua ritirata a Vodyanoye e fu quasi completamente eliminato.

Notate l'ultimo paragrafo. L'unità di Pisky (Peski), da cui Serhiy Gnezdilov riferì, si stava ritirando verso Vodiane (Vodyanoye), a nord di Pisky (vedi la seconda mappa sopra). Sulla loro strada le forze armate dell'Ucraina (AFU) hanno aperto il fuoco su di loro, uccidendo quasi tutti coloro che erano sopravvissuti agli attacchi russi contro Pisky.

Era questa punizione per la ritirata già tardiva? O è stata un'errata identificazione da parte di un osservatore di artiglieria avanzato che pensava che quelle forze ucraine in ritirata stessero attaccando le unità russe? Non lo so, ma...

A proposito, i numeri delle vittime avversarie forniti dal ministero della Difesa russo sono probabilmente sovrastimati (come tutti questi numeri). Ma anche se solo la metà di quei ~ 900 dichiarati ieri sono stati davvero feriti o uccisi il giorno prima, le perdite sono ancora devastanti. Nel 1967, al culmine della guerra del Vietnam, le vittime statunitensi, morti e feriti, erano al massimo circa 200 al giornoVediamo un multiplo di quelli sul lato ucraino ogni giorno.

Questo non è sostenibile. Il governo ucraino avrebbe dovuto rinunciare alla lotta impari mesi fa. E' un crimine immenso spingerlo ulteriormente avanti.

Pubblicato da b il 3 agosto 2022 alle 8:07 UTC | Permalink ·

https://www.moonofalabama.org/2022/08/ukraine-sitrep-on-the-ground-report-ukrainian-frontline-collapses.html#more

Nessun commento:

Posta un commento