L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 8 agosto 2022

Ma quale flat tax, creare moneta non a debito, oggi credito d'imposta, ieri cambiali e assegni

Il centro-destra vuole la flat tax, ora ci parli delle coperture finanziarie
Il centro-destra lavora al programma di governo e rilancia la battaglia sulla flat tax. L'idea sarebbe ottima, ma con le coperture finanziarie
di Giuseppe Timpone , pubblicato il 07 Agosto 2022 alle ore 07:19


Trovata la quadra sui collegi uninominali, il centro-destra composto da Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e centristi lavora al programma di governo. Giorgia Meloni, leader in pectore della coalizione, ha per tempo invitato gli alleati a fare solo promesse ragionevoli, cioè sostenibili per i conti pubblici. Un tema su cui sono tutti d’accordo, a parte le “sfumature”, per dirla con le parole della stessa Meloni, è quello fiscale. Il centro-destra vuole ridurre le tasse e per farlo vorrebbe introdurre in Italia la “flat tax”. Si tratta di un sistema impositivo non progressivo, ad aliquota unica o “piatta”. In poche parole, tutti i redditi delle persone fisiche sarebbero tassati alla stessa percentuale, fatta salva un’area di esenzione fiscale, oggi fino a poco più di 8.000 euro.

Quale flat tax

Il segretario della Lega, Matteo Salvini, rilancia il suo pallino del 2018: flat tax al 15%. Silvio Berlusconi si attiene alla sua versione al 23%. Meloni, invece, più prudentemente vorrebbe introdurre una “flat tax incrementale”, vale a dire sull’aumento dei redditi dichiarati. Per essere chiari, se nell’anno X ho dichiarato 30.000 euro e nell’anno X+1 dichiaro 35.000 euro, sui 5.000 euro in più sarà applicata la flat tax al 15-20% o 23% che sia.

Il costo dell’operazione dipenderà chiaramente dal modello scelto. Nel 2019, la proposta della Lega fu stimata in 59 miliardi di euro. Ma l’economista del Carroccio, Armando Siri, ribatté che il costo fosse di appena 12-15 miliardi. Insomma, le cifre divergono fin troppo. Una cosa è certa: chi sostiene che la flat tax costerebbe due spicci, non dice la verità. Se davvero si tratta di una proposta rivoluzionaria per il fisco italiano – e lo sarebbe – non può che comportare un abbattimento forte della pressione fiscale.Altrimenti, sarebbe una presa in giro.

Il nodo delle coperture finanziarie

Quale che sia il costo, il centro-destra deve ancora indicarci le coperture finanziarie. Non è un dettaglio. I mercati guardano con estrema attenzione alle promesse delle coalizione e se vi scorgessero scarsa prudenza fiscale, reagirebbero di conseguenza. Se qualcuno vi racconta che il taglio delle tasse si ripaghi da solo, o vi sta imbrogliando o non conosce né le regole di bilancio, né i fondamenti di macroeconomia. La flat tax costerà tot miliardi. Ed è dovere del centro-destra “responsabile” indicare per grandi vie quali sarebbero le coperture finanziarie. Il generico riferimento al “taglio della spesa pubblica improduttiva” non basta. Va bene per uno slogan da manifesto elettorale, non per i cittadini-elettori.

Il centro-destra ci dica dove intenda prendere i soldi per finanziare il taglio delle tasse. Il cittadino deve poter capire se il gioco vale per lui o lei la candela. Su una spesa pubblica superiore a 800 miliardi, al netto degli interessi, di risorse a cui attingere per la flat tax ve ne sarebbero. Bisogna solo scegliere chirurgicamente dove andare a risparmiare. Serve chiarezza per risultare credibili. Meloni lo ha capito più di tutti e si limita a promesse realizzabili. Resta da convincere gli alleati.

Nessun commento:

Posta un commento