L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 18 settembre 2022

"L’implacabile narrativa occidentale secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenuo e straordinariamente pericoloso”

La politica statunitense “pericolosa” e la “falsa narrativa dell’Occidente” alimentano le tensioni con Russia e Cina
Amy Goodman e Juan Gonzàlez intervistano Jeffrey Sachs
8 settembre 2022


Discutiamo dell’egemonia occidentale e della politica statunitense in Russia, Ucraina e Cina con l’economista della Columbia University Jeffrey Sachs, il cui nuovo articolo è intitolato “La falsa narrativa dell’Occidente su Russia e Cina”. Sachs afferma che l’approccio bipartisan degli Stati Uniti alla politica estera è “inspiegabilmente pericoloso e storto” e avverte che gli Stati Uniti stanno creando “una ricetta per l’ennesima guerra” nell’Asia orientale.

Politico riporta che l’amministrazione Biden si prepara a chiedere al Congresso di approvare una nuova vendita di armi da 1,1 miliardi di dollari a Taiwan. Secondo quanto riferito, il pacchetto include 60 missili antinave e 100 missili aria-aria. Ciò avviene dopo che due navi da guerra statunitensi hanno navigato domenica attraverso lo Stretto di Taiwan per la prima volta da quando il presidente della Camera Nancy Pelosi ha visitato Taiwan all’inizio di questo mese. La Cina ha condannato la visita e ha lanciato importanti esercitazioni militari vicino a Taiwan.

Nel frattempo, la scorsa settimana il presidente Biden ha annunciato 3 miliardi di dollari in più di aiuti militari per l’Ucraina, compresi i soldi per missili, colpi di artiglieria e droni per aiutare le forze ucraine a combattere la Russia.

Iniziamo la puntata di oggi guardando la politica degli Stati Uniti su Russia e Cina. Siamo raggiunti dall’economista Jeffrey Sachs, direttore del Center for Sustainable Development della Columbia University. È presidente della Rete di soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Ha servito come consigliere di tre segretari generali delle Nazioni Unite. Il suo ultimo articolo è intitolato “La falsa narrativa dell’Occidente su Russia e Cina”.

Inizia l’articolo con questa citazione: “Il mondo è sull’orlo della catastrofe nucleare in gran parte a causa del fallimento dei leader politici occidentali nell’essere schietti sulle cause dell’escalation dei conflitti globali. L’implacabile narrativa occidentale secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenuo e straordinariamente pericoloso”.

* * * *

AMY GOODMAN : Jeffrey Sachs, benvenuto in Democracy Now!

JEFFREY SACHS : Grazie. Bello essere con te.

AMY GOODMAN : Qual è la storia che le persone in Occidente e in tutto il mondo dovrebbero capire su ciò che sta accadendo in questo momento con questi conflitti, con la Russia, con la Russia e l’Ucraina e con la Cina?

JEFFREY SACHS : Il punto principale, Amy, è che non stiamo usando la diplomazia; stiamo usando armi. Questa vendita ora annunciata a Taiwan di cui hai discusso questa mattina è solo un altro esempio calzante. Questo non rende Taiwan più sicura. Questo non rende il mondo più sicuro. Certamente non rende gli Stati Uniti più sicuri.

Questo risale a molto tempo fa. Penso sia utile iniziare 30 anni fa. L’Unione Sovietica finì e alcuni leader americani si misero in testa che ora c’era quello che chiamavano il mondo unipolare, che gli Stati Uniti erano l’unica superpotenza e che potevamo dirigere lo spettacolo. I risultati sono stati disastrosi. Abbiamo ormai trent’anni di militarizzazione della politica estera americana. Un nuovo database che Tufts sta mantenendo ha appena mostrato che ci sono stati più di 100 interventi militari da parte degli Stati Uniti dal 1991. È davvero incredibile.

E ho visto, nella mia esperienza personale negli ultimi 30 anni, lavorando a lungo in Russia, nell’Europa centrale, in Cina e in altre parti del mondo, come l’approccio degli Stati Uniti sia un approccio militare prima, e spesso solo militare, anche dopo. Armiamo chi vogliamo. Chiediamo alla NATO l’allargamento, indipendentemente da ciò che dicono gli altri paesi che può essere dannoso per i loro interessi in materia di sicurezza. Mettiamo da parte gli interessi di sicurezza di chiunque altro. E quando si lamentano, spediamo più armamenti ai nostri alleati in quella regione. Andiamo in guerra quando vogliamo, dove vogliamo, che fosse l’Afghanistan o l’Iraq o la guerra segreta contro Assad in Siria, che ancora oggi non è adeguatamente compresa dal popolo americano, o la guerra in Libia. E noi diciamo: “Siamo amanti della pace. Cosa c’è di sbagliato in Russia e Cina? Sono così bellicosi. Vogliono minare il mondo”. E finiamo in scontri terribili.

La guerra in Ucraina – tanto per concludere la visione introduttiva – avrebbe potuto essere evitata e avrebbe dovuto essere evitata attraverso la diplomazia. Ciò che il presidente russo Putin ha detto per anni è stato “Non espandere la NATO nel Mar Nero, non in Ucraina, tanto meno in Georgia”, che se le persone guardano sulla mappa, dritto fino al bordo orientale del Mar Nero. La Russia ha detto: “Questo ci circonderà. Questo metterà a rischio la nostra sicurezza. Facciamo diplomazia”. Gli Stati Uniti hanno rifiutato ogni diplomazia. Ho provato a contattare la Casa Bianca alla fine del 2021, in effetti, ho contattato la Casa Bianca e ho detto che ci sarebbe stata una guerra a meno che gli Stati Uniti non avessero avviato colloqui diplomatici con il presidente Putin su questa questione della NATO allargata. Mi è stato detto che gli Stati Uniti non lo faranno mai. Questo è fuori discussione. Ed era fuori discussione. Ora abbiamo una guerra straordinariamente pericolosa.

E stiamo adottando esattamente la stessa tattica in Asia orientale che ha portato alla guerra in Ucraina. Stiamo organizzando alleanze, costruendo armi, parlando di spazzatura in Cina, facendo volare la presidente Pelosi a Taiwan, quando il governo cinese ha detto: “Per favore, abbassa la temperatura, abbassa le tensioni”. Diciamo “No, facciamo quello che vogliamo” e ora inviamo più armi. Questa è una ricetta per l’ennesima guerra. E per me è terrificante.

Siamo al 60° anniversario della crisi dei missili cubani, che ho studiato per tutta la vita e di cui ho scritto, ho scritto un libro sulle conseguenze. Stiamo guidando verso il precipizio e siamo pieni del nostro entusiasmo mentre lo facciamo. Ed è semplicemente inspiegabilmente pericoloso e storto, l’intero approccio della politica estera statunitense. Ed è bipartisan.

JUAN GONZÁLEZ: Jeffrey Sachs, volevo chiederti una delle cose che hai menzionato in un recente articolo pubblicato su Consortium News è stata questa insistenza degli Stati Uniti, trascinando anche l’Europa nel mantenere l’egemonia in tutto il mondo in un momento in cui il potere economico dell’Occidente è in declino. Dici, ad esempio, che le nazioni BRICS — Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa — rappresentano più del 40% della popolazione mondiale e hanno un PIL maggiore rispetto alle nazioni del G7, eppure i loro interessi e le loro preoccupazioni sono praticamente respinti o, nel caso, ovviamente, della Russia e della Cina, presentati al popolo americano come gli aggressori, come gli autoritari, come coloro che stanno creando tumulto nel mondo.

JEFFREY SACHS : Il tuo punto è…

JUAN GONZÁLEZ: Mi chiedo se potresti ampliarlo.

JEFFREY SACHS : Sì, assolutamente, e indirizzarci a questo è estremamente importante. Il potere sproporzionato del mondo occidentale, e in particolare del mondo anglosassone, iniziato con l’impero britannico, e ora gli Stati Uniti, ha circa 250 anni, quindi un breve periodo nella storia mondiale. È successo, per molte ragioni molto interessanti, che la rivoluzione industriale sia arrivata prima in Inghilterra. La macchina a vapore è stata inventata lì. Questa è probabilmente l’invenzione più importante della storia moderna. La Gran Bretagna divenne militarmente dominante nel 19° secolo, come lo furono gli Stati Uniti nella seconda metà del 20° secolo. La Gran Bretagna ha condotto lo spettacolo. La Gran Bretagna aveva l’impero su cui il sole non tramontava mai. E l’Occidente, che significa gli Stati Uniti e l’Europa occidentale, ora significa gli Stati Uniti e l’Unione Europea, il Regno Unito, il Canada, il Giappone — in altre parole, il G7, l’Unione Europea insieme — è una piccola parte della popolazione mondiale, forse ora circa il 10%, un po’ di più, forse il 12,5% se si aggiunge il Giappone all’Europa occidentale e agli Stati Uniti. Ma la mentalità è “Noi gestiamo il mondo”. Ed è stato così per 200 anni in questa era industriale.

Ma i tempi sono cambiati. E in effetti, dagli anni ’50, il resto del mondo, quando ottenne l’indipendenza dall’imperialismo europeo, iniziò a educare le sue popolazioni, iniziò ad adottare, adattare e innovare le tecnologie. Ed ecco, un piccolo frammento di mondo in realtà non governava il mondo o non aveva il monopolio della saggezza o della conoscenza o della scienza o della tecnologia. E questo è meraviglioso. La conoscenza e la possibilità di una vita dignitosa si sta diffondendo in tutto il mondo.

Ma negli Stati Uniti c’è un risentimento per questo, un profondo risentimento. Penso che ci sia anche una tremenda ignoranza storica, perché penso che molti leader statunitensi non abbiano idea della storia moderna. Ma si sono risentiti per l’ascesa della Cina. Questo è un affronto agli Stati Uniti. Come osa risorgere la Cina! Questo è il nostro mondo! Questo è il nostro secolo! E così, a partire dal 2014 circa, ho visto, passo dopo passo – l’ho guardato con intensità di dettaglio, perché è la mia attività quotidiana – come gli Stati Uniti riformulassero la Cina non come un Paese che si stava riprendendo da un secolo e mezzo di grandi difficoltà, ma piuttosto come un nemico. E noi consapevolmente, per una questione di politica estera americana, abbiamo iniziato a dire: “Dobbiamo contenere la Cina. L’ascesa della Cina non è più nel nostro interesse”, come se gli Stati Uniti dovessero determinare se la Cina è prospera o meno. I cinesi non sono ingenui; infatti, sono straordinariamente sofisticati. Hanno guardato tutto questo esattamente nello stesso modo in cui l’ho fatto io. Conosco gli autori dei testi statunitensi. Sono i miei colleghi, ad Harvard o in altri posti. Sono rimasto scioccato quando questo tipo di idea di contenimento ha iniziato ad essere applicata.

Ma il punto fondamentale è che l’Occidente ha guidato il mondo per un breve periodo, 250 anni, ma senti: “Questo è un nostro diritto. Questo è un mondo occidentale. Siamo il G7. Siamo noi a determinare chi scrive le regole del gioco”. In effetti, Obama, sai, un bravo ragazzo nello spettro di ciò che abbiamo in politica estera, ha detto: “Scriviamo le regole del commercio per l’Asia, ma non facciamo scrivere alla Cina nessuna di queste regole. Gli Stati Uniti scriveranno le regole”. Questo è un modo incredibilmente ingenuo, pericoloso e antiquato di comprendere il mondo. Noi negli Stati Uniti siamo il 4,2% della popolazione mondiale. Non gestiamo il mondo. Non siamo leader mondiali. Siamo un paese con il 4,2% delle persone in un mondo grande e diversificato e dovremmo imparare ad andare d’accordo, a giocare pacificamente nella sandbox, non a pretendere di avere tutti i giocattoli nella sandbox. E non abbiamo ancora finito di pensare. E purtroppo sono entrambi i partiti politici ad avere la stessa mentalità. È ciò che motiva la Speaker Pelosi ad andare a Taiwan nel bel mezzo di tutto questo, come se dovesse davvero andare a fomentare le tensioni. Ma è la mentalità che comanda negli Stati Uniti.

JUAN GONZÁLEZ: Volevo tornare un po’ indietro negli anni ’90. Ricorderete, ne sono certo, l’enorme crollo finanziario avvenuto in Messico negli anni ’90, quando l’amministrazione Clinton ha autorizzato 50 miliardi di dollari per un salvataggio del Messico, che in realtà era per gli investitori di Wall Street. A quel tempo, stavi consigliando al governo russo post-sovietico, che aveva anche un problema finanziario in quel momento, ma non era in grado di ottenere alcuna assistenza occidentale significativa, nemmeno dal Fondo monetario internazionale. E tu eri critico al riguardo in quel momento. Mi chiedo se potresti parlare delle differenze come gli Stati Uniti hanno risposto alla crisi del Messico rispetto alla crisi finanziaria russa, e quali potrebbero essere state le radici di ciò in quella che è la situazione attuale in Russia oggi.

JEFFREY SACHS : Assolutamente. E ho fatto un esperimento controllato, perché sono stato consigliere economico sia della Polonia che dell’Unione Sovietica nell’ultimo anno del presidente Gorbaciov e del presidente Eltsin nei primi due anni dell’indipendenza russa, 1992, ’93. Il mio lavoro era la finanza, per aiutare la Russia a trovare un modo per affrontare, come lei l’ha descritta, un’enorme crisi finanziaria. E la mia raccomandazione di base in Polonia, e poi in Unione Sovietica e in Russia, era: per evitare una crisi sociale e una crisi geopolitica, il ricco mondo occidentale dovrebbe aiutare a reprimere questa straordinaria crisi finanziaria che si stava verificando con il crollo del ex Unione Sovietica.

Ebbene, è interessante notare che nel caso della Polonia ho fatto una serie di raccomandazioni molto specifiche, e sono state tutte accettate dal governo degli Stati Uniti: creare un fondo di stabilizzazione, cancellare parte dei debiti della Polonia, consentire molte manovre finanziarie per far uscire la Polonia dalla difficoltà. E, sai, mi sono dato una pacca sulla spalla. “Oh, guarda questo!” Faccio una raccomandazione e una di queste, per un miliardo di dollari del fondo di stabilizzazione, è stata accettata entro otto ore dalla Casa Bianca. Quindi, ho pensato: “Abbastanza bene”.

Poi è arrivato l’analogo appello a nome, prima, di Gorbaciov, negli ultimi giorni, e poi del presidente Eltsin. Tutto ciò che ho raccomandato, che era sulla stessa base della dinamica economica, è stato respinto in toto dalla Casa Bianca. Non l’ho capito, devo dirtelo, in quel momento. Ho detto: “Ma ha funzionato in Polonia”. E mi fissavano con aria assente. In effetti, un segretario di stato ad interim nel 1992 disse: “Professor Sachs, non importa nemmeno se sono d’accordo con lei o no. Non succederà.”

E in realtà mi ci è voluto un bel po’ per capire la geopolitica sottostante. Erano esattamente i giorni di Cheney, Wolfowitz e Rumsfeld e quello che divenne il Progetto per il Nuovo Secolo Americano, che significava per la continuazione dell’egemonia americana. Non l’ho visto in questo momento, perché stavo pensando da economista, a come aiutare a superare una crisi finanziaria. Ma la politica unipolare stava prendendo forma, ed era devastante. Naturalmente, ha lasciato la Russia in una massiccia crisi finanziaria che ha portato a molta instabilità che ha avuto le sue implicazioni per gli anni a venire.

Ma ancora di più, ciò che queste persone stavano pianificando all’inizio, nonostante le promesse esplicite a Gorbaciov e Eltsin, era l’espansione della NATO. E Clinton iniziò l’espansione della NATO con i tre paesi dell’Europa centrale — Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca — e poi George W. Bush Jr. aggiunse sette paesi — Bulgaria, Romania, Slovacchia, Slovenia e i tre stati baltici — e tutto questo contro la Russia. E poi, nel 2008, il colpo di grazia, che è stata l’insistenza degli Stati Uniti, malgrado l’opposizione, espressa privatamente, dei leader europei — e i leader europei me ne hanno parlato in privato in quel momento. Così nel 2008 Bush ha detto la NATO si espanderà in Ucraina e Georgia. E ancora, se prendi una mappa e guardi il Mar Nero, l’obiettivo esplicito era circondare la Russia nel Mar Nero. A proposito, è un vecchio playbook. È lo stesso playbook di Palmerston dal 1853 al 1856 nella prima guerra di Crimea: circondare la Russia nel Mar Nero, tagliare la sua capacità di avere una presenza militare e di proiettare qualsiasi tipo di influenza nel Mediterraneo orientale. Lo stesso Brzezinski disse nel 1997 che l’Ucraina sarebbe stata il perno geografico dell’Eurasia.

Quindi, ciò che questi neocon stavano facendo all’inizio degli anni ’90 era costruire il mondo unipolare degli Stati Uniti. E stavano già contemplando molte guerre per eliminare gli ex paesi alleati dell’Unione Sovietica: guerre per rovesciare Saddam, guerre per rovesciare Assad, guerre per rovesciare Gheddafi. Queste sono state tutte lanciate negli ultimi 20 anni. Sono stati un completo disastro, una debacle per quei paesi, orribile per gli Stati Uniti, trilioni di dollari sprecati. Ma era un piano. E quel piano neoconservatore è al suo apice in questo momento su due fronti: sul fronte ucraino e sul fronte dello Stretto di Taiwan. Ed è straordinariamente pericoloso quello che queste persone stanno facendo alla politica estera americana, che difficilmente è, si sa, una politica di democrazia. È la politica di un piccolo gruppo che ha l’idea che un mondo unipolare e l’egemonia degli Stati Uniti siano la strada da percorrere.

AMY GOODMAN : Jeffrey Sachs, non abbiamo molto tempo, ma dal momento che questo era un grosso problema, Naomi Klein ti ha portato alla grande con The Shock Doctrine, parlando di te che consigli la terapia d’urto. Riesci a tracciare una linea di demarcazione tra ciò che è accaduto quando l’economia russa si è sbrogliata e le condizioni che hanno portato all’invasione dell’Ucraina? Voglio dire, in che modo la catastrofe economica seguita al crollo dell’Unione Sovietica ha portato all’ascesa della classe oligarchica e, appunto, alla presidenza di Vladimir Putin?

JEFFREY SACHS : Sì, ho cercato di spiegare a Naomi, che ammiro moltissimo, per anni che quello che stavo raccomandando era un aiuto finanziario, che fosse la Polonia, l’Unione Sovietica o la Russia. Ero assolutamente inorridito dall’inganno, dalla corruzione e dagli omaggi. E l’ho detto in modo molto esplicito all’epoca e ho rassegnato le dimissioni, sia perché ero inutile nel cercare di ottenere l’aiuto occidentale, sia perché non mi piaceva affatto quello che stava succedendo.

E direi che il fallimento di un approccio ordinato, ottenuto in Polonia ma fallito nell’ex Unione Sovietica perché non c’era un impegno costruttivo occidentale, ha sicuramente giocato un ruolo nell’instabilità degli anni ’90, ha sicuramente giocato un ruolo nell’ascesa della classe degli oligarchi. In effetti, stavo assolutamente spiegando agli Stati Uniti, al FMI e alla Banca mondiale nel 1994, ’95, cosa stava succedendo. A loro non importava, perché pensavano: “Beh, va bene. Questo è per Eltsin, forse”, tutto questo imbroglione nel processo di azioni in cambio di prestiti. Detto questo, è stato un…

AMY GOODMAN : Abbiamo meno di un minuto.

JEFFREY SACHS : OK. Detto questo, penso che ciò che è importante dire è che non c’è un determinismo lineare, anche da eventi del genere, che sono stati destabilizzanti e molto infelici e inutili, a ciò che sta accadendo ora, perché quando il presidente Putin è entrato in politica, non era antieuropeo, non era antiamericano. Ciò che ha visto, però, è stata l’incredibile arroganza degli Stati Uniti, l’espansione della NATO, le guerre in Iraq, la guerra segreta in Siria, la guerra in Libia, contro la risoluzione dell’ONU. Quindi, abbiamo creato così tanto di ciò che stiamo affrontando in questo momento attraverso la nostra inettitudine e arroganza. Non c’era determinazione lineare. È stata l’arroganza degli Stati Uniti passo dopo passo che ci ha aiutato a portarci dove siamo oggi.

Jeffrey Sachs, economista e direttore del Center for Sustainable Development della Columbia University, presidente della Rete per le soluzioni di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, è stato consigliere di tre segretari generali delle Nazioni Unite. Voglio ringraziarti tanto per essere con noi, unendosi a noi dall’Austria, dove sta partecipando a una conferenza.
Fonte: Sonia Sachs

Nessun commento:

Posta un commento