L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 2 settembre 2022

e 27 - Afghanistan - Gli Stati Uniti stanno implementando la nuova Strategia nel paese PAURA&TERRORE attraverso i mercenari dell'Isis e le STRAGI DEI CIVILI. L'avevamo detto! Moschee e scuole e non solo

Afghanistan, esplosione in una moschea: morto l'Imam Ansari, ci sono vittime e feriti
L'esplosione è avvenuta nella moschea Guzargah di Herat durante la preghiera del mezzogiorno del venerdì, momento clou della settimana religiosa musulmana, quando i luoghi di culto sono particolarmente affollati.

L'Imam Mawlawi Mujeeb Rahman Ansari

2 Settembre 2022 - 12.31
Samantha Cristoforetti

A Herat, in Afghanistan, un’esplosione in una moschea ha provocato morti e feriti. Lo riferisce un funzionario talebano. Il funzionario, Abdul Nafi Takor, non ha potuto fornire ulteriori dettagli sull’esplosione. Takor è un portavoce del ministero degli Interni nel governo talebano in Afghanistan. Nell’esplosione è morto l’Imam Mawlawi Mujeeb Rahman Ansari, vicino ai talebani.

L’esplosione è avvenuta nella moschea Guzargah di Herat durante la preghiera del mezzogiorno del venerdì, momento clou della settimana religiosa musulmana, quando i luoghi di culto sono particolarmente affollati. La moschea di Herat è frequentata dai seguaci dell’Islam sunnita, la corrente dominante in Afghanistan seguita anche dai talebani. Al momento non vi è stata alcuna rivendicazione.


https://www.globalist.it/world/2022/09/02/afghanistan-esplosione-in-una-moschea-morto-limam-ansari-ci-sono-vittime-e-feriti/://www.globalist.it/world/2022/09/02/afghanistan-esplosione-in-una-moschea-morto-limam-ansari-ci-sono-vittime-e-feriti/

hatsApp




Nessun commento:

Posta un commento