L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 29 settembre 2022

Il NUOVO NAZISMO vuole sottomettere tutti ed eliminare qualsiasi voce dissonante

Tedeschi scendono in piazza: “Stop all’esplosione dei prezzi”, “Stop alla guerra, stop alle sanzioni
Maurizio Blondet 29 Settembre 2022

Troppo tardi..

BERLINO

Migliaia di persone hanno manifestato lunedì sera in diversi Stati della Germania orientale per protestare contro la politica energetica del governo e le sanzioni contro la Russia. I manifestanti hanno gridato slogan contro il governo di coalizione del cancelliere Olaf Scholz e hanno portato striscioni con i messaggi “Stop all’esplosione dei prezzi”, “Stop alla guerra, stop alle sanzioni” e “Aprite subito il Nord Stream”.

Secondo la polizia, le proteste più grandi hanno avuto luogo nello Stato della Turingia. Quasi 24.000 persone avrebbero partecipato alle manifestazioni in tutto lo Stato.

Le due manifestazioni più grandi hanno avuto luogo nelle città di Gera e Altenburg, ha riferito l’emittente pubblica MDR. La polizia ha confermato che le proteste sono state pacifiche.

La Sassonia-Anhalt è stato un altro Stato teatro della protesta. Si dice che circa 13.000 persone siano scese in strada.

I manifestanti hanno protestato contro le restrizioni sul coronavirus, l’aumento dei prezzi dell’energia e le sanzioni imposte dall’UE alla Russia.

Uno degli striscioni recitava: “Siamo tutti nella stessa barca. Senza il gas russo, la nostra economia sarà morta!”.

Una settimana fa, la polizia della Sassonia-Anhalt aveva contato fino a 12.000 manifestanti.

Durante le proteste in Meclemburgo-Pomerania Occidentale, più di 11.000 persone avrebbero manifestato in circa 20 località, come riportato dall’emittente pubblica NDR.

L’8 ottobre prossimo, una massiccia manifestazione (https://t.me/afdbrennpunkt/1065) pianificata con mesi di anticipo dall’Alternative für Deutschland (AfD), un partito nazionalista di destra con un’influente fazione filo-russa (https:/ /t.me/European_Insider/701), si terrà nel centro di Berlino. Chiederanno la fine della colonizzazione americana. Sarà l’occasione e il pretesto per reprimere con la forza pubblica il movimento di protesta in quanto “fascista”?


Una intervista sorpresa della Merkel “scandalizza” l’ambasciatore ucraino, che spadroneggia in Germania:

La Merkel parla della Russia – Melnyk (ambasciatore ucraino) stenta a credere alle dichiarazioni

un discorso di apertura della Fondazione Helmut Kohl, anche l’ex cancelliera Angela Merkel ha parlato della guerra in Ucraina. Ha anche commentato le attuali relazioni con la Russia. L’ambasciatore ucraino Andriy Melnyk è sbalordito.

L’ambasciatore ucraino in Germania, Andriy Melnyk, è rimasto sconvolto dalle dichiarazioni dell’ex cancelliera Angela Merkel . La Merkel ha tenuto un discorso alla cerimonia di apertura della “Bundeskanzler-Helmut-Kohl-Foundation”. In esso, la Merkel ha affermato che Kohl avrebbe certamente “fatto tutto il possibile” per proteggere e ripristinare la sovranità e l’integrità dell’Ucraina. E poi ancora: Allo stesso tempo, Kohl non ha mai perso di vista “il giorno dopo”.

Se la politica di Kohl venisse trasferita ai giorni nostri, allora “si penserebbe sempre anche all’attuale impensabile, quasi inimmaginabile – vale a dire come si possono sviluppare di nuovo qualcosa come le relazioni con e con la Russia”. Kohl non avrebbe fatto nessuno dei due in “uno sforzo solista tedesco”, ha detto la Merkel.

Melnyk sulle dichiarazioni della Merkel: “Difficile da credere”

Melnyk ha reagito con rabbia alle dichiarazioni della Merkel su Twitter . Scrive: “Difficile da credere: l’ex cancelliere, che ha reso possibile l’aggressione di Mosca contro gli ucraini con i suoi anni di intimità Putin-friendly, filosofeggia spudoratamente su come si possano sviluppare nuovamente relazioni con noi con la Russia’.

Angela Merkel commenta raramente l’attuale situazione politica. Non vuole davvero essere coinvolta in disparte, ha detto l’ex cancelliere.


Nessun commento:

Posta un commento