L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 26 settembre 2022

La guerra igiene del mondo. La Russia sta combattendo contro la Nato ed è ben consapevole, ma soprattutto lotta per la sua sopravvivenza. Il popolo, i militari ucraini, solo carne da cannone che vengono utilizzati dagli Stati Uniti

Perché la Russia vincerà comunque, nonostante i vantaggi dell’Ucraina
di Scott Ritter*
16 settembre 2022

La Russia non sta più combattendo contro un esercito ucraino equipaggiato dalla NATO, ma contro un esercito della NATO presidiato da ucraini. Tuttavia, la Russia ha ancora il sopravvento nonostante la battuta d'arresto di Kharkiv


Il 1° settembre l’esercito ucraino ha iniziato una grande offensiva contro le forze russe schierate nella regione a nord della città meridionale di Kherson. Dieci giorni dopo, gli ucraini hanno ampliato la portata e l’entità delle operazioni offensive per includere la regione intorno alla città settentrionale di Kharkov.

Mentre l’offensiva di Kherson è stata respinta dai russi, con le forze ucraine che hanno subito pesanti perdite sia in termini di uomini che di materiali, l’offensiva di Kharkov si è rivelata un grande successo, con migliaia di chilometri quadrati di territorio precedentemente occupato dalle truppe russe riportati sotto il controllo del governo ucraino.

Invece di lanciare la propria controffensiva contro gli ucraini che operavano nella regione di Kharkov, il Ministero della Difesa russo (MOD) fece un annuncio che molti trovarono scioccante: “Per raggiungere gli obiettivi dichiarati di un’operazione militare speciale per liberare il Donbass“, hanno annunciato i russi via Telegram, “è stato deciso di raggruppare le truppe russe… per aumentare gli sforzi in direzione di Donetsk“.

Sminuendo l’idea di una ritirata, il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che “a tal fine, entro tre giorni, è stata condotta un’operazione per limitare e organizzare il trasferimento delle truppe [russe] nel territorio della Repubblica Popolare di Donetsk”.

“Durante questa operazione“, si legge nel rapporto, “sono state effettuate diverse operazioni diversive e dimostrative, indicando le reali azioni delle truppe” che, hanno dichiarato i russi, hanno portato alla “eliminazione di oltre duemila combattenti ucraini e stranieri, nonché di più di cento unità di veicoli blindati e artiglieria“.

Per citare l’immortale Yogi Berra, si trattava di un “déjà vu”.

Fasi della guerra

Il 25 marzo, il colonnello generale Sergei Rudskoy, capo della Direzione Operativa Principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa, ha tenuto un briefing in cui ha annunciato la fine di quella che ha definito la Fase Uno dell'”operazione militare speciale” (SMO) della Russia in Ucraina.

Gli obiettivi dell’operazione, iniziata il 24 febbraio quando le truppe russe hanno attraversato il confine con l’Ucraina, erano quelli di provocare “danni tali alle infrastrutture militari, alle attrezzature e al personale delle Forze armate ucraine” da immobilizzarle e impedire qualsiasi rafforzamento significativo delle forze ucraine schierate nella regione del Donbass.

Rudskoy aveva poi annunciato che le truppe russe si sarebbero ritirate e riorganizzate per potersi “concentrare sull’obiettivo principale: la completa liberazione del Donbass“.

Così è iniziata la Fase Due.

Il 30 maggio ho pubblicato un articolo su Consortium News in cui discutevo della necessità di una Fase Tre. Ho notato che

“Sia la Fase Uno che la Fase Due dell’operazione russa sono state specificamente adattate ai requisiti militari necessari per eliminare la minaccia posta a Lugansk e Donetsk dall’accumulo di potenza militare ucraina nell’Ucraina orientale. … [Ad un certo punto, presto, la Russia annuncerà di aver sconfitto le forze militari ucraine schierate a est e, così facendo, porrà fine alla nozione di minaccia imminente che ha dato alla Russia la giustificazione legale per intraprendere la sua operazione”.

Un tale risultato, scrivevo, “lascerebbe la Russia con una serie di obiettivi politici non raggiunti, tra cui la denazificazione, la smilitarizzazione, la neutralità permanente dell’Ucraina e l’adesione della NATO a un nuovo quadro di sicurezza europeo secondo le linee tracciate dalla Russia nelle sue proposte di trattato del dicembre 2021. Se la Russia dovesse fermare le sue operazioni militari in questo momento“, affermavo, “cederebbe la vittoria politica all’Ucraina, che ‘vince’ non perdendo“.

Questa linea di pensiero si basava sulla mia convinzione che “se in passato si poteva sostenere che una minaccia imminente sarebbe continuata ad esistere finché le forze ucraine avessero avuto una potenza di combattimento sufficiente a riconquistare la regione del Donbass, oggi una simile argomentazione non può essere proposta“.

In breve, ritenevo che l’impeto per l’espansione della Russia in una terza fase sarebbe sorto solo dopo aver completato la sua missione di liberazione del Donbass nella fase due. “L’Ucraina“, scrivevo, “anche con la massiccia infusione di assistenza militare da parte della NATO, non sarebbe mai stata in grado di minacciare una conquista russa della regione del Donbass“.

Mi sbagliavo.

Anne Applebaum, scrittrice neoconservatrice di The Atlantic, ha recentemente intervistato il tenente generale Yevhen Moisiuk, vice comandante in capo delle forze armate ucraine, in merito al successo dell’operazione offensiva ucraina. “Ciò che ci sorprende davvero“, ha detto Moisiuk, “è che le truppe russe non stanno reagendo“.

La Applebaum ha dato una sua interpretazione alle parole del generale. “Se gli si offre la scelta di combattere o di fuggire“, ha scritto dei soldati russi, “molti di loro sembrano fuggire il più velocemente possibile“.

Secondo la Applebaum, il successo ucraino sul campo di battaglia ha creato una nuova realtà, in cui gli ucraini, conclude, “potrebbero vincere questa guerra” e, così facendo, portare “alla fine del regime di Putin“.

Non mi sbagliavo così tanto.

Dottrina sovietica e NATO

La guerra è un affare complicato. La Applebaum sembra ignorare questo aspetto. Sia l’esercito ucraino che quello russo sono grandi organizzazioni professionali sostenute da istituzioni progettate per produrre guerrieri qualificati. Entrambi i militari sono ben guidati, ben equipaggiati e ben preparati a svolgere le missioni loro assegnate. Sono tra le più grandi organizzazioni militari d’Europa.

Le forze armate russe, inoltre, sono composte da ufficiali di altissimo livello, che hanno seguito una formazione approfondita nelle arti militari. Sono esperti di strategia, operazioni e tattiche. Conoscono il loro mestiere.

Da parte sua, l’esercito ucraino ha subito una trasformazione radicale negli anni successivi al 2014, dove la dottrina dell’era sovietica è stata sostituita da una dottrina ibrida che incorpora la dottrina e le metodologie della NATO.

Questa trasformazione ha subito una forte accelerazione dopo l’invasione russa, con la transizione delle forze armate ucraine da un equipaggiamento pesante più vecchio, di epoca sovietica, a un arsenale che rispecchia più da vicino l’organizzazione e l’equipaggiamento delle nazioni della NATO, che stanno fornendo miliardi di dollari in equipaggiamento e addestramento.

Gli ucraini, come le loro controparti russe, sono professionisti militari esperti nella necessità di adattarsi alla realtà del campo di battaglia. L’esperienza ucraina, tuttavia, è complicata dal tentativo di fondere due approcci dottrinali alla guerra eterogenei (l’era sovietica e la moderna NATO) in condizioni di combattimento. Questa complessità crea opportunità di errore, e gli errori sul campo di battaglia spesso si traducono in perdite – perdite significative.

La Russia ha combattuto tre diversi stili di guerra nei sei mesi successivi al suo ingresso in Ucraina. La prima è stata una guerra di manovra, progettata per impadronirsi di quanto più territorio possibile per modellare il campo di battaglia militarmente e politicamente.

L’operazione è stata condotta con circa 200.000 militari russi e alleati, che si sono scontrati con un esercito ucraino in servizio attivo di circa 260.000 uomini, sostenuto da 600.000 riservisti. Il rapporto standard di 3:1 tra attaccante e difensore non è stato applicato: i russi hanno cercato di usare la velocità, la sorpresa e l’audacia per minimizzare il vantaggio numerico dell’Ucraina, sperando in un rapido collasso politico in Ucraina che avrebbe impedito qualsiasi combattimento importante tra le forze armate russe e ucraine.

Questo piano ha avuto successo in alcune aree (nel sud, ad esempio, intorno a Kherson), e ha bloccato le truppe ucraine nelle loro posizioni e ha causato il dirottamento dei rinforzi lontano dalle zone critiche di operazione. Ma ha fallito dal punto di vista strategico: gli ucraini non sono crollati, ma si sono solidificati, assicurando una lunga e dura battaglia.

La seconda fase dell’operazione russa ha visto i russi riorganizzarsi per concentrarsi sulla liberazione del Donbass. Qui, la Russia ha adattato la sua metodologia operativa, utilizzando la sua superiorità di fuoco per condurre un’avanzata lenta e deliberata contro le forze ucraine, trincerate in vaste reti difensive e, così facendo, ha raggiunto rapporti di perdite inauditi, con dieci o più ucraini uccisi o feriti per ogni vittima russa.

Mentre la Russia avanzava lentamente contro le forze ucraine, gli Stati Uniti e la NATO hanno fornito all’Ucraina miliardi di dollari in equipaggiamento militare, tra cui l’equivalente di diverse divisioni corazzate (carri armati, veicoli da combattimento corazzati, artiglieria e veicoli di supporto), insieme a un’ampia formazione operativa su questo equipaggiamento presso installazioni militari al di fuori dell’Ucraina.

In breve, mentre la Russia era impegnata a distruggere l’esercito ucraino sul campo di battaglia, l’Ucraina era impegnata a ricostituire quell’esercito, sostituendo le unità distrutte con forze fresche estremamente ben equipaggiate, ben addestrate e ben guidate.

La seconda fase del conflitto ha visto la Russia distruggere il vecchio esercito ucraino. Al suo posto, la Russia ha affrontato unità territoriali e nazionali mobilitate, sostenute da forze ricostituite addestrate dalla NATO. Ma il grosso delle forze addestrate dalla NATO è stato tenuto in riserva.

La terza fase – NATO vs. Russia

Queste sono le forze che sono state impegnate negli attuali combattimenti. La Russia si trova in una vera e propria guerra per procura con la NATO, di fronte a una forza militare di tipo NATO che viene sostenuta logisticamente dalla NATO, addestrata dalla NATO, dotata di intelligence NATO e che lavora in armonia con i pianificatori militari della NATO.

Ciò significa che l’attuale controffensiva ucraina non dovrebbe essere vista come un’estensione della seconda fase della battaglia, ma piuttosto come l’inizio di una nuova terza fase che non è un conflitto ucraino-russo, ma un conflitto NATO-russo.

Il piano di battaglia ucraino ha il marchio “Made in Bruxelles”. La composizione delle forze è stata determinata dalla NATO, così come i tempi e la direzione degli attacchi. L’intelligence della NATO ha individuato con cura le falle nelle difese russe e ha identificato i nodi critici di comando e controllo, di logistica e di concentrazione delle riserve che sono stati presi di mira dall’artiglieria ucraina, che opera sulla base di un piano di controllo del fuoco creato dalla NATO.

In breve, l’esercito ucraino che la Russia ha affrontato a Kherson e nei dintorni di Kharkov era diverso da qualsiasi avversario ucraino affrontato in precedenza. La Russia non stava più combattendo contro un esercito ucraino equipaggiato dalla NATO, ma piuttosto contro un esercito della NATO armato da ucraini.

L’Ucraina continua a ricevere miliardi di dollari in assistenza militare e attualmente ha decine di migliaia di militari in fase di addestramento intensivo nei Paesi della NATO.

Ci sarà una quarta fase, e una quinta fase… tutte le fasi necessarie prima che l’Ucraina esaurisca la sua volontà di combattere e morire, che la NATO esaurisca la sua capacità di continuare a rifornire l’esercito ucraino, o che la Russia esaurisca la sua volontà di combattere un conflitto inconcludente in Ucraina. A maggio ho definito la decisione degli Stati Uniti di fornire miliardi di dollari in assistenza militare all’Ucraina “una svolta epocale“.

Fallimento massiccio dell’intelligence

Quello che stiamo vedendo oggi in Ucraina è come questo denaro abbia cambiato le carte in tavola. Il risultato è un maggior numero di morti tra le forze ucraine e russe, di civili e di attrezzature distrutte.

Se la Russia vuole prevalere, tuttavia, dovrà identificare i suoi numerosi fallimenti che hanno portato al successo dell’offensiva ucraina e adattarsi di conseguenza. Innanzitutto, l’offensiva ucraina intorno a Kharkov rappresenta uno dei più gravi fallimenti di intelligence da parte di una forza militare professionale dopo l’incapacità israeliana di prevedere l’assalto egiziano al Canale di Suez che diede il via alla Guerra dello Yom Kippur del 1973.

Gli ucraini avevano segnalato la loro intenzione di condurre un’offensiva nella regione di Kherson già da molte settimane. Sembra che quando l’Ucraina ha iniziato i suoi attacchi lungo la linea di Kherson, la Russia abbia pensato che si trattasse della tanto attesa offensiva e abbia fatto affluire riserve e rinforzi su questo fronte.

Gli ucraini sono stati respinti con gravi perdite, ma non prima che la Russia avesse impegnato le sue riserve di teatro. Quando pochi giorni dopo l’esercito ucraino attaccò nella regione di Kharkov, la Russia fu colta di sorpresa.

E poi c’è la misura in cui la NATO si è integrata in ogni aspetto delle operazioni militari ucraine.

Come è potuto accadere? Un fallimento dell’intelligence di questa portata suggerisce carenze sia nella capacità della Russia di raccogliere dati di intelligence, sia nell’incapacità di produrre valutazioni tempestive e accurate per la leadership russa. Per essere affrontato in modo adeguato, questo richiederà una revisione da cima a fondo. In breve, le teste rotoleranno – e presto. Questa guerra non si fermerà presto e l’Ucraina continua a prepararsi per future azioni offensive.

Perché la Russia vincerà comunque

Alla fine, credo ancora che il gioco finale rimanga lo stesso: la Russia vincerà. Ma il costo del prolungamento di questa guerra è diventato molto più alto per tutte le parti coinvolte.

Il successo della controffensiva ucraina deve essere messo nella giusta prospettiva. Le perdite che l’Ucraina ha subito, e sta ancora subendo, per ottenere questa vittoria sono insostenibili. L’Ucraina ha esaurito le sue riserve strategiche, che dovranno essere ricostituite se l’Ucraina vuole continuare ad avanzare su questa linea. Ci vorranno mesi.

La Russia, nel frattempo, non ha perso altro che uno spazio indifendibile. Le vittime russe sono state minime e le perdite di equipaggiamento sono state prontamente sostituite.

La Russia ha in realtà rafforzato la sua posizione militare creando forti linee difensive nel nord in grado di resistere a qualsiasi attacco ucraino, aumentando al contempo la potenza di combattimento disponibile per completare il compito di liberare il resto della Repubblica Popolare di Donetsk sotto il controllo ucraino.

La Russia ha una profondità strategica di gran lunga superiore a quella dell’Ucraina. La Russia sta iniziando a colpire obiettivi infrastrutturali critici, come le centrali elettriche, che non solo paralizzeranno l’economia ucraina, ma anche la sua capacità di spostare rapidamente grandi quantità di truppe via treno.

La Russia trarrà insegnamento dalla sconfitta di Kharkov e continuerà a perseguire gli obiettivi dichiarati della sua missione.

In conclusione, l’offensiva di Kharkov è stata il massimo per l’Ucraina, mentre la Russia non ha ancora toccato il fondo. La Russia deve operare dei cambiamenti per risolvere i problemi identificati con la sconfitta di Kharkov. Vincere una battaglia è una cosa, vincere una guerra un’altra.

Per l’Ucraina, le enormi perdite subite dalle proprie forze, combinate con i danni limitati inflitti alla Russia, significano che l’offensiva di Kharkov è, nella migliore delle ipotesi, una vittoria di Pirro, che non cambia la realtà fondamentale che la Russia sta vincendo, e vincerà, il conflitto in Ucraina.

* Scott Ritter è un ex ufficiale dei servizi segreti del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica per l’attuazione dei trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq per supervisionare il disarmo delle armi di distruzione di massa.
Scelto da Markus – Traduzione (IMC) di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

Nessun commento:

Posta un commento