L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 26 settembre 2022

La NATO in guerra non dichiarata con la Russia bombarda umanamente l'albergo dei giornalisti a Kherson

25 Settembre 2022 11:00
Kherson. Crimine Nato contro hotel di giornalisti. Resta ucciso un deputato disabile
Marinella Mondaini


Un atto terroristico alle 5:30 di stamattina a Kherson. Le forze nazi-ucraine hanno bombardato il Play Hotel by Ribas. Dentro l’albergo c’era il gruppo dei giornalisti di RT e anche l’ex deputato del parlamento ucraino, fervido oppositore del regime di Kiev sin dal colpo di Stato del 2014, Aleksej Zhuravko che è morto insieme alla sua guardia del corpo. I giornalisti sono rimasti miracolosamente illesi, come si vede nel video. I feriti sono stati portati nell’ospedale ma il loro numero non è stato ancora stabilito, stanno ancora cercando sotto le macerie. Nell’albergo non c’erano militari. I missili sono americani – sistema reattivo di fuoco multiplo “Himars”.

Un assassinio premeditato e organizzato dai nazi che stanno a Kiev e a Washington, nonché a Londra. Kherson è passata sotto il controllo dei russi ed è in corso il referendum che la sua adesione alla Russia. Dalle interviste alla popolazione emerge che la gente è tutta pro Russia, da sempre, e che vanno a votare senza la canna del fucile dei russi alla tempia. Ma questo dirà la propaganda ucraina e questo arriverà in Italia.

Una dura perdita è la morte del noto politico, ex deputato della Rada ucraina Aleksej Zhuravko, ucciso stamattina da un missile americano, impiegato dagli ucraini per uccidere chi intralcia e si oppone alla sua dittatura. Inflessibile antifascista. Aleksej Zhuravko era membro del “Partito delle regioni” dell'Ucraina e dopo il colpo di stato a Kiev nel 2014 lottava strenuamente contro la giunta nazista di Kiev. Era invalido dalla nascita, limitato nei suoi movimenti, ma in queste condizioni ha saputo creare la sua lotta, molto importante per il futuro che si sta realizzando, cioè il referendum per l’adesione alla Russia. Era sempre carico di energia e volontà. Era stato inserito nella lista nera del famigerato sito ucraino "Mirotvorez", I servizi segreti ucraini avevano aperto contro di lui diversi procedimenti penali.

Ieri Zhuravko aveva registrato il video che allego, dove si rivolge agli avversari e dice, molto contento, di essere a Kherson.

Ecco le sue parole: “Ciao cari amici, l’umore è meravigliosamente buono, la gente vota, io vivrò a Kherson, farò tutto il possibile da parte mia per aiutare a ristabilire la città, il referendum si sta realizzando con successo e si terrà fino alla fine! Kherson se ne andrà, nonostante voi là, infangatori, diciate il contrario, a Kherson tornerà la pace! Vi voglio augurare buon fine settimana, andate a votare per il futuro di Kherson, per la pace, contro la guerra!”

Aleksej Zhuravko ha vissuto con dignità e con dignità ha lasciato questa vita.

R.I.P. Che la terrà gli sia lieve.

Nessun commento:

Posta un commento