L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 9 settembre 2022

Se non si vuol capire che la Russia sta lottando per la propria sopravvivenza, non si fanno le giusti cornici per qualsiasi cosa si possa o si voglia dipingere sulla tela

"Non abbiamo perso nulla" - Putin avverte che "la febbre delle sanzioni" delle élite occidentali vedrà il popolo europeo "congelarsi"

foto di Tyler Durden
DI TYLER DURDEN
GIOVEDÌ 08 SETTEMBRE 2022 - 10:40

Aggiornamento (11:40) :  una cosa in particolare su cui il presidente russo Putin ha ribadito nel suo discorso prima dell'Eastern Economic Forum di Vladivostok è che il suo paese non ha "perso nulla" nel lanciare l'"operazione speciale" nella vicina Ucraina : 

"Non abbiamo perso nulla e non perderemo nulla", ha detto Putin. "In termini di ciò che abbiamo guadagnato, posso dire che il vantaggio principale è stato il rafforzamento della nostra sovranità ".

Putin ha ammesso, tuttavia, che la decisione di Mosca di inviare truppe in Ucraina aveva creato "una certa polarizzazione, sia nel mondo che all'interno del Paese".

Sotto: screenshot dell'Europa che si blocca dal misterioso video di Gazprom

Tuttavia, molte famiglie russe potrebbero dissentire sul fatto di non perdere "nulla", dato che le stime delle vittime delle truppe militari russe variano almeno nelle decine di migliaia di morti e feriti negli ultimi sei mesi. Ma chiaramente il messaggio di Putin in questo caso era rivolto principalmente all'Occidente con cui il Cremlino è impegnato in una guerra economica ed energetica, per non parlare della guerra per procura nell'Europa orientale.

* * *

Il presidente russo Vladimir Putin ha fatto esplodere la "febbre delle sanzioni" in corso in Occidente in un ampio discorso davanti all'Eastern Economic Forum di Vladivostok, nell'estremo oriente del Paese, dove, come abbiamo descritto in precedenza , la delegazione cinese era la più numerosa presente. Il principale legislatore cinese Li Zhanshu era presente quando il leader russo ha sottolineato: "non importa quanto qualcuno vorrebbe isolare la Russia, è impossibile farlo".

Invece, ha affermato che il contraccolpo delle sanzioni guidate dall'UE e dagli Stati Uniti e dai tentativi di disaccoppiamento dai combustibili fossili russi sta distruggendo vite in Occidente . "Ora stiamo vedendo come produzione e posti di lavoro in Europa si chiudono uno dopo l'altro", ha detto Putin , sottolineando che ciò sta accadendo come "élite occidentali, che non vogliono, o addirittura non possono riconoscere fatti oggettivi".

Il suo tema, come in una serie di importanti discorsi precedenti, era l'incapacità delle élite occidentali di riconoscere l'inevitabile passaggio da un mondo unipolare a multipolare (letteralmente il nome del forum di quest'anno è "Sulla strada per un mondo multipolare"), o lontano " dall'ordine mondiale che beneficia solo loro , costringendo tutti a vivere secondo le regole , che hanno inventato e che infrangono regolarmente e cambiano costantemente a seconda della situazione", ha affermato secondo una traduzione dei media statali. 

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso all'Eastern Economic Forum (EEF) del 2022 a Vladivostok, in Russia, mercoledì.

Il fatto che "non vogliano, o addirittura non possano riconoscere fatti oggettivi"  sui cambiamenti globali rivela il loro "crescente distacco" dalla gente comune che affermano di rappresentare. Eppure ora, le popolazioni europee potrebbero "congelarsi" mentre viene negata l'energia russa cruciale dai leader che miopi vogliono scatenarsi in una risposta emotiva all'invasione dell'Ucraina : 

"L'epidemia [di coronavirus] è stata sostituita da altre sfide globali che minacciano il mondo intero", ha detto Putin all'Eastern Economic Forum nella città portuale russa di Vladivostok nel Pacifico. 

"Mi riferisco alla febbre delle sanzioni dell'Occidente", ha detto, criticando i tentativi "sfacciati e aggressivi" di "sottomettere" paesi che non hanno imposto restrizioni economiche alla Russia . 

Ha respinto come "sciocchezze" le accuse diffuse secondo cui la Russia utilizza il gas come arma energetica, dicendo che è semplice come rilasciare le parti necessarie per il funzionamento sicuro e corretto dei gasdotti gestiti da Gazprom. 

"Dateci le turbine e accenderemo il Nord Stream domani, ma non ci daranno nulla", ha detto Putin al pubblico, rivolgendosi ulteriormente agli ultimi titoli globali di un tetto massimo di prezzo fissato dall'UE per il petrolio e il gas russi, chiamando il proposta "un'altra stupidità"Ha suggerito che il dilemma rimane semplice:

"Ci sono obblighi contrattuali e se ci sono decisioni politiche che li contraddicono, allora semplicemente non li adempiremo. Non forniremo nulla se contraddice i nostri interessi economici, in questo caso. Non forniremo gas , petrolio, carbone o olio combustibile."

Parte dei summenzionati fatti oggettivi che i leader occidentali rifiutano di riconoscere è che le nazioni che importano energia russa "non sono nella posizione di dettare la loro volontà".  Putin ha detto che è ancora "fiducioso che non abbiamo perso nulla e non perderemo nulla [dopo aver invaso l'Ucraina]. Il nostro principale vantaggio è rafforzare la sovranità".

"Lasciali tornare in sé", ha sottolineato Putin. Eppure resta che "Le autorità dell'UE stanno negando alle imprese europee materie prime, energia e mercati accessibili". E così il peggioramento degli standard di vita e la crescente inflazione attualmente sperimentata dagli europei - soprattutto diretti ai mesi invernali - continueranno a essere sacrificati agli interessi americani fino a quando questi leader non avranno finalmente un senso, ha spiegato il leader russo.

Non sarà una sorpresa quando le quote di mercato delle imprese europee, sia nel continente che a livello globale, saranno conquistate dai loro mecenati americani . Quando perseguono i propri interessi, non si limitano né evitano nulla".

È interessante notare che ha affrontato lo stato del gasdotto Nord Stream 2 Russia-Germania, che è stato interrotto prima che entrasse in funzione sulla scia della crisi ucraina, dicendo che Mosca rimane "pronta" per iniziare a pompare gas attraverso NS2 se l'altra parte è disposta :

Non stiamo costruendo nulla senza motivo . Abbiamo ricevuto e perfezionato la tecnologia necessaria. Se necessario, accenderemo Nord Stream 2 ", ha affermato Putin.

Secondo lui, il Nord Stream 1 è attualmente praticamente chiuso e l'Occidente afferma che Mosca sta utilizzando il gasdotto come arma energetica. "Sciocchezze. Forniamo tutto ciò di cui i nostri partner hanno bisogno - soddisfiamo qualsiasi cosa abbiano inserito nella domanda", ha aggiunto Putin.

Riconoscendo l'ampia presenza della delegazione cinese e la presenza del numero tre dei massimi funzionari del governo cinese per il forum, Putin ha dichiarato: "Spero di vedere presto Xi Jinping in Uzbekistan".

Il colosso energetico russo Gazprom all'inizio di questa settimana ha pubblicato un video piuttosto provocatorio rivolto all'Europa e a cosa può aspettarsi per il prossimo inverno:

Successivamente, è stato confermato dai funzionari del Cremlino che "Putin e il presidente cinese Xi Jinping si incontreranno la prossima settimana al vertice in Uzbekistan", secondo ABC News. Le due grandi nazioni dotate di armi nucleari hanno appena concluso una settimana di giochi di guerra congiunti, tra più altre nazioni rappresentate, a Vostok 2022 nella stessa regione dell'estremo oriente della Russia.

https://www.zerohedge.com/energy/western-elites-sanctions-fever-will-see-common-people-freeze-wreck-lives-putin?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=905

Nessun commento:

Posta un commento