L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 2 ottobre 2022

L’Occidente è disposto a tutto pur di preservare quel sistema neocoloniale che gli permette di parassitare, in sostanza di derubare il mondo a spese del potere del dollaro e del dettato tecnologico, di riscuotere un vero e proprio tributo dall’umanità, di estrarre la principale fonte di ricchezza non guadagnata, la rendita egemonica

Putin, il discorso integrale
Maurizio Blondet 2 Ottobre 2022

Traduzione del testo integrale del discorso di Vladimir Putin per la firma dei trattati di ammissione alla Russia di Lugansk, Donetsk, Zaporizhzhya e Kherson

*
Cari amici!

Oggi è un giorno speciale, solenne e, senza alcuna esagerazione in questo caso, storico: il giorno della verità e della giustizia.

Non posso fare a meno di ricordare come si è formata l’Unione Sovietica, quando la Russia ha creato la moderna Ucraina. È stata la Russia a creare l’Ucraina moderna trasferendo territori significativi, territori storici della Russia stessa, insieme alla popolazione, alla quale non è stato chiesto dove, come voleva vivere, come voleva organizzare il futuro dei propri figli, in quale Stato. La stessa cosa è accaduta durante il crollo dell’Unione Sovietica: le élite hanno deciso tutto tra di loro, mentre milioni di cittadini comuni non sono stati interpellati.

E solo ora, solo la Russia moderna ha dato alle persone che vivono nella Repubblica Popolare di Lugansk, nella Repubblica Popolare di Donetsk, a Zaporozhye, a Kherson, il diritto di scegliere. I cittadini si sono recati al referendum e hanno fatto questa scelta: stare con la loro patria storica, con la Russia!

Un solo episodio di ciò che è accaduto due o tre o quattro giorni fa: elezioni a Luhansk, persone in fila fuori da uno dei seggi elettorali, e sono iniziati i colpi di artiglieria. Una granata è caduta vicino, non lontano: nessuno ha lasciato la fila al seggio elettorale. Incredibile!

Per decenni si è cercato di cancellare la coscienza storica di queste persone, di distruggere le loro tradizioni, di proibire loro di parlare la loro lingua madre, di proibire la loro cultura – ma sono falliti. Queste persone hanno portato nel cuore l’amore per la loro patria storica e lo hanno trasmesso ai loro figli. E allora diciamo: la Russia non solo apre le porte della sua patria ai nostri fratelli e sorelle, ma apre loro il suo cuore. Benvenuti a casa!

Ma sappiamo a chi dobbiamo la giornata di oggi, il trionfo di oggi: ai nostri eroici soldati e ufficiali, alla milizia del Donbas, ai volontari. Oggi siamo qui con voi sulla Piazza Rossa, ma non sono alla parata, sono in combattimento, stanno difendendo eroicamente la scelta di persone che è stata fatta qualche giorno fa – so di cosa parlo – proprio eroicamente. E così, in segno di sostegno, di gratitudine, di riconoscimento dei loro meriti, del loro eroismo e del loro sacrificio, propongo da qui, dalla Piazza Rossa, di inviare loro un segnale del nostro sostegno, del nostro rispetto e della nostra ammirazione per il loro sacrificio e per il loro eroismo. Propongo di farlo a voce alta, in modo che a migliaia di chilometri di distanza possano sentire la voce della Piazza Rossa, con un triplice “Hurrah!”. Prendete fiato e al mio comando contate fino a tre. Uno, due, tre: hurrah, hurrah, hurrah!

Cari amici, faremo di tutto per sostenere i nostri fratelli e sorelle di Zaporizhzhya, Kherson, Donetsk e Lugansk. Faremo di tutto per garantire la sicurezza, per aumentare il livello di sicurezza in questi territori e per queste persone. Faremo di tutto per rilanciare l’economia, ripristinare le infrastrutture, costruire nuove scuole, altre istituzioni educative, ospedali e cliniche.

Siamo diventati più forti perché siamo insieme. La verità è dietro di noi e la verità è la nostra forza, e questo significa vittoria! La vittoria sarà alle nostre spalle!

Grazie! Buona fortuna!

Discorso per la firma dei trattati di ammissione alla Russia delle regioni DNR, LNR, Zaporizhzhya e Kherson

Cari cittadini della Russia, cittadini delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, abitanti delle regioni di Zaporozhye e Kherson, deputati della Duma di Stato, senatori della Federazione Russa!

I referendum si sono svolti nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nelle regioni di Zaporozhye e Kherson. I loro risultati sono stati riassunti, i risultati sono noti. La gente ha fatto la sua scelta, una scelta inequivocabile.

Oggi firmiamo i trattati di ammissione alla Russia della Repubblica Popolare di Donetsk, della Repubblica Popolare di Luhansk, della regione di Zaporozhye e della regione di Kherson. Sono sicuro che l’Assemblea federale sosterrà le leggi costituzionali sull’ammissione e la formazione di quattro nuove regioni, quattro nuove entità costitutive della Federazione Russa, perché questa è la volontà di milioni di persone.

Ed è, ovviamente, un loro diritto, un diritto inalienabile, sancito dal primo articolo della Carta delle Nazioni Unite, che afferma esplicitamente il principio dell’uguaglianza dei diritti e dell’autodeterminazione dei popoli.

Ripeto: è un diritto inalienabile del popolo, si basa sull’unità storica, in nome della quale hanno vinto generazioni di nostri antenati, coloro che dalle origini dell’antica Russia nel corso dei secoli hanno costruito e difeso la Russia. Qui, in Novorossia, Rumyantsev, Suvorov e Ushakov combatterono, Caterina II e Potemkin fondarono nuove città. I nostri nonni e bisnonni hanno combattuto qui fino alla morte durante la Grande Guerra Patriottica.

Ricorderemo sempre gli eroi della “primavera russa”, coloro che non hanno sopportato il colpo di Stato neonazista in Ucraina nel 2014, tutti coloro che sono morti per il diritto di parlare la propria lingua madre, per preservare la propria cultura, le proprie tradizioni e la propria fede e per il diritto di vivere. Sono i guerrieri del Donbas, i martiri del “Khatyn di Odessa” e le vittime dei disumani attacchi terroristici del regime di Kiev. Sono volontari e milizie, sono civili, bambini, donne, anziani, russi, ucraini, persone delle più diverse nazionalità. Questo è il vero leader del popolo di Donetsk Alexander Zakharchenko, questi sono i comandanti Arsen Pavlov e Vladimir Zhoga, Olga Kochura e Alexey Mozgovoy, questo è il procuratore della Repubblica di Luhansk Sergey Gorenko. Questo è il paracadutista Nurmagomed Hajimagomedov e tutti i nostri soldati e ufficiali che sono morti da coraggiosi durante un’operazione militare speciale. Sono eroi. Eroi della grande Russia. E vi preghiamo di osservare un minuto di silenzio in loro memoria.

(Minuto di silenzio).

Grazie.

Dietro la scelta di milioni di persone nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e negli oblast di Zaporizhzhia e Kherson c’è il nostro destino comune e una storia millenaria. Le persone hanno trasmesso questo legame spirituale ai loro figli e nipoti. Nonostante tutte le prove, hanno portato avanti il loro amore per la Russia nel corso degli anni. E nessuno può distruggere questo sentimento in noi. Ecco perché le generazioni più anziane, quelle nate dopo la tragedia del crollo dell’Unione Sovietica, hanno votato per la nostra unità, per il nostro futuro comune.

Nel 1991, nella Belovezhskaya Pushcha, senza chiedere la volontà di un cittadino comune, i rappresentanti delle élite di partito di allora hanno preso una decisione sulla disintegrazione dell’Urss, e la gente si è trovata tagliata fuori dalla Madrepatria da un giorno all’altro. Questo ha lacerato e spaccato la nostra unità nazionale e si è trasformato in una catastrofe nazionale. Proprio come una volta, dopo la rivoluzione, i confini delle repubbliche sovietiche sono stati tagliati dietro le quinte, gli ultimi leader dell’Unione Sovietica hanno fatto a pezzi il nostro grande Paese nonostante la volontà diretta della maggioranza in un referendum del 1991, semplicemente anteponendo le nazioni ai fatti.

Ammetto che non hanno nemmeno capito bene cosa stavano facendo e a quali conseguenze avrebbero inevitabilmente portato alla fine. Ma questo non ha più importanza. L’Unione Sovietica non c’è più, il passato non può essere riportato indietro. E la Russia di oggi non ne ha bisogno, non aspiriamo ad essa. Ma non c’è nulla di più forte della determinazione di milioni di persone che per cultura, fede, tradizioni e lingua si considerano parte della Russia, i cui antenati per secoli hanno vissuto in un unico Stato. Non c’è nulla di più forte della determinazione di queste persone a tornare nella loro vera patria storica.

Per otto lunghi anni, la popolazione del Donbas è stata sottoposta a genocidio, bombardamenti e blocchi, mentre a Kherson e Zaporizhzhya si è cercato in modo criminale di inculcare l’odio per la Russia, per tutto ciò che è russo. Ora, durante i referendum, il regime di Kiev minacciava di rappresaglie gli insegnanti e le donne che lavoravano nelle commissioni elettorali, intimidendo milioni di persone che erano venute a esprimere la loro volontà. Ma il popolo intatto di Donbas, Zaporozhye e Kherson ha parlato.

Voglio che le autorità di Kiev e i loro veri padroni in Occidente mi ascoltino e voglio che tutti ricordino questo: le persone che vivono a Luhansk e Donetsk, Kherson e Zaporozhye diventano nostri cittadini per sempre.

Chiediamo al regime di Kiev di cessare immediatamente il fuoco, tutte le ostilità, la guerra che ha scatenato nel 2014 e di tornare al tavolo dei negoziati. Siamo pronti per questo, è stato detto molte volte. Ma la scelta del popolo di Donetsk, Luhansk, Zaporozhye e Kherson non sarà discussa, è stata fatta e la Russia non la tradirà. (Applausi) E le autorità di oggi a Kiev devono trattare questa libera espressione della volontà popolare con rispetto e nient’altro. Solo questo può essere il cammino verso la pace.

Difenderemo la nostra terra con tutte le forze e i mezzi a nostra disposizione e faremo di tutto per garantire una vita sicura al nostro popolo. Questa è la grande missione di liberazione del nostro popolo.

Ricostruiremo le città e i paesi distrutti, gli alloggi, le scuole, gli ospedali, i teatri e i musei, ripristineremo e svilupperemo le imprese industriali, le fabbriche, le infrastrutture, i sistemi sociali e pensionistici, l’assistenza sanitaria e l’istruzione.

Naturalmente, lavoreremo per migliorare la sicurezza. Insieme faremo in modo che i cittadini delle nuove regioni sentano il sostegno di tutto il popolo russo, di tutto il Paese, di tutte le repubbliche, di tutti i distretti e le regioni della nostra grande Madrepatria.

Cari amici, colleghi!

Oggi vorrei rivolgermi ai soldati e agli ufficiali coinvolti nell’operazione militare speciale, ai soldati del Donbas e della Novorossia, a coloro che dopo il decreto sulla mobilitazione parziale si uniscono alle Forze Armate, adempiendo al loro dovere patriottico, e che si recano essi stessi presso gli uffici di registrazione e arruolamento militare su richiesta del loro cuore. Vorrei rivolgermi ai loro genitori, alle loro mogli e ai loro figli e dire per cosa sta combattendo il nostro popolo, contro quale nemico ci stiamo battendo, che sta gettando il mondo in nuove guerre e crisi, traendo i suoi sanguinosi benefici da questa tragedia.

I nostri compatrioti, i nostri fratelli e sorelle in Ucraina – una parte nativa della nostra nazione unita – hanno visto con i loro occhi ciò che i circoli dirigenti del cosiddetto Occidente stanno preparando per tutta l’umanità. Qui, infatti, hanno semplicemente gettato la maschera e mostrato il loro vero coraggio.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’Occidente ha deciso che il mondo, tutti noi, avremmo dovuto sopportare per sempre i suoi dettami. Nel 1991 l’Occidente pensava che la Russia non si sarebbe mai ripresa da questo sconvolgimento e sarebbe crollata da sola. Ci è mancato poco: ricordiamo gli anni ’90, i terribili anni ’90, affamati, freddi e senza speranza. Ma la Russia ha resistito, si è rianimata, si è rafforzata e ha reclamato il posto che le spetta nel mondo.

Allo stesso tempo, l’Occidente ha cercato e continua a cercare un’altra occasione per colpirci, per indebolire e disintegrare la Russia, come ha sempre sognato di fare, per frammentare il nostro Stato, per mettere i nostri popoli gli uni contro gli altri, per condannarli alla povertà e all’estinzione. Non riescono a darsi pace per il fatto che esiste un Paese così grande e vasto nel mondo, con il suo territorio, le sue ricchezze naturali, le sue risorse, con la sua gente che non è in grado di vivere e non vivrà mai secondo gli ordini di qualcun altro.

L’Occidente è disposto a tutto pur di preservare quel sistema neocoloniale che gli permette di parassitare, in sostanza di derubare il mondo a spese del potere del dollaro e del dettato tecnologico, di riscuotere un vero e proprio tributo dall’umanità, di estrarre la principale fonte di ricchezza non guadagnata, la rendita egemonica. La conservazione di questa rendita è il loro motivo chiave, genuino e assolutamente egoistico. Ecco perché la totale de-sovranizzazione è nel loro interesse. Da qui l’aggressione agli Stati indipendenti, ai valori e alle culture tradizionali, i tentativi di minare i processi internazionali e di integrazione che sfuggono al loro controllo, le nuove monete mondiali e i centri di sviluppo tecnologico. Per loro è fondamentale che tutti i Paesi cedano la propria sovranità a favore degli Stati Uniti.

I circoli dirigenti di alcuni Paesi accettano volontariamente di farlo, accettano volontariamente di diventare vassalli; altri vengono corrotti o intimiditi. E se falliscono, distruggono interi Paesi, lasciandosi dietro disastri umanitari, catastrofi, rovine, milioni di fortune umane rovinate e maciullate, enclave terroristiche, zone di disastro sociale, protettorati, colonie e semicolonie. A loro non importa, purché ottengano i loro benefici.

Voglio sottolineare ancora una volta: è l’avidità, l’intenzione di mantenere il proprio potere illimitato, la vera ragione della guerra ibrida che l’”Occidente collettivo” sta conducendo contro la Russia. Non vogliono che siamo liberi, vogliono vederci come una colonia. Non vogliono una cooperazione paritaria, ma una rapina. Vogliono vederci non come una società libera, ma come una folla di schiavi senz’anima.

Vedono il nostro pensiero e la nostra filosofia come una minaccia diretta per loro, ed è per questo che attaccano i nostri filosofi. La nostra cultura e la nostra arte sono una minaccia per loro, quindi cercano di vietarle. Il nostro sviluppo e la nostra prosperità sono una minaccia anche per loro: la concorrenza cresce. Non hanno affatto bisogno della Russia, ma di noi.

Vorrei ricordarvi che le pretese di dominio mondiale sono state ripetutamente stroncate dal coraggio e dalla fermezza del nostro popolo in passato. La Russia sarà sempre la Russia. Continueremo a difendere i nostri valori e la nostra Madrepatria.

L’Occidente conta sull’impunità, sul farla franca. Di fatto, l’ha fatta franca fino ad oggi. Gli accordi di sicurezza strategica sono stati gettati nella spazzatura; gli accordi raggiunti al più alto livello politico sono stati dichiarati fasulli; le ferme promesse di non espandere la Nato verso est, una volta che i nostri ex leader le avevano accettate, si sono trasformate in una sporca messinscena; i trattati sulla difesa missilistica e sui missili a raggio intermedio sono stati unilateralmente annullati con pretesti inverosimili.

Da tutte le parti si sente dire che l’Occidente sostiene un ordine basato sulle regole. Da dove vengono? Chi ha visto queste regole? Chi li ha negoziati? Guarda, questa è solo una sciocchezza, un inganno totale, un doppio o triplo standard! Sono semplicemente progettati per gli sciocchi.

La Russia è una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo queste regole truccate e fasulle.

È stato il cosiddetto Occidente a calpestare il principio dell’inviolabilità dei confini e ora decide a propria discrezione chi ha diritto all’autodeterminazione e chi no, chi non ne è degno. Non è chiaro perché lo decidano, né chi abbia dato loro questo diritto. Non è chiaro a loro stessi.

Per questo motivo hanno una rabbia selvaggia per la scelta delle persone in Crimea, Sebastopoli, Donetsk, Luhansk, Zaporozhye e Kherson. Questo Occidente non ha il diritto morale di valutarlo e nemmeno di parlare di libertà di democrazia. Non lo fanno e non lo hanno mai fatto!

Le élite occidentali negano non solo la sovranità nazionale e il diritto internazionale. La loro egemonia è di natura decisamente totalitaria, dispotica e di apartheid. Dividono impudentemente il mondo in vassalli, in Paesi cosiddetti civilizzati e in tutti gli altri che, secondo i disegni degli odierni razzisti occidentali, dovrebbero entrare nella lista dei barbari e dei selvaggi. Le false etichette – “Paese canaglia”, “regime autoritario” – sono già in atto, stanno marchiando interi popoli e Stati, e non è una novità. Non c’è nulla di nuovo: le élite occidentali sono rimaste tali e quali – colonialiste. Discriminano, dividono i popoli in prime e altre classi.

Non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai questo nazionalismo politico e questo razzismo. E cos’è, se non il razzismo, la russofobia che si sta diffondendo nel mondo? Che cos’è, se non il razzismo, l’indiscussa convinzione dell’Occidente che la sua civiltà, la sua cultura neoliberale, sia il modello indiscutibile per il resto del mondo? “Chi non è con noi è contro di noi”. Sembra persino strano.

Anche le élite occidentali spostano il pentimento dei propri crimini storici su tutti gli altri, pretendendo dai cittadini dei loro Paesi e delle altre nazioni che si scusino per qualcosa con cui non hanno assolutamente nulla a che fare, ad esempio per il periodo delle conquiste coloniali.

Vale la pena ricordare che l’Occidente ha iniziato la sua politica coloniale già nel Medioevo, seguita dalla tratta mondiale degli schiavi, dal genocidio delle tribù indiane in America, dal saccheggio dell’India e dell’Africa, dalle guerre dell’Inghilterra e della Francia contro la Cina, che l’ha costretta ad aprire i suoi porti al commercio dell’oppio. Quello che stavano facendo era rendere interi popoli dipendenti dalle droghe, sterminare deliberatamente interi gruppi etnici per la terra e le risorse e istituire una vera e propria caccia alle persone come bestie. Questo è contro la stessa natura umana, contro la verità, la libertà e la giustizia.

E siamo orgogliosi che nel XX secolo sia stato il nostro Paese a guidare il movimento anticoloniale, che ha dato a molti popoli del mondo l’opportunità di svilupparsi, di ridurre la povertà e le disuguaglianze, di sconfiggere la fame e le malattie.

Vorrei sottolineare che una delle ragioni alla base della secolare russofobia e della rabbia non celata di queste élite occidentali nei confronti della Russia è proprio il fatto che non ci siamo fatti derubare durante le conquiste coloniali e abbiamo costretto gli europei a commerciare con reciproco vantaggio. Ciò è stato ottenuto creando in Russia un forte Stato centralizzato, che si è sviluppato, rafforzato dai grandi valori morali dell’Ortodossia, dell’Islam, dell’Ebraismo e del Buddismo, nonché dalla cultura e dalla parola russa, che sono aperte a tutti.

È noto che i piani di intervento in Russia sono stati fatti ripetutamente, hanno cercato di utilizzare sia il Tempo dei Problemi dell’inizio del XVII secolo, sia il periodo di sconvolgimenti dopo il 1917 – ma hanno fallito. Dopo tutto, l’Occidente è riuscito a mettere le mani sulle ricchezze della Russia alla fine del XX secolo, quando lo Stato è stato distrutto. Ci hanno chiamato amici e partner, ma in realtà ci hanno trattato come una colonia: trilioni di dollari sono stati sottratti al Paese con una serie di schemi. Tutti noi ricordiamo tutto, non abbiamo dimenticato nulla.

In questi giorni, i cittadini di Donetsk e Luhansk, di Kherson e Zaporozhye hanno parlato per ripristinare la nostra storica unità. Grazie!

Da secoli i Paesi occidentali affermano di portare libertà e democrazia alle altre nazioni. È esattamente il contrario: invece di democrazia, è oppressione e sfruttamento; invece di libertà, è schiavitù e violenza. L’intero ordine mondiale unipolare è intrinsecamente antidemocratico e non libero, è falso e ipocrita fino in fondo.

Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo ad aver usato due volte le armi nucleari, distruggendo le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Tra l’altro, hanno creato un precedente.

Vorrei anche ricordarvi che gli Stati Uniti, insieme agli inglesi, hanno ridotto in rovina Dresda, Amburgo, Colonia e molte altre città tedesche durante la Seconda guerra mondiale senza alcuna necessità militare. E questo è stato fatto in modo dimostrativo, senza, ripeto, necessità militari. Lo scopo era uno solo: come nel caso dei bombardamenti nucleari in Giappone, intimidire il nostro Paese e il mondo intero.

Gli Stati Uniti hanno lasciato un segno terribile sulle popolazioni della Corea e del Vietnam con i loro barbari “bombardamenti a tappeto”, il napalm e le armi chimiche.

Occupano ancora la Germania, il Giappone, la Repubblica di Corea e altri Paesi e allo stesso tempo li chiamano cinicamente alleati alla pari. Mi chiedo che tipo di alleanza sia questa. Tutto il mondo sa che i leader di questi Paesi sono spiati e che i loro leader sono intercettati non solo nei loro uffici, ma anche nelle loro case. È un vero peccato. Si vergogni chi lo fa, e si vergogni chi, come uno schiavo, ingoia in silenzio e senza complimenti questa cafonaggine.

Gli ordini e le urla sgarbate e insultanti ai loro vassalli la chiamano solidarietà euro-atlantica, lo sviluppo di armi biologiche e gli esperimenti su persone vive, anche in Ucraina, nobile ricerca medica.

Sono le loro politiche distruttive, le loro guerre, i loro saccheggi che hanno provocato l’enorme ondata di flussi migratori di oggi. Milioni di persone sopportano privazioni, abusi, muoiono a migliaia nel tentativo di raggiungere l’Europa.

Il pane viene esportato dall’Ucraina. Dove va a finire con il pretesto di “garantire la sicurezza alimentare dei paesi più poveri del mondo”? Dove sta andando? Tutto va ai Paesi europei. Solo il 5% è destinato ai Paesi più poveri del mondo. Ancora una volta, un’altra bufala e un vero e proprio inganno.

L’élite americana, infatti, usa la tragedia di queste persone per indebolire i propri rivali, per distruggere gli Stati nazionali. Questo vale anche per l’Europa, vale per l’identità di Francia, Italia, Spagna e altri Paesi con secoli di storia.

Washington chiede sempre più sanzioni contro la Russia, e la maggior parte dei politici europei obbedisce. Capiscono chiaramente che gli Stati Uniti, spingendo affinché l’Ue tagli completamente fuori l’energia e le altre risorse russe, stanno praticamente deindustrializzando l’Europa e prendendo il controllo del mercato europeo. Capiscono tutto, queste élite europee, capiscono tutto, ma preferiscono servire gli interessi di qualcun altro. Non si tratta più di una banalità, ma di un tradimento diretto dei loro popoli. Ma che Dio sia con loro, sono affari loro.

Ma le sanzioni non sono sufficienti per gli anglosassoni, che sono passati al sabotaggio – incredibile, ma è un dato di fatto – organizzando esplosioni sui gasdotti internazionali di Nord Stream, che corrono lungo il fondo del Mar Baltico, hanno di fatto iniziato a distruggere l’infrastruttura energetica europea. È evidente a tutti coloro che ne traggono vantaggio. Chi ne beneficia, ovviamente, lo ha fatto.

L’imposizione degli Stati Uniti si basa sulla forza bruta, sulla legge del pugno. A volte è ben confezionato, altre volte non lo è, ma l’essenza è la stessa: il potere del pugno. Da qui il dispiegamento e il mantenimento di centinaia di basi militari in ogni angolo del mondo, l’espansione della Nato e i tentativi di formare nuove alleanze militari come l’Aukus e simili. Si sta inoltre perseguendo attivamente un nesso politico-militare tra Washington, Seul e Tokyo. Tutti gli Stati che possiedono o aspirano a possedere un’autentica sovranità strategica e sono in grado di sfidare l’egemonia occidentale sono automaticamente arruolati come nemici.

È su questi principi che si fondano le dottrine militari degli Stati Uniti e della Nato, che non chiedono altro che il dominio totale. Le élite occidentali presentano i loro piani neocoloniali nello stesso modo ipocrita, anche con la pretesa di essere pacifici, parlando di una sorta di contenimento; una parola così subdola sta migrando da una strategia all’altra, ma, in realtà, significa solo una cosa: minare qualsiasi centro sovrano di sviluppo.

Abbiamo già sentito parlare del contenimento di Russia, Cina e Iran. Credo che altri Paesi in Asia, America Latina, Africa e Medio Oriente, così come gli attuali partner e alleati degli Stati Uniti, siano i prossimi in linea. Sappiamo che quando qualcosa non è di loro gradimento, impongono sanzioni anche contro gli alleati: una contro una banca, una contro un’altra, una contro un’azienda, una contro un’altra. È una pratica che verrà ampliata. Stanno prendendo di mira tutti, compresi i nostri vicini più prossimi, i Paesi della Csi.

Allo stesso tempo, l’Occidente si sta chiaramente e da tempo abbandonando a un’illusione. Così, avviando una guerra lampo di sanzioni contro la Russia, hanno creduto che sarebbero stati ancora una volta in grado di costruire il mondo intero al loro comando. Tuttavia, una prospettiva così rosea non entusiasma tutti, tranne i masochisti politici e gli appassionati di altre forme non convenzionali di relazioni internazionali. La maggior parte degli Stati si rifiuta di assecondare la Russia, optando invece per un modo ragionevole di cooperare con essa.

Una tale insubordinazione da parte loro non era chiaramente attesa dall’Occidente. Si sono semplicemente abituati ad agire secondo un modello, a prendere tutto con la forza sfacciata, il ricatto, la corruzione, l’intimidazione e a convincersi che questi metodi funzioneranno per sempre, come se fossero diventati rigidi e congelati nel passato.

Tale fiducia in se stessi è una diretta conseguenza non solo del noto concetto di eccezionalità – anche se è certamente sorprendentemente semplice – ma anche della reale fame di informazioni in Occidente. La verità è stata affogata in un oceano di miti, illusioni e falsi, utilizzando una propaganda proibitiva e aggressiva, mentendo come Goebbels. Più incredibile è la bugia, più velocemente la gente ci crederà: è così che operano, secondo questo principio.

Ma la gente non può essere nutrita con dollari ed euro stampati. Non si possono sfamare con quei pezzi di carta, e la capitalizzazione virtuale e gonfiata dei social network occidentali non può riscaldare le loro case. Tutto questo è importante, ma non meno importante è quello che ho appena detto: non si può sfamare nessuno con i giornali – c’è bisogno di cibo, e queste capitalizzazioni gonfiate non possono nemmeno riscaldare nessuno – c’è bisogno di energia.

Ecco perché i politici europei devono convincere i loro concittadini a mangiare meno, a fare il bagno meno spesso e a vestirsi più caldi in casa. E coloro che iniziano a porsi le giuste domande “perché è così? Sono dichiarati immediatamente nemici, estremisti e radicali. Trasferiscono la colpa sulla Russia, dicendo: è la fonte di tutti i vostri problemi. Mentono di nuovo.

Cosa voglio sottolineare? Ci sono tutte le ragioni per credere che le élite occidentali non cercheranno soluzioni costruttive alla crisi alimentare ed energetica globale, che è nata per loro colpa, proprio a causa della loro politica di lunga data, molto prima della nostra operazione militare speciale in Ucraina, nel Donbass. Non intendono risolvere i problemi di ingiustizia, di disuguaglianza. Si teme che siano pronti a utilizzare altre prescrizioni già note.

E qui vale la pena ricordare che l’Occidente è uscito dalle contraddizioni dell’inizio del XX secolo attraverso la Prima Guerra Mondiale. I frutti della Seconda Guerra Mondiale hanno permesso agli Stati Uniti di superare definitivamente le conseguenze della Grande Depressione e di diventare la più grande economia del mondo, imponendo al pianeta il potere del dollaro come valuta di riserva globale. L’Occidente ha ampiamente superato la crisi degli anni ’80 – che si è aggravata negli anni ’90 – appropriandosi dell’eredità e delle risorse dell’Unione Sovietica, che alla fine è crollata. Questo è un dato di fatto.

Ora, per uscire dal groviglio di contraddizioni, hanno bisogno, con tutti i mezzi, di spezzare la Russia e gli altri Stati che scelgono la via sovrana dello sviluppo per saccheggiare ancora di più le ricchezze altrui e a spese di questo chiudere, tappare i loro buchi. Se ciò non dovesse accadere, non escludo che cercheranno di far crollare il sistema, sul quale si potrà dare la colpa di tutto, oppure, Dio non voglia, decideranno di usare la nota formula “la guerra cancellerà tutto”.

La Russia comprende la propria responsabilità di fronte alla comunità internazionale e farà di tutto per far rinsavire queste teste calde.

È chiaro che l’attuale modello neocoloniale è condannato a lungo termine. Ma i suoi veri padroni si aggrapperanno ad essa fino alla fine. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo se non la continuazione dello stesso sistema di saccheggio e racket.

In sostanza, sputano sul diritto naturale di miliardi di persone, la maggior parte dell’umanità, alla libertà e alla giustizia, a determinare il proprio futuro. Ora sono passati alla negazione radicale della moralità, della religione e della famiglia.

Rispondiamo ad alcune domande molto semplici per noi stessi. Vorrei ora tornare a ciò che ho detto e rivolgermi a tutti i cittadini russi, non solo ai colleghi in sala, ma a tutti i cittadini russi: vogliamo davvero avere un “numero uno”, un “numero due” o un “numero tre” al posto di mamma e papà? Vogliamo che i bambini delle nostre scuole, a partire dalle elementari, siano esposti a perversioni che portano al degrado e all’estinzione? Vogliamo che venga loro insegnato che esistono altri generi oltre all’uomo e alla donna e che venga loro proposto un intervento di riassegnazione del sesso? È questo che vogliamo per il nostro Paese e per i nostri figli? Tutto questo per noi è inaccettabile, abbiamo un nostro futuro diverso.

Ripeto, la dittatura delle élite occidentali è diretta contro tutte le società, compresi i popoli dei Paesi occidentali. È una sfida per tutti. Questa negazione totale dell’uomo, la sovversione della fede e dei valori tradizionali, la soppressione della libertà assumono le caratteristiche di una “religione al contrario”, un vero e proprio satanismo. Nel Discorso della Montagna, Gesù Cristo, denunciando i falsi profeti, disse: “Dai loro frutti li riconoscerete”. E questi frutti velenosi sono già evidenti alla gente, non solo nel nostro Paese, ma in tutti i Paesi, compresi molti occidentali.

Il mondo è entrato in un periodo di trasformazione rivoluzionaria, è fondamentale. Si stanno formando nuovi centri di sviluppo, che rappresentano la maggioranza – la maggioranza! – della comunità mondiale e sono pronti non solo a dichiarare i propri interessi, ma anche a difenderli, e nel multipolarismo vedono l’opportunità di rafforzare la propria sovranità e quindi di conquistare la vera libertà, una prospettiva storica, il diritto a uno sviluppo indipendente, creativo e originale, a un processo armonioso.

In tutto il mondo, compresi Europa e Stati Uniti, come ho detto, abbiamo molte persone che la pensano come noi e sentiamo, vediamo il loro sostegno. In diversi Paesi e società si sta sviluppando un movimento di liberazione e anticoloniale contro l’egemonia unipolare. La sua soggettività non potrà che aumentare. È questa forza che determinerà la futura realtà geopolitica.

Cari amici!

Oggi lottiamo per un percorso giusto e libero, prima di tutto per noi stessi, per la Russia, perché la dittatura, il dispotismo siano per sempre nel passato. Sono convinto che i Paesi e i popoli capiscano che una politica costruita sull’eccezionalismo di qualcuno, sulla soppressione di altre culture e popoli, è intrinsecamente criminale, che dobbiamo voltare questa pagina vergognosa. Il crollo dell’egemonia occidentale, che è iniziato, è irreversibile. E ripeto: non sarà più come prima.

Il campo di battaglia a cui il destino e la storia ci hanno chiamato è il campo di battaglia per il nostro popolo, per la grande Russia storica. Per una grande Russia storica, per le generazioni future, per i nostri figli, nipoti e pronipoti. Dobbiamo proteggerli dalla schiavitù, da esperimenti mostruosi che cercano di paralizzare le loro menti e le loro anime.

Oggi combattiamo affinché non venga mai in mente a nessuno che la Russia, il nostro popolo, la nostra lingua, la nostra cultura, possano essere cancellati dalla storia. Oggi abbiamo bisogno di un consolidamento di tutta la società, e tale consolidamento può basarsi solo sulla sovranità, sulla libertà, sulla creazione e sulla giustizia. I nostri valori sono umanità, misericordia e compassione.

E vorrei concludere con le parole del vero patriota Ivan Aleksandrovich Ilyin: “Se considero la Russia la mia Madrepatria, significa che amo, contemplo e penso in russo, canto e parlo in russo; che credo nei poteri spirituali del popolo russo. Il suo spirito è il mio spirito; il suo destino è il mio destino; la sua sofferenza è il mio dolore; la sua fioritura è la mia gioia”.

Dietro queste parole c’è una grande scelta spirituale, che per più di mille anni di storia dello Stato russo è stata seguita da molte generazioni di nostri antenati. Oggi noi, cittadini delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e residenti delle regioni di Zaporozhye e Kherson, abbiamo fatto questa scelta. Hanno scelto di stare con il loro popolo, di stare con la loro Madrepatria, di vivere il suo destino e di vincere insieme a lei.

Fonte: kremlin.ru

Nessun commento:

Posta un commento