L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 6 ottobre 2022

Costanzo Preve: “global middle class caratterizzata dalla sua facilità di viaggiare, dall’inglese turistico, dall’uso moderato delle droghe, dal controllo delle nascite, da una nuova estetica transessuale, da un umanesimo terzomondista, da un multiculturalismo senza una vera curiosità culturale e, infine, da un approccio generale alla filosofia che ne fa una “terapia” psicologica di gruppo in cui il vecchio e faticoso dialogo socratico diventa il chiacchiericcio di persone semicolte”.

Iran: no, Alessia Piperno non è del Mossad. Eccone alcune della Cia.
Maurizio Blondet 5 Ottobre 2022

Alessia Piperno, l’ebrea italiana trentenne arrestata in Iran insieme ad altri stranieri che partecipavano ed istigavano le proteste giovanili nello sforzo di innescare una “rivoluzione colorata” e cambio di regime è un agente del Mossad oppure solo una scemetta, una turista compulsiva e ricca, in viaggio da 7 anni, come appare nei video che ha postato nel suo profilo? Certo una che ha deciso di stare da due mesi e mezzo in Iran (chi paga?) e di partecipare alle manifestazioni può suscitare qualche sospetto. Ma la Piperno corrisponde come una caricatura con una precisione stupefacente alla descrizione che Costanzo Preve ha fatto della “global middle class caratterizzata dalla sua facilità di viaggiare, dall’inglese turistico, dall’uso moderato delle droghe, dal controllo delle nascite, da una nuova estetica transessuale, da un umanesimo terzomondista, da un multiculturalismo senza una vera curiosità culturale e, infine, da un approccio generale alla filosofia che ne fa una “terapia” psicologica di gruppo in cui il vecchio e faticoso dialogo socratico diventa il chiacchiericcio di persone semicolte”.

Non c’è dubbio: la Piperno è una dilettante, in un campo in cui agiscono veri professionisti.

Come quelli che segnala Al Mayadin, raccontando la storia di Masih Alinejad, pagata da Washington per dare vita al più grande tentativo di rivoluzione colorata in Iran oggi.

“Sto guidando questo movimento”, ha detto Alinejad, 46 anni, al New Yorker sabato. “Il regime iraniano sarà abbattuto dalle donne. Io credo questo”.

Operando da un rifugio dell’FBI, Alinejad ha vissuto negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni lavorando a tempo pieno per VOA Persia – o, Voice of America, Persia – il portavoce della propaganda di Washington finanziato direttamente dal Broadcasting Board of Governors (BBG), un braccio di soft power dell’impero interamente finanziato dal Congresso degli Stati Uniti, fatto per capitalizzare narrazioni propagandistiche anti-regime a favore della corporatocrazia di Washington. Appare in foto accanto a Mike Pompeo e Madeleine Albright.

Ora Al MAnar ha scoperto che “l’Agenzia statunitense per i media globali ha pagato ad Alinejad oltre $ 628.000 per fare propaganda anti-regime e chiedere più sanzioni contro il suo paese (cosa non molto patriottica da fare). Alinejad ha fatto tutto ciò che era in suo potere mediatico per isolare il suo paese, tentando di renderlo uno stato paria bandito da tutti i privilegi diplomatici, economici e politici nell’arena globale. In effetti, una paladina dell’imperialismo”.


E’ questa signora 46 enne ad aver innescato la storia che ha suscitato le proteste in Iran: la storia della 22enne Mahsa Amini, che in un filmato della CCTV , viene coinvolta in una disputa verbale con una agente di polizia del buoncostume per il modo in cui aveva l’hijab avvolto intorno alla testa. Nel video si vede benissimo che non c’è stata violenza : la donna poliziotto lascia sola la ragazza e se ne va. In pochi secondi, la giovane donna si blocca, si piega e cade su una sedia a cui gli astanti sono corsi ad assistere. La ragazza, che aveva subito un intervento chirurgico al cervello nel 2006, ha subito un infarto che l’ha portata in coma. Due giorni dopo, è stata annunciata morta, dopo di che i tabloid occidentali hanno accusato la polizia iraniana di aver picchiato a morte Amini, provocando rivolte.

Il 14 settembre, il giorno in cui la povera Amini ha subito un infarto, Alinejad non ha fatto menzione di percosse o violenze. Ha scritto su Twitter: “Amini subisce un infarto dopo essere stata arrestata dalla polizia della moralità”.

Il 15 settembre, la risorsa della CIA intensifica la retorica: “Questa donna è in coma perché la polizia della moralità l’ha arrestata selvaggiamente”. Ancora, nessuna menzione di abusi, percosse o violenze fisiche.

Il 16 settembre, il giorno in cui la giovane donna è stata annunciata morta, Alinejad ha lanciato un hashtag per il quale aveva aperto un terreno fertile: “#Mahsa è stata assassinata dalla hijab police della Repubblica islamica in Iran”.

Subito, si unisce ad accusare la polizia di aver picchiato Amini è IranWire , fondato da Maziar Bahari . Bahari è un esiliato iraniano anti-Teheran che ha ammesso di “aver coperto manifestazioni illegali” e “aiutato a promuovere le rivoluzioni colorate” in Iran. Una risorsa dell’impero.

Il secondo post su Twitter che propagava la falsa narrativa era di Babak Taghvaee , un doppio agente in esilio accusato di aver diffuso informazioni sensibili alla CIA e al Mossad; un collaboratore militare di Israel Hayom , rapporti di ricerca del Pentagono e Radio Free Asia/Radio Liberty finanziata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti , che è anche a libro paga della BBG.

Con le centinaia di account falsi che hanno fatto tendenza sulla questione sui social media, i tweet hanno guadagnato un enorme slancio e sono state immediatamente scatenate rivolte. Gruppi terroristici tra la folla sono stati individuati e arrestati portando armi affilate ed esplosivi, sono stati compiuti omicidi con l’obiettivo di incolpare il governo e rivoltosi hanno bruciato banche e altre istituzioni statali irrilevanti, creando il caos. Il MEK, intendiamoci, è stata un’organizzazione terroristica negli Stati Uniti fino a quando è stata cancellata nel 2014, l’anno in cui Alinejad si è fatta strada negli Stati Uniti. Ora, i tabloid accoppiano “iraniani amanti della libertà” con sostenitori e organizzatori del MEK.


Washington ha cercato a lungo di mobilitare gli iraniani contro il loro governo, sia attraverso la propaganda dei media, sia attraverso sanzioni. Il caos che si produce è un sogno diventato realtà per Alinejad, un sottoprodotto di oltre decenni di lavoro. Un cablogramma di Wikileaks del 2009 inviato al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti scriveva di un’insoddisfatta Alinejad che lamentava una “mancanza di coesione tra i riformisti” che stava ostacolando i piani e gli interessi di Washington.

I media globali, Hillary Clinton, la Regime-change Soros’ Open Society Foundation e la NED si sono tutti impegnati simultaneamente nella campagna, versando lacrime di coccodrillo sulle donne iraniane. Intendiamoci, queste entità hanno progettato, abilitato e finanziato le più brutali politiche patriarcali contro le donne in tutto il mondo. Non c’era alcun riguardo per le donne palestinesi, yemenite, irachene, libiche o siriane quando gli Stati Uniti hanno bombardato o finanziato armi per bombardare le società nell’età della pietra. Washington finanzia l’entità più repressiva dell’Asia occidentale oggi, “Israele”, il cui sistema si basa su razzismo, stupro e sradicamento.

Per non parlare delle sanzioni che Alinejad ha chiesto più volte di attuare contro l’Iran, poiché “crede” che funzionino. Le sanzioni hanno colpito lo stile di vita di molte donne iraniane, impedendo loro il diritto all’igiene, garantendo un’alimentazione e una salute di qualità per i loro figli e utilizzando le risorse per una vita sana. Non così femminista, vero?

L’hijab è una legge democraticamente votata e legittimata

Forse l’abuso di libertà da parte dei Big Media non ci lascia spazio per indagare. I fatti, se trasmessi in modo efficace, sono il più grande sedativo di una massa arrabbiata: dopo che il governo di Shah Mohammad Reza Pahlavi fu rovesciato nel 1979, il leader della rivoluzione Imam Khomeini tenne un referendum a livello nazionale in cui le persone votarono indipendentemente dal fatto che sostenessero o meno che l’Iran fosse governato da un governo islamico costituzione. In questo contesto, le donne iraniane hanno integrato l’hijab nella costituzione e le donne iraniane hanno il diritto di revocarlo se lo desiderano. La legge è una decisione democratica presa dal popolo e dalle donne iraniane. Quindi, la legittimità della legge è ancora intatta.

Il sostegno popolare alla legge è stato ribadito in un sondaggio nazionale del 2014 che ha raccolto dati da tutte le province del paese, ponendo la domanda se siano d’accordo sul fatto che l’hijab obbligatorio debba essere applicato alle donne iraniane anche se non sono d’accordo con esso. Circa il 19% della popolazione era completamente d’accordo, il 35% era semplicemente d’accordo e il 25% era neutrale.

Nel 2021, il vicepresidente del parlamento iraniano Ali Motahhari ha suggerito che si tenesse un altro referendum sul velo quando le proteste erano di nuovo in aumento, esibendo i valori democratici che lo stato detiene, al contrario di ciò che l’Occidente dipinge il paese: un impiegato dittatura delle terre desolate.

L’infiltrazione e la distruzione di una società

Nel 2002, l’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha tenuto una conferenza di due ore e mezza appena prima che George Bush annunciasse la sua invasione dell’Iraq, in cui ha invitato gli Stati Uniti a fomentare il cambio di regime in Iran (e in Iraq, ovviamente), offrendo una spiegazione su come smantellare il tessuto sociale antimperialista nel Paese. Nella sua visione, Fox Broadcasting avrebbe mandato in onda “Beverly Hills 90210” e “Melrose Place” agli iraniani attraverso i loro televisori. “Questa è roba piuttosto sovversiva”, ha osservato. “I ragazzi iraniani vorrebbero i bei vestiti che vedono in quegli spettacoli. Vorrebbero le piscine e stili di vita liberi.

Le attuali rivolte in Iran non sono un evento sospeso nel tempo, ma piuttosto la continuazione di anni di tentativi di disgregazione da parte di persone come Alinejad e Netanyahu. Lo stesso tessuto sociale del paese è ciò che ha cacciato l’avidità occidentale nel 1979; un tessuto in gran parte costruito sulla ricchezza culturale e l’apprezzamento per la tradizione prodotta nel corso dei secoli. Spostare quel tessuto comporterebbe una trasformazione delle condizioni materiali. L’edonismo, il piacere e il materialismo sono armi in una cassetta degli attrezzi usata per ridurre le comunità in una schiavitù virtuale.

Hollywood si è rivelata uno dei migliori strumenti per ridefinire i valori della libertà, così efficace che persino i media arabi hanno lanciato proiezioni culturali occidentali sulle donne iraniane, che sono ampiamente favorevoli al velo obbligatorio.

Fonte, da consultare per le immagini e video:



Nessun commento:

Posta un commento