L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 20 ottobre 2022

Il Partito Comunista Cinese ha contraddizioni ma è ancora la forza politica che riunisce il maggior numero di élite presenti nella Cina attuale. Nessuna altra forza politica avrebbe la capacità di sostituirlo

19 Ottobre 2022 13:00
"Feroci tempeste in arrivo". La Cina di XI si prepara al conto alla rovescia finale


Ciò che spinge la Cina e la Russia è che prima o poi saranno loro a governare l'Heartland.

di Pepe Escobar – Strategic Culture

[Traduzione di Nora Hoppe]

Il discorso del Presidente Xi Jinping, durato 1h45min, all'apertura del 20° Congresso del Partito Comunista Cinese (CPC) presso la Grande Sala del Popolo di Pechino, è stato un coinvolgente esercizio di informazione del passato recente sul futuro prossimo. Tutta l'Asia e tutto il Sud globale dovrebbero esaminarlo attentamente.

La Sala Grande era sontuosamente addobbata con striscioni rosso vivo. Uno slogan gigante appeso in fondo alla sala recitava: "Lunga vita al nostro grande, glorioso e corretto partito"

Un altro, in basso, fungeva da riassunto dell'intera relazione:

"Tenere alta la grande bandiera del socialismo con caratteristiche cinesi, attuare pienamente Il Pensiero di Xi Jinping sul Socialismo con Caratteristiche Cinesi per una Nuova Era, portare avanti il grande spirito fondatore del partito, unirsi e lottare per costruire pienamente un Paese socialista moderno e promuovere pienamente il grande ringiovanimento della nazione cinese."

Fedele alla tradizione, il rapporto ha delineato i risultati ottenuti dal PCC negli ultimi 5 anni e la strategia della Cina per i prossimi 5 – e oltre. Xi prevede "feroci tempeste" in arrivo, interne ed estere. Il rapporto è stato altrettanto significativo per ciò che non è stato detto o lasciato sottilmente intendere.

Tutti i membri del Comitato centrale del PCC erano già stati informati del rapporto – e lo avevano approvato. Trascorreranno questa settimana a Pechino per studiare i dettagli e sabato voteranno per l'adozione. A quel punto verrà annunciato un nuovo Comitato Centrale del PCC e verrà formalmente approvato un nuovo Comitato Permanente del Politburo – i sette che governano davvero.

Questo nuovo schieramento di leadership chiarirà i volti della nuova generazione che lavoreranno a stretto contatto con Xi, nonché chi succederà a Li Keqiang come nuovo Primo Ministro: lui ha terminato i suoi due mandati e, secondo la Costituzione, deve dimettersi.

Nella Sala Grande sono presenti anche 2.296 delegati che rappresentano gli oltre 96 milioni di membri del PCC. Non sono semplici spettatori: durante la sessione plenaria che si è conclusa la scorsa settimana, hanno analizzato in profondità ogni questione importante e si sono preparati per il Congresso nazionale. Votano le risoluzioni del partito – anche se queste vengono decise dai vertici del partito a porte chiuse.

I punti chiave

Xi sostiene che negli ultimi 5 anni il PCC ha fatto progredire strategicamente la Cina, rispondendo "correttamente" (terminologia del Partito) a tutte le sfide estere. In particolare, i risultati chiave includono la riduzione della povertà, la normalizzazione di Hong Kong e i progressi nella diplomazia e nella difesa nazionale.

È significativo che il Ministro degli Esteri Wang Yi, seduto in seconda fila, dietro ai membri del Comitato permanente in carica, non abbia mai staccato gli occhi da Xi, mentre gli altri leggevano una copia del rapporto sulla loro scrivania.

Rispetto ai risultati ottenuti, il successo della politica "zero-Covid" ordinata da Xi rimane molto discutibile. Xi ha sottolineato che ha protetto la vita delle persone. Ciò che non ha potuto dire è che la premessa della sua politica è trattare il Covid e le sue varianti come un'arma biologica statunitense diretta contro la Cina. Si tratta di una grave questione di sicurezza nazionale che ha la meglio su qualsiasi altra considerazione, persino sull'economia cinese.

La strategia "zero-Covid" ha colpito duramente la produzione e il mercato del lavoro e ha praticamente isolato la Cina dal mondo esterno. Un esempio lampante: I governi distrettuali di Shanghai stanno ancora pianificando lo zero-Covid in un arco di tempo di due anni.

Lo zero-Covid non sparirà presto.

Una grave conseguenza è che l'economia cinese crescerà sicuramente quest'anno meno del 3% – ben al di sotto dell'obiettivo ufficiale di "circa il 5,5%".

Vediamo ora alcuni dei punti salienti del rapporto Xi.

Taiwan: Pechino ha iniziato "una grande lotta contro il separatismo e le interferenze straniere" a Taiwan.

Hong Kong: è ora "amministrata da patrioti, che la rendono un posto migliore". A Hong Kong c'è stata "una grande transizione dal caos all'ordine". Esatto: la rivoluzione dei colori del 2019 ha quasi distrutto un importante centro commerciale/finanziario globale.

Riduzione della povertà: Xi l'ha salutata come uno dei tre "grandi eventi" dell'ultimo decennio insieme al centenario del PCC e al socialismo con caratteristiche cinesi che entra in una "nuova era". La riduzione della povertà è al centro di uno dei "due obiettivi del centenario" del PCC.

Apertura: La Cina è diventata "un importante partner commerciale e una destinazione importante per gli investimenti stranieri". Xi confuta l'idea che la Cina sia diventata più autarchica. La Cina non si impegnerà in alcun tipo di "espansionismo" durante l'apertura al mondo esterno. La politica statale di base rimane: la globalizzazione economica. Ma – non l'ha detto – "con caratteristiche cinesi".

"Auto-rivoluzione": Xi ha introdotto un nuovo concetto. L'"auto-rivoluzione" permetterà alla Cina di sfuggire a un ciclo storico che porta a una recessione. E "questo assicura che il partito non cambierà mai". Quindi, o il PCC… o la malora.

Il marxismo: rimane sicuramente uno dei principi guida fondamentali. Xi ha sottolineato: "Dobbiamo il successo del nostro partito e del socialismo con caratteristiche cinesi al marxismo e a come la Cina è riuscita ad adattarlo."

Rischi: questo è stato il tema ricorrente del discorso. I rischi continueranno a interferire con i "due obiettivi centenari". L'obiettivo numero uno è stato raggiunto l'anno scorso, in occasione del centenario del PCC, quando la Cina ha raggiunto lo status di "società moderatamente prospera" sotto tutti i punti di vista (xiaokang, in cinese). L'obiettivo numero due dovrebbe essere raggiunto al centenario della Repubblica Popolare Cinese, nel 2049: "costruire un Paese socialista moderno che sia prospero, forte, democratico, culturalmente avanzato e armonioso".

Sviluppo: l'attenzione si concentrerà sullo "sviluppo di alta qualità", compresa la resilienza delle catene di approvvigionamento e la strategia economica della "doppia circolazione": l'espansione della domanda interna in parallelo agli investimenti esteri (per lo più incentrati sui progetti BRI). Questa sarà la priorità assoluta della Cina. Quindi, in teoria, qualsiasi riforma privilegerà una combinazione di "economia socialista di mercato" e apertura di alto livello, mescolando la creazione di una maggiore domanda interna con una riforma strutturale dal lato dell'offerta. Traduzione: "Doppia circolazione" sotto steroidi.

"Democrazia a processo completo": è l'altro nuovo concetto introdotto da Xi. Si traduce come "democrazia che funziona", come il ringiovanimento della nazione cinese sotto – che altro – la guida assoluta del PCC: "Dobbiamo garantire che il popolo possa esercitare i propri poteri attraverso il sistema del Congresso del popolo."

Cultura socialista: Xi ha detto che è assolutamente necessario "influenzare i giovani". Il PCC deve esercitare un controllo ideologico e assicurarsi che i media favoriscano una generazione di giovani "che siano influenzati dalla cultura tradizionale, dal patriottismo e dal socialismo", a vantaggio della "stabilità sociale". La "storia della Cina" deve arrivare ovunque, presentando una Cina "credibile e rispettabile". Questo vale certamente per la diplomazia cinese, anche per i "Lupi Guerrieri".

"Sinicizzare la religione": Pechino continuerà la sua azione di "sinicizzazione della religione", ovvero di adattamento "proattivo" della "religione e della società socialista". Questa campagna è stata introdotta nel 2015 e significa, ad esempio, che l'Islam e il Cristianesimo devono essere sotto il controllo del PCC e in linea con la cultura cinese.

La promessa di Taiwan

Arriviamo ora ai temi che ossessionano completamente l'Egemone in decadenza: la connessione tra gli interessi nazionali della Cina e il modo in cui questi influenzano il ruolo dello Stato-civiltà nelle relazioni internazionali.

Sicurezza nazionale: "La sicurezza nazionale è il fondamento del ringiovanimento nazionale e la stabilità sociale è un prerequisito della forza nazionale."

Le forze armate: l'equipaggiamento, la tecnologia e la capacità strategica del PLA saranno rafforzati. Va da sé che ciò significa un controllo totale del PCC sulle forze armate.

"Un Paese, due sistemi": Si è dimostrato "il miglior meccanismo istituzionale per Hong Kong e Macao e deve essere rispettato a lungo termine". Entrambi "godono di un'elevata autonomia" e sono "amministrati da patrioti". Xi ha promesso di integrare meglio entrambi nelle strategie nazionali.

Riunificazione di Taiwan: Xi si è impegnato a completare la riunificazione della Cina. Traduzione: restituire Taiwan alla madrepatria. Il discorso è stato accolto da un fiume di applausi e ha portato al messaggio chiave, rivolto contemporaneamente alla nazione cinese e alle forze di "interferenza straniera": "Non rinunceremo all'uso della forza e prenderemo tutte le misure necessarie per fermare tutti i movimenti separatisti." Il punto cruciale: "La risoluzione della questione di Taiwan è una questione che riguarda il popolo cinese stesso, che deve essere decisa dal popolo cinese."

È anche significativo che Xi non abbia nemmeno menzionato lo Xinjiang per nome: solo implicitamente, quando ha sottolineato che la Cina deve rafforzare l'unità di tutti i gruppi etnici. Lo Xinjiang per Xi e la leadership significa industrializzazione dell'Estremo Occidente e nodo cruciale della BRI: non l'oggetto di una campagna di demonizzazione imperiale. Sanno che le tattiche di destabilizzazione della CIA utilizzate in Tibet per decenni non hanno funzionato nello Xinjiang.

Al riparo dalla tempesta

Vediamo ora di analizzare alcune variabili che incidono sugli anni molto difficili che attendono il PCC.

Quando Xi ha parlato di "tempeste feroci in arrivo", è quello che pensa 24 ore su 24, 7 giorni su 7: Xi è convinto che l'URSS sia crollata perché l'Egemone ha fatto di tutto per indebolirla. Non permetterà che un processo simile faccia deragliare la Cina.

A breve termine, la "tempesta" potrebbe riferirsi all'ultimo round della guerra americana senza esclusione di colpi alla tecnologia cinese – per non parlare del libero scambio: tagliare alla Cina l'acquisto o la produzione di chip e componenti per supercomputer.

È lecito pensare che Pechino mantenga l'attenzione a lungo termine, scommettendo sul fatto che la maggior parte del mondo, soprattutto il Sud globale, si allontanerà dalla catena di approvvigionamento high tech degli Stati Uniti e preferirà il mercato cinese. Man mano che i cinesi diventeranno sempre più autosufficienti, le aziende tecnologiche statunitensi finiranno per perdere mercati mondiali, economie di scala e competitività.

Xi non ha nemmeno citato gli Stati Uniti per nome. Tutti i membri della leadership – soprattutto il nuovo Politburo – sono consapevoli del fatto che Washington vuole "sganciarsi" dalla Cina in ogni modo possibile e continuerà a dispiegare provocatoriamente ogni possibile filone di guerra ibrida.

Xi non è entrato nei dettagli durante il suo discorso, ma è chiaro che la forza trainante in futuro sarà l'innovazione tecnologica legata a una visione globale. Ed è qui che entra in gioco la BRI, ancora una volta – come campo di applicazione privilegiato per queste scoperte tecnologiche.

Solo così possiamo capire come Zhu Guangyao, ex vice ministro delle Finanze, possa essere sicuro che il PIL pro capite in Cina nel 2035 sarebbe almeno raddoppiato rispetto a quello del 2019 e avrebbe raggiunto i 20.000 dollari.

La sfida per Xi e il nuovo Politburo è quella di risolvere subito lo squilibrio economico strutturale della Cina. E pompare di nuovo gli "investimenti" finanziati dal debito non funzionerà.

Si può quindi scommettere che il terzo mandato di Xi – che sarà confermato alla fine di questa settimana – dovrà concentrarsi su una pianificazione rigorosa e sul monitoraggio dell'attuazione, molto più di quanto non sia avvenuto durante i suoi precedenti anni audaci, ambiziosi, abrasivi, ma a volte scollegati. Il Politburo dovrà prestare molta più attenzione alle considerazioni tecniche. Xi dovrà delegare una maggiore autonomia politica a un gruppo di tecnocrati competenti.

Altrimenti, torneremo alla sorprendente osservazione dell'allora premier Wen Jiabao nel 2007: L'economia cinese è "instabile, squilibrata, scoordinata e in definitiva insostenibile". Questo è esattamente il punto in cui l'Egemone vuole che sia.

Allo stato attuale, la situazione è tutt'altro che cupa. La Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma afferma che, rispetto al resto del mondo, l'inflazione al consumo in Cina è solo "marginale", il mercato del lavoro è stabile e i pagamenti internazionali sono stabili.

Il rapporto di lavoro e gli impegni di Xi possono anche essere visti come un capovolgimento dei soliti sospetti geopolitici anglo-americani – Mackinder, Mahan, Spykman, Brzezinski.

Il partenariato strategico Cina-Russia non ha tempo da perdere con i giochi egemonici globali; ciò che li spinge è che prima o poi governeranno l'Heartland – l'isola del mondo – e oltre, con alleati dal Rimland, dall'Africa all'America Latina, tutti partecipanti a una nuova forma di globalizzazione. Certamente con caratteristiche cinesi, ma soprattutto con caratteristiche pan-eurasiatiche. Il conto alla rovescia finale è già iniziato.

Nessun commento:

Posta un commento