L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 5 ottobre 2022

La Cina ha ampiamento previsto che la FED usa i tassi d'interessi per esportare RECESSIONE nel mondo per salvare la sua economia, l'ha fatto in passato, lo sta facendo ora, e si potrebbe ripetere in futuro. Per questo insieme alla Russia e all'India stanno creando un sistema alternativo al dollaro che permette di essere indipendenti dalla volontà/esigenze degli Stati Uniti

Ottobre 4, 2022 posted by Leoniero Dertona
Cina: il vero problema non è immobiliare, ma monetario

SHANGHAI, CHINA – AUGUST 31: (CHINA OUT) A Chinese man identifies a new issued 100 yuan note with an old one issued in 1999, at a bank on August 31, 2005 in Shanghai, China. Authorities issued new yuan notes today that largely resemble bills in circulation but with new marks meant to foil currency counterfeiters. New 100, 50, 20, 10 and 5 yuan notes, as well as a 1 jiao coin (10 Chinese cents), were available from the People’s Bank of China. The design of the new bills, bearing a portrait of former Chinese leader Mao Zedong, remains the same as the last-issued 1999 series but incorporate new watermarks and other minor changes that will make it harder to duplicate, according to state media. (Photo by China Photos/Getty Images)

La Cina non ha un problema di investimenti immobiliari, o di semplice fuga di capitali: la Cina si trova ad affrontare il dilemma che qualsiasi economia deve fronteggiare quando gestisce la propria politica monetaria. Un interessante articolo di Epoch Times studia la situazione

La politica monetaria sovrana si trova di fronte all’irrisolvibile dilemma di quella che gli economisti chiamano la “trinità impossibile”. I Paesi possono avere un tasso di cambio fisso, un flusso di capitali libero o una politica monetaria sovrana, ma devono scegliere solo due dei tre. La Cina ha cercato di manipolare ciascuna di queste leve e ne è uscita male, perché le leggi dell’economia non saranno rigide come quelle della fisica, ma non sono aggirabili. . La Cina ha implementato un tasso di cambio quasi fisso, che di fatto è legato al dollaro americano, con flussi di capitale strettamente controllati e una politica monetaria semi-sovrana. Ha cercato di realizzare la trinità monetaria, senza riuscirci.

Ciò che quasi nessuno ha notato nella contorta creazione della politica valutaria cinese che cercava di aderire alla “trinità impossibile” è che negli ultimi 20 anni la Cina ha beneficiato della sincronizzazione del ciclo economico con gli Stati Uniti. Poiché lo yuan era legato direttamente al dollaro statunitense e gli Stati Uniti mantenevano bassi i tassi di interesse, la Cina poteva mantenere bassi i propri tassi di interesse.

Ora che la Federal Reserve (Fed) sta aumentando i tassi di interesse, quale sarà l’impatto sulla Cina? In primo luogo, i giorni dei flussi di denaro facile verso la Cina sono finiti. Per gran parte degli ultimi 20 anni, i tassi d’interesse cinesi sono stati superiori del 3-5% rispetto agli Stati Uniti. Con un tasso di cambio fisso o semifisso, gli investitori cinesi avevano accesso a rendimenti più elevati. Con i rendimenti dei portafogli e gli investimenti diretti esteri basati sui differenziali dei tassi d’interesse tra Stati Uniti e Cina, questo ha attirato i capitali degli investitori con tassi di cambio fissi o fortemente gestiti, creando facili rendimenti. Però quando i titoli di stato USA rendono più degli investimenti cinesi, e senza rischio, allora questi capita li non arrivaranno più;
In secondo luogo, ciò eserciterà un’enorme pressione al rialzo sui tassi d’interesse cinesi proprio quando l’economia cinese sta vacillando. Per la maggior parte del periodo dal 2000, le economie cinese e statunitense sono state altamente correlate. Ciò ha permesso ai tassi di interesse cinesi di seguire quelli statunitensi e di godere di un periodo prolungato di denaro a basso costo. Tuttavia, ora che la Fed sta cercando di contenere l’inflazione e il surriscaldamento della domanda, la Cina sta soffrendo la sua economia più debole nella storia probabilmente successiva all’apertura. Quindi la Cina si trova collegata agli USA nel momento peggiore della propria economica, quando i cicli si stanno distaccando;
In terzo luogo, l’aumento dei tassi di interesse statunitensi esacerberà le pressioni di deflusso dei capitali dalla Cina. Quando i tassi di interesse governativi cinesi erano più alti del 3-5% rispetto agli Stati Uniti, il denaro affluiva in Cina alla ricerca di rendimenti più elevati. Oggi il debito pubblico statunitense a breve termine rende di più dell’analogo debito pubblico cinese. Se si aggiungono la debolezza del settore societario e le pressioni sul settore immobiliare, gli investitori cinesi vedono molte ragioni per spostare il loro denaro dalla Cina.

Per paesi come il Giappone o il Regno Unito, i deflussi di capitale significano svalutazione. Sebbene la Cina vanti riserve per 3.000 miliardi di dollari, date le dimensioni della sua economia e del mercato finanziario locale, quei 3.000 miliardi sono in realtà molto più piccoli di quanto sembri, quando si parla di valori tali da controllare il mercato dei cambi. Quindi con i flussi di investimenti prosciugati per l’alto rendimento del dollaro la Cina dovrebbe seguire una strada svalutativa che non vuole percorrere.

La Cina cerca di far quadrare il cerchio della politica finanziaria ignorando le realtà della politica economica. Anche se le autorità di regolamentazione cinesi riconoscono che il prezzo di fissazione giornaliero dello yuan da parte della PBOC si è discostato in modo significativo dalla formula ponderata basata sul prezzo del dollaro statunitense, non possono fare molto per obbligare le banche a rispettare questo cambio artificiale. Se i tassi di interesse statunitensi rimarranno al di sopra di quelli cinesi per un periodo prolungato, ciò costringerà Pechino a cambiare la sua politica di fronte a una serie di circostanze mai viste nella storia moderna. Attualmente è Pechino a dire ai mercati come comportarsi e come prezzare gli asset. Questo può accadere solo prima che i mercati trovino il modo di spostare denaro o mercati neri che paghino prezzi migliori.

Dato il previsto ciclo pluriennale dei tassi d’interesse e la probabile conseguente forza del dollaro americano, Pechino deve affrontare alcune decisioni difficili. Aumenta i tassi di interesse per arginare la caduta dello yuan a fronte di un’economia che vacilla? Difende lo yuan e stringe ancora di più i flussi finanziari internazionali?

Realisticamente, dovremmo aspettarci che Pechino ritardi il più possibile qualsiasi tipo di decisione reale, visti i compromessi molto negativi che deve affrontare. Un’ulteriore stretta sui flussi di capitale non farà altro che allontanare gli investimenti internazionali.

Nessun commento:

Posta un commento