L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 6 ottobre 2022

Le sanzioni, atti di guerra, che fanno male a chi le fa. Euroimbecilli cercasi

Analisi delle nuove folli sanzioni UE che fanno male a noi

da Moon of Alabama:

Il 22 febbraio, due giorni prima che le truppe russe entrassero in Ucraina, gli Stati Uniti e l’UE hanno sanzionato la Russia.  Su consiglio di Draghi, hanno anche confiscato circa 300 miliardi di dollari di riserve russe che sono state investite nell ‘”ovest”. Le sanzioni erano state negoziate tra l’UE e gli Stati Uniti e preparate per più di diversi mesi.

L’idea era di mandare in bancarotta la Russia entro poche settimane. Le persone illuse dietro quelle sanzioni non avevano idea di quanto fosse grande e le sanzioni hanno dimostrato che l’economia russa è davvero. Le sanzioni non hanno influenzato in alcun modo la Russia, ma le loro conseguenze hanno portato a una carenza di energia in Europa e hanno aumentato i tassi di inflazione già elevati. L’inflazione in Russia sta affondando ei suoi numeri economici generali sono buoni. I prezzi dell’energia ora più elevati generano entrate aggiuntive sufficienti per finanziare completamente i suoi sforzi bellici.

Un attore sano di mente concluderebbe che le sanzioni sono state un errore e che revocarle aiuterebbe l’Europa più di quanto non aiuterebbe la Russia. Ma no, le pseudo élite statunitensi ed europee non sono più in grado di agire in modo sano . Stanno invece raddoppiando con lo schema sanzionatorio più folle di cui si abbia mai sentito parlare:

L’Unione Europea mercoledì ha portato avanti un piano ambizioso ma non testato per limitare le entrate petrolifere della Russia. 
Se il prezzo globale del petrolio rimane elevato, complicherebbe lo sforzo dell’Unione europea di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio russo che avrebbe dovuto ottenere l’approvazione finale giovedì, dopo che i negoziatori dell’UE hanno raggiunto un accordo sulla misura come parte di un nuovo pacchetto di sanzioni contro Mosca.Secondo il piano, un comitato comprendente rappresentanti dell’Unione Europea, il Gruppo delle 7 nazioni e altri che accettano il massimale dei prezzi si incontrerebbe regolarmente per decidere il prezzo a cui dovrebbe essere venduto il petrolio russo e che cambierebbe in base al prezzo di mercato.

Diversi diplomatici coinvolti nei colloqui con l’UE hanno affermato che Grecia, Malta e Cipro, le nazioni marittime che sarebbero maggiormente colpite dal tetto massimo, hanno ricevuto assicurazioni che i loro interessi commerciali sarebbero stati preservati.

I paesi avevano sospeso quello che sarebbe stato l’ottavo pacchetto di sanzioni che l’Unione Europea ha adottato dall’invasione russa dell’Ucraina a causa delle preoccupazioni che un tetto massimo sul prezzo del petrolio russo esportato al di fuori del blocco avrebbe influenzato le loro industrie navali, assicurative e di altro tipo, i diplomatici disse.

Con i prezzi del petrolio ai massimi livelli, la Russia sta guadagnando miliardi di dollari, anche se vende quantità minori. Il cap – parte di un ampio piano spinto dall’amministrazione Biden che il G7 ha concordato il mese scorso – ha lo scopo di fissare il prezzo del petrolio russo a un livello inferiore rispetto a quello attuale, ma comunque al di sopra dei costi. Il Tesoro americano calcola che il cap priverebbe il Cremlino di decine di miliardi di dollari all’anno.

Come si fa a convincere un grande produttore di una merce rara a vendere quei beni al di sotto del prezzo di mercato generale? A meno che tu non abbia un cartello di acquirenti molto forte che può anche quel prodotto da altrove, non puoi farlo con successo. È un’impossibilità economica.

Per rendere efficace la misura e tagliare le entrate russe, gli Stati Uniti, l’Europa ei loro alleati dovrebbero convincere l’India e la Cina, che acquistano ingenti quantità di petrolio russo, ad acquistarlo solo al prezzo concordato. Gli esperti affermano che anche con partner disponibili, il limite potrebbe essere difficile da implementare.

La Russia ha dichiarato che non venderà petrolio a nessuna parte che sostiene il regime di fissazione dei prezzi del G7. Ecco perché né la Cina né l’India né altri paesi oltre all’UE e agli Stati Uniti accetteranno di aderirvi.

L’intera idea è pazza e troppo complicata per ottenere qualcosa:

In base alle nuove regole, le società coinvolte nella spedizione del petrolio russo, inclusi armatori, assicuratori e assicuratori, sarebbero impegnate a garantire che il petrolio che stanno aiutando a trasportare venga venduto al prezzo massimo o inferiore. Se vengono sorpresi ad aiutare la Russia a vendere a un prezzo più alto, potrebbero dover affrontare azioni legali nei loro paesi d’origine per violazione delle sanzioni.Il 5 dicembre il greggio russo entrerà sotto embargo nella maggior parte dell’Unione Europea ea febbraio seguiranno i prodotti petroliferi. Il prezzo massimo per le spedizioni verso paesi non UE è stato sostenuto dal segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen come complemento necessario all’embargo petrolifero europeo.

In base all’accordo con l’UE, Grecia, Malta e Cipro potranno continuare a spedire petrolio russo. Se non avessero accettato di mettere le loro aziende in prima linea nell’applicazione del price cap, sarebbe stato loro vietato spedire o assicurare il carico di petrolio russo al di fuori dell’Unione Europea, un enorme successo per le principali industrie.

Più della metà delle petroliere che attualmente trasportano petrolio dalla Russia sono di proprietà greca. E i servizi finanziari che sono alla base di tale commercio, comprese assicurazioni, riassicurazioni e lettere di credito, hanno sede prevalentemente nell’Unione Europea e in Gran Bretagna.

Questo è ovviamente un invito aperto ad altri paesi a entrare nel settore del trasporto di petrolio e dei relativi servizi finanziari a spese delle società europee.

Sia la Cina che l’India aumenteranno le loro quote di mercato in quei campi. Le loro navi trasporteranno petrolio russo a chiunque lo voglia acquistare al prezzo di mercato meno lo sconto russo sempre negoziabile. Le navi greche rimarranno inattive o saranno vendute mentre le petroliere indiane, cinesi e altre asiatiche saranno molto, molto impegnate. Le grandi compagnie assicurative cinesi si uniranno felicemente a questa nuova attività di servizi globali.

Il fatto che i burocrati europei abbiano accettato stupida idea degli Stati Uniti, che danneggerà soprattutto le imprese europee, è un altro segno che Bruxelles ha rinunciato ad avere qualsiasi autonomia.

Oggi i paesi OPEC+, il cartello dei venditori di petrolio, hanno reagito all’idea pazza di sanzioni e all’imminente depressione globale accettando di ridurre la loro produzione giornaliera di 2 milioni di barili. Ciò non è stato fatto per solidarietà saudita con la Russia. L’Arabia Saudita ha bisogno di petrolio sopra gli 80 $/bl per finanziare il suo bilancio.

Il Brent Crude, sceso a 83 $/bl il 26 settembre, da allora è salito a 93 $/bl.

La domanda globale di petrolio è di circa 100 milioni di barili al giorno. Se la domanda rimane alta, la riduzione del 2% della produzione OPEC+ avrà effetti significativi sui prezzi e 100 dollari al barile saranno facilmente raggiungibili.

Ma l’OPEC+ si impegna a prezzi stabili, non ad aumenti di prezzo significativi. Durante la sessione dell’OPEC+ di oggi il principe saudita Abdulazis ha mostrato questa tabella :


più grande
Dall’inizio dell’anno i prezzi di tutte le forme di energia a base di carbonio, ad eccezione del petrolio greggio, sono aumentati considerevolmente. Abdulazis ha affermato che il grafico mostra che l’OPEC+ sta gestendo i prezzi del petrolio in modo responsabile. L’UE non sta certamente facendo lo stesso.

L’amministrazione Biden ha nel frattempo quasi dimezzato il contenuto della riserva petrolifera strategica statunitense. Questo per mantenere bassi i prezzi alla pompa degli Stati Uniti e i Democratici al potere.


più grande
Nessuno dei due è un passo responsabile da compiere.

Nessun commento:

Posta un commento