L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 9 aprile 2014

Nonostante la più grande compravendita dei voti del demagogo Pd perderanno l'elezioni europee


la mossa falsa dei giovani pieddini

Chi vota PD o chi ha ancora dei dubbi sul fatto che uscire dall'euro e da questa Europa sia la soluzione per spodestare la gentaglia ignobile che ci governa dia un occhio a queste slide.

Se non fossero l'euro e l'Europa il fulcro del problema politico-sociale, perché, per controbattere il crescente euroscetticismo, i giovani rampolli del PD si prenderebbero la briga di elaborare una strategia comunicativa di stampo berlusconiano, fondata su luoghi comuni le cui argomentazioni sono pari a zero?

Se ci fosse onestà intellettuale non basterebbe rispondere al "contradditorio" con dati e argomentazioni?

I cosiddetti piddini hanno mai avuto un proprio cervello in zucca o necessitano di un tutorial che spieghi loro come porsi per recitare in modo da non rispondere (a macchinetta) punto per punto?

Come mai in data 7 aprile addirittura Mario Monti si è preso la briga di telefonare in diretta televisiva alla trasmissione Piazza Pulita per difendere la moneta euro? 

Cosa sta succedendo all'interno del PUD€

Se agli occhi dell'opinione pubblica dovesse venire fuori che queste persone sono anni che mentono spudoratamente, e che quindi sono i reali responsabili di suicidi, povertà, disoccupazione e vite bruciate cosa succederebbe loro?

Negli anni, giorno dopo giorno, si sta vietando la libertà di espressione ed informazione, perché da tempo le lobbies politiche ed economiche hanno pieno controllo mediatico dei principali canali di comunicazione. Vengono lasciati piccoli spazi di sfogo, inadeguati per spiegare agli italiani cosa sta realmente succedendo, e che vengono sapientemente gestiti e controllati in modo da non far passare i messaggi o farli passare con le modalità sbagliate per renderli inoffensivi, ma con cui poi possono dire che viviamo in una democrazia dove ognuno può esprimere il proprio punto di vista.

Arriveranno tempi ancora più bui in cui non sarà nemmeno possibile porsi delle domande? 



Nessun commento:

Posta un commento